Botrite

Perchè conoscerla:

Ogni qualvolta si sceglie di occuparsi di giardinaggio si deve tenere in considerazione che ci si stà assumendo delle grosse responsabilità. Questo perchè, attraverso il giardinaggio, si entra a contatto non con dei materiali, così come avviene in tutti gli altri hobby, ma con dei veri e propri esseri viventi che, quindi, dipendono dalle azioni che il loro “padrone” compie: la loro salute, infatti, è determinata dalle cure e dalle attenzioni e , sopratutto, dalle modalità con cui sono effettuate, che chi le possiede dona loro. I vegetali, infatti, sono tra gli esseri viventi maggiormente amati e apprezzati per la loro bellezza, ma essi sono anche molto delicati: in primis, sono in preda a numeroe malattie, all' azione dell' uomo e degli animali, nonché a quella pericolosissima dei parassita, e agli agenti atmosferici, che spesso possono comportare anche delle patologie, quando sono troppo forti. A tutto ciò, le piante non possono anteporre alcun tipo di protezione, e questo fa si che siano incredibilment vulnerabili. Pertanto, spetta all' uomo curare le proprie piante, facendo attenzione non solo a non fare loro del male, ma anche a fare loro del bene, quindi a imparare a rispettarle, ma anche a potarle, a concimarle ecc.ecc. Ovviamente, tutte queste operazioni non devono mai essere eseguite senza cognizione di causa: se effettuate in questo modo, infatti, esse potrebbe comportare solo delle cattive conseguenze sui vegetali. Pertanto, è bene imparare a rispettare le modalità e i tempi con e in cui effettuare le varie pratiche, in modo da aiutare davvero la pianta a vivere e a progredire nel benessere. Assolutamente vietato, poi, è comprare una pianta solamente per usufruire del suo valore estetico: per questo l' uomo ha inventato molti oggetti di indiscutibile bellezza, ma le piante non sono degli elementi ornamentali e, anzi, se non sono curate, manifestano il loro malessere proprio nella produzione di foglie e fiori sani e belli.

botrite piante

Bayer Fungicida Teldor Plus 100 ml contro botrite,monilia e sclerotinia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,38€


Informazioni:

botrite fragolePrima di procedere alla lotta vera e propria di questa malattia, bisogna tenere in considerazione quelle che sono le sue caratteristiche, al fine di poterla riconoscere, prevenire e combattere. Come in tutte le cose, anche nel giardinaggio bisogna conoscere il nemico per combatterlo. E' quindi bene sapere che la botrytis cinerea è un fungo nemico della salute delle piante perchè loro parassita. Esso è in grado di attaccare una grande varietà di piante, di cui attacca sopratutto i germogli, i frutti, il fusto o i boccioli appena nato. Il più delle volte, penetra nelle piante e, quindi, le contamina, grazie alle loro ferite, che sono punti di vulnerabilità ed esposizione non solo a questo tipo di parassita. L' esito dell' attacco del Botrytis cinerea, ovvero della Botrite, per molte piante è letale, sopratutto quando si tratta di infestazioni propagate su tutta la pianta e, ormai, ad uno stato grave.


  • crepa muro interno Il fai da te comprende moltissime sezioni, quindi permette a chiunque di avvicinarsi al suo mondo. Di esso fanno parte, infatti, operazioni di tantissimi tipi, a cui tutti possono appassionarsi, seco...
  • dorifora Spesso, quando si comprano delle piante, si tiene in considerazione soltanto la loro bellezza e, quindi, il loro valore ornamentale. Questo è, ovviamente, comprensibile se si pensa che le piante sono ...
  • frutti colpiti da antracnosi Quando si sceglie una pianta in un vivaio o in qualche altro negozio, si tiene, spesso, in considerazione solo il fatto che, magari, sarebbe un soprammobile davvero molto carino, o che andrebbe propri...
  • larve di cavolaie Il giardinaggio è un' occupazione capace di dare, a chi se ne occupa, molte soddisfazioni e molti vantaggi. Attraverso questa pratica, infatti, è possibile rilassarsi, imparare nuove tecniche, imparar...

Bayer Natria Serenade Confezione Di 200 Gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Come riconoscerla:

Dopo aver atto conoscenza con il fungo che causa questa fastidiosa e spesso molto pericolosa malattia nelle proprie piante, bisogna munirsi di tutte le nozioni necessarie per tenerlo lontano dalle proprie piante, tramite tutte le fasi della lotta contro i parassiti, di cui la prima è sicuramente il riconoscimento: in questa fase, si procede, appunto, all' individuazione di quello che è il problema della pianta. In questa fase, bisogna fare attenzione a non confondere un problema con un' altro, che magari presenta gli stessi sintomi. In genere, il riconoscimento avviene dopo un' attenta analisi della pianta. In caso di botrite, la pianta deve manifestare, sulle foglie, della muffa grigia, anche se questa non si manifesta in tutte le infestazioni di botrite, ed è sempre più rara rispetto alle altre parti della pianta. Sul fusto, infatti, compaiono molte macchie, che nel momento della loro nascita sono chiare, poi diventano più scure con il tempo, e si allargano fino a possedere sulla loro superficie della muffa grigia. Per quanto riguarda i frutti, questi presentano delle macchie scure, le quali poi diventano del vero e proprio marciume, fino a portare all' avvizzimento del frutto.


Botrite: Prevenzione e cura:

La prevenzione è la seconda fase di lotta a tutte le malattie delle piante, mentre la cura è la terza e finale. Per effettuare una prevenzione dettagliata e sicura, la prima cosa da sapere è che la botrite predilige determinate piante, e in ogni settore è più amante di determinati vegetali piuttosto che di altri, infatti attecchisce su fragola, vite, pesco, melo, pomodoro, porro, peperoni , cipossa, carote, lattuga, broccoli e rose. Inoltre, è bene sapere che, siccome il fungo penetra nella pianta attraverso le ferite, è bene evitare che le piante posseggano delle lesioni che potrebbero essere una facile via d' accesso per tutti i parassiti: particolare importanza deve essere data alla cautela durante le potature. Anche i ristagni idrici, come si sa, favoriscono le muffe, quindi è meglio fare in modo che la propria pianta abbia sempre un terriccio ben drenato, e che durante le innaffiature non si eccedi, né si bagnino le foglie.

Per quanto riguarda la lotta vera e propria al fungo, si può procedere con dei fungicidi a base di rame e zolfo e, se le parti infette sono limitate, rimuoverle.



COMMENTI SULL' ARTICOLO