Come restaurare una porta antica

Molte persone nell’intento di restaurarla si affidano a prodotti chimici che rovinano la struttura e nascondono quelli che sono i colori naturali, le venature e i fregi. Una porta antica può essere di diversi tipi: liscia o lavorata, lucidata a tampone, a cera o con l’impiallacciatura in piuma di mogano, palissandro o di altri legni pregiati. Il restauro va quindi eseguito a regola d’arte e con metodologie diverse da applicare in base al tipo di porta. Inoltre una porta antica è facilmente soggetta a spaccarsi in alcuni punti o essere attaccata da tarli che rosicchiano il legno, facendogli perdere la bellezza originaria e deprezzandola. In definitiva si può asserire che il restauro di una porta antica va effettuato interamente per ottenere i migliori risultati. Se si tratta quindi di chiudere fessure di legno, siano esse di lieve entità oppure profonde, possono essere riparate con diversi metodi ed applicazioni come ad esempio tasselli in grado di sopperire a screpolature e spaccature piuttosto evidenti. Anche nel caso dell’impiallacciatura c’è la possibilità di restaurarla recuperando gran parte di essa o eventualmente di aggiungere pezzi mancanti. Queste operazioni precedono sempre quelle riguardanti la pulitura e la lucidatura.
restauro porta antica

Spazzola di pulizia per catena moto bici bicicletta ciclismo Spazzola per pulizia catena per guarnitura-Attrezzi per la manutenzione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Preparazione al restauro

materiali per restauroQuando una porta antica presenta un’impiallacciatura intatta ma con bolle, l’operazione va effettuata smontando la porta dal luogo di origine e poggiandola in orizzontale su di un piano ben stabile. In questo modo si può procedere con l’intaccare le bollature dell’impiallacciatura con la lama di un taglierino in modo da potervi inserire nella parte sottostante della colla, che può essere di tipo vinilico, mastice o preferibilmente colla di pesce. Dopo aver riattaccato le parti di impiallacciatura interessate, è opportuno tenerle pressate durante l’essiccazione della colla utilizzando un peso sufficiente. A questo punto con la porta libera da bollature si procede con l’inserimento di pezzi mancanti. L’impiallacciatura è disponibile a rotoli ed è sottile quindi, una volta sagomato il pezzo necessario per sopperire a quello mancante lo si applica ugualmente con la colla tenendolo pressato.

  • porta scorrevole esterna Quando si possiede una casa e ci si dedica al fai da te, moltissime sono le operazioni con cui si può avere a che fare, a partire dal giardinaggio, oppure attraverso il fai da te in campo edile, che p...
  • In una casa, come molti sapranno, non tutti i muri hanno la stessa funzione. La distinzione più netta che possiamo fare, infatti, è quella tra muri portanti e muri divisori. I primi sono muri particol...
  • aprire lucchetto Ritrovarsi nella necessità di aprire un lucchetto in assenza della rispettiva chiave può voler dire solo due cose, che siete un ladro alle prime armi che sta tentando di rubare una bicicletta in strad...
  • scatola porta gioielli Per prima cosa occorre procurarsi una scatola. La grandezza e il formato sono a propria discrezione dipende anche dalla quantità di gioielli che si vogliono inserire all'interno e dallo stile che si v...

HPS®, Set di olio per la cura e la manutenzione di parquet Oleovivo e Oleoneto, con panno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 95,94€


Il restauro

restauroCon la porta antica preparata e senza più spaccature, screpolature, bollature e pezzi mancanti, si inizia con la fase vera e propria di restauro. Innanzi tutto ci occupiamo di colorare con delle aniline (in tono con il colore della porta) tutte le parti di legno aggiunte alla struttura (impiallacciatura e tasselli). A questo punto dopo aver atteso l’asciugatura dei colori applicati si inizia con l’operazione di levigatura della superficie. Con della carta vetro a grana doppia si carteggia l’intera porta eliminando tutti gli scalini che si vengono a creare dall’aggiunta di materiali per il restauro; grazie alla sgrossatura riusciamo ad ottenere una superficie perfettamente liscia in grado di essere rifinita a cera o con lucidatura a tampone.


Come restaurare una porta antica: Le finiture

La porta antica perfettamente levigata, va innanzi tutto trattata con pomice in polvere ed ovatta per eliminare i granuli accumulati durante la fase di levigatura. Una mano preliminare di olio di lino, è l’ideale per la lucidatura che si intende applicare. La lucidatura a cera e quella a tampone, vanno applicate in più fasi e richiedono un efficiente lavoro di braccia per portarle alla lucentezza ottimale. La lucidatura a cera può essere applicata con un pennello e quando è completamente asciutta, va lucidata con un panno di cotone o di lana. La finitura tradizionale a tampone è invece un pò più elaborata sia per quanto riguarda l’applicazione che la lavorazione. Si tratta infatti di sciogliere nell’alcool, la gommalacca (a scaglie) che va lasciata in ammollo per circa dodici ore prima di essere utilizzata. L’applicazione avviene con l'utilizzo di un tamponcino realizzato con un pezzetto di stoffa di lino al cui interno si inserisce un batuffolo di ovatta bagnato nella gommalacca. Frequenti pressioni con il tampone, una spruzzata di pomice di tanto in tanto, portano ad una lucidatura a specchio tipica del legno trattato con questo tipo di pulitura. Indipendentemente dalla cera o dalla lucidatura a tampone, la porta antica dettagliatamente restaurata ritorna ad essere efficiente, appariscente e pronta ad affrontare un altro lungo periodo di vita.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO