Tettoia in plexiglass

La tettoia in plexiglass: le caratteristiche

Una tettoia in plexiglass può essere applicata sia sopra la porta d'ingresso per proteggere l'entrata dal vento e dalla pioggia che per una copertura esterna di notevoli dimensioni, come quelle per i gazebi, per i terrazzi o per i pergolati. Le tettoie in plexiglass sono molto popolari sia per i vantaggi che consentono che per i costi più bassi rispetto a quelli del vetro, anche se la resa estetica è sempre di alto livello. Questi elementi sono molto leggeri e sono trasparenti: di conseguenza si ottengono gli stessi effetti del vetro ma le caratteristiche tecniche del materiale plastico sono diverse. Infatti la luce vi passa attraverso senza problemi, così l'ambiente sottostante è maggiormente usufruibile. Allo stesso tempo il plexiglass (il nome tecnico è PMMA, cioè polimetilmetacrilato) ha una densità molto minore rispetto al vetro e quindi è più leggero. Al tempo stesso è molto resistente, tanto da risultare indistruttibile.
Esempio di tettoia in plexiglass

Pensilina Copriporta, Materiale Sintetico, Alluminio, Diverse Misure, Tettoia Ad Arco, Ingresso, Hxl: 100 X 80 Cm, Trasparente

Prezzo: in offerta su Amazon a: 50,9€


Perchè adottare il plexiglass nelle tettoie

Tettoia in policarbonato Il plexiglass ha una trasparenza del 93%, quindi una percentuale molto superiore a quella del vetro. La grande resistenza del materiale gli consente di sopportare urti, umidità e l'azione degli agenti chimici ed atmosferici senza danni. In più può anche sopportare carichi fino a 150 chili al metro quadro. La tettoia in plexiglass è formata da lastre sottoposte a procedimenti di lavorazione diversi: si può parlare della tecnica per colatura e di quella per estrusione. Le caratteristiche ottenute sono simili, ma la differenza sta nello spessore della lastra: infatti il plexiglass estruso è meno trasparente ma ha uno spessore più uniforme. In ogni caso le lastre sono strutture modulari vere e proprie a cui si può dare la forma desiderata: la forma a onda è caratteristica delle pensiline per le porte d'ingresso mentre quella piana è adottata soprattutto nelle tettoie. A seconda della destinazione d'uso cambierà anche il tipo di telaio: le piccole tettoie e le pensiline in plexiglass hanno una struttura portante in alluminio sottoposto a verniciatura con polveri epossidiche. Ne è un esempio il modello Liras della ditta Pensiline Italiane. Le tettoie di maggiori dimensioni, invece, hanno un telaio d'acciaio.

  • Quando ci si occupa del fai da te, spesso e volentieri ci si può trovare a doversi occupare del proprio giardino o dell’ allestimento anche esterno della propria casa. La tettoia rientra sicuramente n...
  • copertura tetto in pvc Spesso si ritiene che una copertura tetto economica sia solo una soluzione provvisoria e momentanea per risolvere problemi contingenti, ma, a ben guardare, questo tipo di copertura può essere utilizza...
  • Copertura in policarbonato per tettoia Una delle soluzioni più all'avanguardia per la copertura delle abitazioni, e delle tettoie in particolare, è il policarbonato. E' una materia plastica facilmente lavorabile fino a farle assumere diver...
  • Alcune note Tutti noi siamo venuti a contatto con sistemi di copertura tetti o di qualsiasi altro genere ma comunque con coperture non di altissimo livello ma che hanno assicurato grossi benefici economici. Eppur...

TETTOIA PENSILINA CON COPERTURA IN PLEXIGLASS 80x100 CM PER ARREDO ESTERNO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,9€


I vantaggi e gli svantaggi di una tettoia in plexiglass

Tettoia in plexiglass e acciaio Sul mercato esistono tantissimi modelli diversi di tettoie realizzate in un'ampia gamma di materiali. Le versioni in materiali plastici, soprattutto in plexiglass, si sono diffuse negli ultimi anni, tanto che ormai si sono imposte come l'ultima tendenza dell'edilizia contemporanea. Sono tante le aziende produttrici, tra cui Eurovolt e VitrumMioni. Una tettoia in plexiglass consente tutta una serie di vantaggi che la fanno risultare la miglior possibile soluzione in certe circostanze. La leggerezza e la trasparenza sono i vantaggi principali e più immediati di questo materiale: di conseguenza una tettoia in plexiglass è l'ideale per gli ambienti esterni dove arriva poca luce. Ne sono un perfetto esempio i vicoli e i cortili. In zone che invece ricevono una gran quantità di luce è possibile istallare anche una struttura in plexiglass opaco o colorato. Questo materiale plastico è ottimo per le coperture, anche se in genere viene usato maggiormente nel settore dell'arredamento. Infatti se lo si usa negli ambienti esterni ha bisogno di una certa manutenzione perchè con il tempo si può indurire, rigare o strisciare. In più può anche ingiallire nel corso del tempo se non pulito regolarmente.


Tettoia in plexiglass: I prezzi e la manutenzione di una tettoia in plexiglass

Tettoia per esterno in plexiglass Il costo di una tettoia in plexiglass dipende dalle sue dimensioni, dal tipo di telaio e dalla presenza di eventuali accessori. Infatti il materiale plastico di per sé non è costoso: dato che sul mercato si trovano con facilità lastre ondulate a 6 euro ognuna, si possono comprare i pezzi di una tettoia separatamente per poi procedere al montaggio. Se si acquista una pensilina con lastra a tunnel e con telaio il prezzo arriva anche a 800 euro. Un esempio di questo modello è la tettoia tunnel con tirante di VitrumMioni. Per quanto riguarda le operazioni di pulizia e di manutenzione delle tettoie in plexiglass, si deve tenere a mente che questo materiale plastico tende a graffiarsi: i segni, quindi, danneggiano sia la resa estetica che la trasparenza della struttura. A differenza in una tettoia con lastre a colatura (sottoposte a un trattamento a base di solventi per una maggiore protezione contro i graffi), quelle in plexiglass estruso o acrilico si rigano più facilmente.



COMMENTI SULL' ARTICOLO