Costruire un pergolato

Perchè conoscerla:

Probabilmente è proprio questa la chiave del successo del fai da te, un hobby che nel corso del tempo sta riscuotendo sempre più assensi da parte delle persone, e pertanto viene sempre più amato e praticato. Infatti, il fai da te permette a chiunque di occupare il proprio tempo in un’ operazione allo stesso tempo divertente ma anche produttiva, così come tutti, attraverso questa tecnica, possono coltivare una propria passione e migliorarsi sotto tanti punti di vista. Ma prima di analizzare quelli che sono i vantaggi dell’ occuparsi del fai da te, è bene rispondere alla domanda “cos’è il fai da te?”. Spesso si parla del fai da te come se fosse un’ insieme di operazioni, o addirittura come se si trattasse di un ‘operazione in se. Invece, occuparsi di fai da te, vuol dire svolgere una serie di operazioni, in realtà qualsiasi tipologia di lavoro, attraverso una pratica ben precisa, ovvero adoperandosi autonomamente per risolvere una propria necessità e per portare a termine un lavoro, senza interpellare dei professionisti del settore, cosa invece indispensabile quando non ci si occupa di fai da te. Ma ora, è bene parlare di quelli che sono i vantaggi che l’ occuparsi di fai da te comporta. In primis, bisogna dire che il fai da te permette a tutti di impegnare il proprio tempo libero in operazioni fruttifere e produttive, ma in particolare, nei propri settori di interesse. Il fai da te, infatti, può essere praticato da tutti, indipendentemente dall’ età, dalle competenze, dagli scopi e dalle preferenze che si hanno: pertanto grandi e piccini, appassionati di giardinaggio o di motori, più esperti o dilettanti, possono dedicarsi indistintamente al fai da te. Ovviamente si tratta di operazioni che vengono svolte si, ad opera d’ arte, ma comunque in modo dilettevole, quindi non sono richieste particolari competenze. Oltre a questo, resta il fatto che il fai da te costituisce una pratica attraverso la quale è possibile occuparsi di tantissimi lavori, per cui ognuno può trovare nel fai da te un metodo attraverso il quale coltivare una propria passione, imparando tecniche e specializzandosi, quindi,nel proprio settore di interesse. Infatti chi ama il giardinaggio può occuparsi delle proprie piante, chi ama i motori può invece occuparsi della manutenzione della propria auto e così via, diventando anche sempre più esperti in questo settore, e quindi anche sempre più indipendenti dai professionisti. Ciò ovviamente comporta quello che è uno dei vantaggi più apprezzati del fai da te, ovvero quello che riguarda il fatto che il fati da te permette di risparmiare moltissimo denaro. Ogni volta che si pratica un ‘operazione tramite il fai da te, infatti, si evita di interpellare un professionista del settore per ottenerne un aiuto, il quale poi si sarebbe dovuto remunerare per la sua manodopera spesa nel lavoro, che spesso e volentieri costituisce anche l’ 80% circa della spesa complessiva del lavoro, per cui è molto cara. Evitare di pagarla vuol dire avere la possibilità di investire maggiormente nella qualità dei materiali rimanendo comunque in un dato budget, oppure spendere molto meno denaro per un determinato lavoro, che diviene quindi alla portata di tutti. Ovviamente per certi lavori affidarsi a dei professionisti risulta essere indispensabile, in particolari in determinate condizioni: ma spesso un fai da te munito di esperienza e conoscenza può arrivare a compiere le stesse operazioni, raggiungendo gli stessi risultati di un professionista.

Oltre a questo bisogna anche ricordare che il fai da te costituisce un buon metodo per rilassarsi e per tenere occupato il proprio tempo libero: esso, infatti, permette di tenere la mente occupata in operazioni piacevoli, in modo che si diverta, senza però permetterle di tornare col pensiero alle seccature e alle preoccupazioni della vita quotidiana, che tante volte è troppo stressante, e pertanto spesso si necessita di una pausa: il fai da te è il giusto modo per prendersela. Attraverso di esso però è anche possibile divertirsi, imparare cose nuove, migliorare le proprie capacità manuali e pratiche anche quando si è degli imbranati e imparare tante tecniche nuove, che possono sempre risultare utili in futuro, e comportare dei vantaggi sempre, anche col passare del tempo.

Ovviamente, però, per fare in modo che tutte queste operazioni siano davvero eseguite nel migliore dei modi, e che quindi costituiscano davvero un vantaggio per se stessi, per l’ ambiente da cui si è circondati, per i propri animali o per le proprie piante, bisogna che questi lavori siano eseguiti con cognizione di causa. A questo fine bisogna conoscere bene i procedimenti da seguire, i materiali da utilizzare e bisogna imparare a maneggiare gli strumenti. Infatti, conoscere i procedimenti vuol dire saper condurre a termine un lavoro nel migliore dei modi, quindi assicurare la buona riuscita dell’ operazione; conoscere i materiali vuol dire avere la sicurezza di scegliere sempre il materiale più appropriato e più vantaggioso per ogni tipologia di operazione e saper maneggiare gli strumenti vuol dire poter ottenere grandi cose dal loro utilizzo, o, almeno, non creare dei danni irrimediabilmente gravi attraverso di essi, cosa che capita inevitabilmente quando non si sanno utilizzare.

Uno dei lavori che è possibile effettuare attraverso il fai da te è la costruzione di una pergola, o pergolato. Si tratta di una struttura molto comoda ed utile, e saperla costruire può comportare grossi vantaggi sia all’ estetica del proprio giardino e della propria abitazione, sia alle proprie colture.

pergolato

Tenax 72060116 Jolly Maglia protettiva per tombini e bocche di lupo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,76€


Cos'è:

pergolato appendice casa

La pergola, chiamata anche pergolato,è un elemento, o meglio una struttura, che viene realizzata in genere in giardino, nel proprio orto o nel proprio frutteto. Essa permette di ottenere vari vantaggi, tra cui ricordiamo quello di poter ottenere uno spazio ombreggiato da utilizzare per passeggiare anche nei giardini completamente esposti al sole, utilizzando tale spazio magari non solo per passeggiare, ma anche per coltivare delle piante che necessitano di ombra. Inoltre esso può essere utile per sostenere varie colture, come ad esempio quella della vite, che è una pianta facilmente coltivabile su un pergolato. Esso può essere creato anche per migliorare l’ estetica del proprio giardino, creando magari un pergolato molto artistico, con tanto di colonne e piante rampicanti. Ma come è formata una pergola? In genere, la pergola rappresenta una specie di tunnel quadrangolare, che viene sostenuto da dei pilastri di varia tipologia e di vari materiali, sopra dei quali vengono sistemati o una tettoia o delle travi. Nel primo caso si tratta di una struttura che ricopre tutto lo spazio, quindi fa da tetto, e sulla quale non può essere coltivata alcuna pianta. Nel secondo caso, invece, il tetto verrà poi costituito dalle piante che si formeranno intorno alle travi, che costituiranno appunto il tetto della pergola, quindi ostacoleranno il passaggio dei raggi del sole o degli altri elementi atmosferici. Il tetto, quindi, viene richiuso sempre, in un modo o nell’ altro. Esso può essere sia piano che curvo. Le pareti, invece, in genere sono lasciate aperte e sono in casi molto particolari essi vengono chiuse, ma in genere sempre da piante, come se si stesse passando davvero in un tunnel “vegetale”. Spesso le pergole vengono costruite al fianco di fabbricati, come se formassero una sorta di appendice dell’ abitazione o comunque della struttura. Da questa caratteristica delle pergole deriva proprio il loro nome, che infatti deriva dal latino tardo “pergere”, ovvero “sporgere. ”


    Barbecue copertina, Big Equipaggiata esterna impermeabile Heavy Duty Griglia per barbecue Cover Garden Patio Grill di protezione con elastico Hem / Coating( S)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


    Usi:

    costruzione pergolato Le pergole possono essere realizzate per più scopi. Un primo uso della pergola è quello in campo architettonico e vede la pergola come una struttura molto utile per creare, all’ interno di un giardino spesso molto soleggiato, un luogo coperto ed ombreggiato, ove passeggiare in modo tranquillo, senza affaticarsi a causa del caldo. Allo stesso tempo, il tetto formato dalla ventilazione fa si che sia permessa una sorta di ventilazione all’ interno della pergola, cosa che la rende anche un luogo fresco e quindi piacevole. Il tutto, ovviamente, senza danneggiare la visione dell’ eventuale panorama, in quanto è possibile guardare ai propri lati: l’ unica cosa difficile da vedere, infatti, è il cielo. Infine, la pergola può essere un buon modo per collegare vari fabbricati,come se si trattasse di tunnel da utilizzare per passare da un’ abitazione all’ altra.

    Per quanto riguarda l’ uso in campo agricolo della pergola, bisogna considerare che essa è un ottimo modo per praticare la viticultura. Infatti, in questo modo, è possibile esporre alla luce solare le piante di viti quando il sole è più forte, ma allo stesso tempo evitare le bruciature dei grappoli grazie alla ventilazione, all’ umidità e all’ ombreggiamento causato dalla presenza delle molte piante. Inoltre, grazie alla pergola è possibile creare una specie di serra nella quale coltivare delle piante che magari non possono essere esposte al caldo e ai raggi del sole, ma vanno coltivati nell’ ambiente ventilato e ombreggiato creato dalle pergole.


    Costruire un pergolato: Come costruirla:

    pergolaMa come costruire una pergola? Non è un ‘operazione molto difficile. La prima cosa da fare, è richiedere l’ autorizzazione della costruzione presso gli Uffici Tecnici dei Comuni, che in genere, se si tratta di costruzioni visibilmente accessorie e di dimensioni non troppo grandi, facilmente danno il proprio assenso. Una volta ottenuto ciò, bisogna munirsi dei materiali necessari: quattro pali- pilastri delle dimensioni desiderate, due travi, otto bulloni passanti, 13 travetti, otto listelli, chiodi da carpentieri, malta cementizia, ghiaia e impregnante per il legno.

    A questo punto, bisogna passare all’ operazione. La prima cosa da fare, è delimitare il perimetro di terreno sul quale si vuole edificare la pergola. Poi, bisogna scavare delle buche di circa 40 cm di profondità e stendere sul fondo circa 5 cm di ghiaia. In ognuna delle 4 buche bisogna calare un palo , che devono essere fissati con dei listelli. Poi bisogna preparare la malta cementizia, che dovrà colare all’ interno delle buche, in modo da assicurare i pali al terreno “affogandoli” nel cemento. Dopo due giorni circa, rimuovere i listelli di sostegno. A questo punto, posizionate le travi, la cui distanza dovrà essere dettata dal tipo di pianta che costituirà il tetto. Le travi vanno fissate ai pali con dei bulloni. Successivamente, attraverso lo stesso metodo, bisogna fissare i travetti trasversalmente alle travi. Infine, bisogna dare una mano di impregnante protettivo per la struttura e di antitarlo, da ripetere ogni due anni.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO