Ficus benjamin perde foglie

Ficus benjamin perde foglie

Le piante tendono a perdere le foglie in particolare nella stagione autunnale, quando il ricambio vegetativo, spoglia la pianta per poi prepararla al rifiorire primaverile. Accade però, che alcune tipologie di piante, possano presentare questo fenomeno in periodi diversi, come l’estate o la primavera: in questo caso, le foglie che cadono, rappresentano una patologia che nasconde una causa più profonda. Nella maggior parte dei casi, le piante, tendono a perdere le foglie a causa della temperatura; gli sbalzi termici, l’eccessiva esposizione al sole, la mancanza d’acqua, o le abbondanti irrigazioni che determinano ristagni, l’eccesso di umidità, causano la perdita delle foglie, o determinano l’insorgenza di funghi e parassiti, che comunque danneggiano la pianta. Il ficus benjamin, è tra le piante maggiormente colpite da questo fenomeno. La forma migliore è riparare la pianta dal sole, collocarla in un ambiente fresco ma non eccessivamente umido, nebulizzarla diverse volte a settimana con acqua piovana, irrigarla solo quando il terreno si palesa asciutto e posizionarla su un rialzo in cotto, cosi che il vaso non sia a diretto contatto con il pavimento (se questa è in vaso). La caduta delle foglie, è da addursi ad una serie differenti di fattori, tra cui la carenza d’acqua o l’eccesso della stessa: una pianta che ha sete, tende automaticamente a seccare, ed un intervento in extremis, non sempre consente di salvarla. L’eccesso di acqua, provoca di contro il ristagno che determina a sua volta numerosi altri problemi. Il ficus, può essere anche attaccato dal ragno rosso, un acaro, che tesse le sue ragnatele proprio sulle foglie: la sua presenza si manifesta con l’ingiallimento e l’accartocciamento delle foglie che dopo poco tendono a cadere; anche le ragnatele sono abbastanza visibili. Il ragno rosso può essere rimosso con acqua e sapone, e con prodotti specifici contro gli acari. Cosi come il ragno rosso, anche le cocciniglie, possono attaccare il ficus: esse vanno subito rimosse dalle foglie con un batuffolo di cotone ed alcool, e con degli oli essenziali, come quello di pino, che disinfetta la pianta, prevenendo nuovi attacchi. Oltre a questo tipo di pulizia, si può pulire e disinfettare in profondità la pianta con un prodotto a base di fosforo, che va acquistato direttamente in punti vendita specifici per il giardinaggio. Gli antiparassitari, possono essere utilizzati, ma con parsimonia, perché a lungo andare possono lesionare la pagina delle foglie ed impedirne la crescita. Per evitare la problematica, è preferibile calcare la via preventiva.
caduta foglie

POLTIGLIA BORDOLESE IN GRANULI SOLUBILI CONFEZIONE DA 1 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15€



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO