Attrezzi da giardino

Picconi, rastrelli e vanghe: Tutti e tre questi elementi sono indicati per la lavorazione del terreno.

Il primo è sicuramente il rastrello, che è uno strumento per il lavoro del terreno in modo manuale, e infatti, come anche gli altri strumenti qui indicati, non possiede un motore.

Il rastrello è formato da un manico lungo un minimo di 1,50 metri e un massimo di 2 metri. Al termine di questo manico, che può essere realizzato in materiale metallico, in plastica o in legno, vi è un pettine che può anch’ esso essere realizzato con vari materiali, uguali o diversi da quello scelto per il manico.

Ovviamente la scelta di quali materiali utilizzare non viene fatta a caso, cosa che non avviene nemmeno per la distanza delle punte del pettine: quando il rastrello serve per lavorare una terra dura, essa in genere viene realizzato in metallo, ... continua


Articoli su : Attrezzi da giardino


1          3      4      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
  • Motozappa

    motozappa per giardinaggio Articolo sulla motozappa, sulle sue caratteristiche, sui prezzi e sui pro e i contro sull'utilizzo di questo moderno attrezzo da giardino
  • Vanga

    vanga Articolo su dove comprare le vanghe, a che prezzo comprarle e come utilizzarle al meglio. Entra nella pagina per avere tutte le notizie che ti servono.
  • Zappa

    La zappa: un attrezzo indispensabile per gli amanti del giardinaggio. Grazie a questo semplice ed economico strumento potrai realizzare numerosi lavori anche molto complicati.
  • Carriola a motore

    esempio di carriola a motore Una carriola a motore consente di poter trasportare con semplicità notevoli moli di materiale. Ne esistono di differenti modelli che consentono numerose operazioni.
  • Roncola

    la roncola La roncola è un particolare attrezzo utilizzato nelle lavorazioni agricole; si presenta con una lama larga con una forma curva e un'impugnatura di solito in legno.
  • Sarchiatore

    Il sarchiatore è un utensile che, per chi non l’avesse mai visto, è formato da de parti principali:
  • Piccone

    piccone Attraverso il fai da te è possibile eseguire uno svariato numero di lavori, tutti molto utili perché
  • Rastrello

    rastrello con manico di legno e dentatura di metallo Attraverso il fai da te è possibile effettuare moltissime operazioni, le quale spaziano da un campo
  • Motosega per potatura

    Motosega per potatura Inventata all’inizio del secolo scorso, e più precisamente alla fine degli anni Venti, la motosega s
  • Composter fai da te

    costruire il composter Innanzitutto è necessario costruire un composter fai da te, ovvero una sorta di contenitore in cui a
  • Tagliasiepi telescopico

    modello di tagliasiepi telescopico ryobi Al giorno d'oggi, infatti, gli attrezzi da giardino, come ad esempio un tagliasiepi telescopico elettrico, sono pensati principalmente per chi non ha il "pollice verde", al fine di semplificare anche
  • Carriola

    carriola Spesso si va la scelta di occuparsi del fai da te nel proprio tempo libero, anche perchè si tratta d
1          3      4      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , almeno per quanto riguarda il pettine; quando deve lavorare una terra tenera si usa in genere il legno o la plastica. I rastrelli, però, oltre che per lavorare la terra possono servire anche a ripulire quest’ ultima da foglie secche o da piccole pietre. In questi casi non serve il rastrello di metallo, che tra l’ altro è sicuramente molto più pesante degli altri, e si preferisce un rastrello più leggero e maneggevole, quindi più facile da utilizzare e molto meno stancante.

La vanga viene utilizzata per smuovere o rimuovere il terreno, per frantumare le zolle di terra, per spargere dei semi e per altro ancora. Essa è formata da un manico generalmente in metallo o in legno, che può essere di varia lunghezza: da un minimo di 1, 30 metri ad un massimo di 1, 90 metri -2 metri. Essa è molto utilizzata nei lavori di giardinaggio, e la si considera l’ equivalente del badile, che invece viene utilizzato nei lavori edili. Sicuramente è molto simile alla “pala” , che però è considerata la sua antenata. Diversamente sia da quest’ ultima che dal badile, la vanga ha un sistema di utilizzo secondo cui si deve impugnare il manico con entrambe le mani, per poi disporla verticalmente, rivolgendo, ovviamente, la punta della lama verso la parte di terreno che si intende vangare. A questo punti, si esercita pressione con il piede sulla vanga in modo che la lama penetri all’ interno del terreno. Con la lama quindi si solleva una porzione di terreno e la si rivolta o la si sposta, a seconda che si voglia preparare il terreno alla semina oppure si voglia scavare una buca.

Il piccone è un attrezzo molto antico, proprio come il rastrello e la vanga, con i quali si può dire che abbia in comune il sistema di utilizzo, ma è diverso per quanto riguarda la lama.

SI tratta di un attrezzo molto robusto da azionare manualmente, il quale è formato di un manico che, proprio come avviene per il manico degli attrezzi precedentemente descritti, può essere in legno o in materiale metallico. All’ estremità di questo manico si trova una specie di lastra di acciaio molto robusto, di circa sessanta centimetri, che possiede un’ estremità a punta e una a taglio. Esistono però anche i picconi a zappa, in cui l’ estremità a taglio viene sostituita con la punta a zappa, che ha una forma allungata, utile per gli interventi di diserba mento.

Questo attrezzo è molto utile per rompere zolle di terreno particolarmente dure, quindi è consigliabile comperarlo solo quando ci si trova davanti a terre particolarmente aride e molto compatte.

Potare una pianta è molto importante per il suo benessere, tuttavia, come chi si occupa di giardinaggio ben sa, si tratta di un’ operazione non prevista dalla natura, ma messa appunto dall’ uomo per trarre maggiori vantaggi, sia estetici che produttivi, dalle proprie piante, pertanto si sta parlando di un’ operazione abbastanza invasiva e traumatica per le piante, specie per alcune, come il ciliegio che non la sopportano. Se eseguita con i giusti materiali e attrezzi,e con le dovute accortenze, forse saranno evitati grossi danni alla pianta, ma se si trascurano questi dettagli è molto facile che la propria pianta contragga infezioni e malattie, o che la si esponga maggiormente a infestazioni.

Innanzitutto, bisogna sapere che per la potatura è importante che gli attrezzi utilizzati siano affilati nel modo migliore possibile, perché un attrezzo non affilato causa grossi danni alla pianta, che si può anche “sfilacciare”. Inoltre, tutto ciò che viene utilizzato deve essere ben disinfettato, per evitare infezioni alla pianta.

Ovviamente, a seconda della potatura che si deve effettuare, ovvero dello spessore di ciò che si vuole tagliare,vi sono degli attrezzi indicati.

Per tagliare le semplici foglie, o i rametti più semplici, vi sono le forbici da potatura. Queste ultime si distinguono dalle forbici normali perché sono molto affilate e perché il loro manico è molto più lungo di queste ultime, mentre le lame generalmente sono più corte. Le forbici che si scelgono per la propria potatura, possono essere manuali, ma anche a batteria, elettriche o pneumatiche, cosa che permette di agevolare e velocizzare il lavoro. Il loro prezzo oscilla dai cinque ai venticinque euro,a seconda di ciò che si sceglie. Vi sono poi forbici più robuste, dette troncarami, che servono per recidere piccoli rametti, e il loro costo è di circa 30 euro.

Per rami veri e propri, di arbusti s’ intende, vengono invece utilizzate le cesoie. La cesoia è un utensile che ha la forma di una forbice molto robusta e grossa, utilizzata in agricoltura o in giardinaggio. Le cesoie hanno strutture particolari a seconda dell’ utilizzo che se ne fa. Le lame, comunque, così come nelle forbici, sono sempre molto corte, mentre i manici particolarmente lunghi. Quelle che permettono di tagliare rami particolarmente spessi sono le cesoie a cricchetto . Ovviamente esistono anche quelle tagliasiepi, e sono caratterizzate da lame e manici lunghi e dritti. Anche in questo caso, possono essere scelte delle cesoie motorizzate, elettriche o pneumatiche.

Lo svettatoio è invece uno strumento provvisto di un manico particolarmente lungo e di una lama o di forbici poste al vertice di questo manico. E’ uno strumento molto utile per “svettare” gli alberi, ovvero per ridurre e modellare la loro chioma a seconda delle proprie preferenze. E’ uno strumento utile anche per creare composizioni particolari e fantasiose con le chiome degli alberi.

L’ annaffiatoio è un aggeggio utilizzato per portare acqua alle proprie piante, siano esse piante da appartamento che coltivate in piena terra. Per questo scopo, si direbbero essere utilizzati benissimo altri contenitori, ma non è proprio così: a differenza di questi ultimi infatti, l’ annaffiatoio è provvisto di una specie di doccetta che permette di simulare la caduta della pioggia, quindi di rendere l’ irrigazione quanto più simile possibile a quella naturale. Questa doccetta ovviamente è collegata al contenitore dell’ acqua tramite un tubicino, mentre il tutto è trasportabile facilmente grazie a uno o più manici, uno sulla parte superiore e l’ altro lateralmente. Il primo va utilizzato per il trasporto dell’ acqua, il secondo quando quest’ultima deve essere fornita alla pianta tramite la doccetta e quindi l’ aggeggio deve essere inclinato. Gli attrezzi da giardino, permettono di garantire una sana crescita all’erba e a tutti gli elementi che compongono i vostro giardino. L’importante è capire bene in quale momento agire e quali attrezzi usare. Gli attrezzi più usati sono senza ombra di dubbio la motopompa, la motosega el il trinciasarmenti, questi a differenza degli altri attrezzi permettono di accelerare, e non di poco, il lavoro che si fa in un giardino. L'unico inconveniente è però che non vanno mai messi in mano a degli esperti perchè sono anche degli strumenti molto pericolosi e quindi una persona che risulta essere alle prime armi; potrebbe trovarsi in difficoltà con uno di questi attrezzi e provocarsi delle ferite molto importanti.

Guarda il Video