Camini

Perchè conoscerlo:

Il fai da te permette di svolgere tantissime operazioni, e probabilmente proprio grazie a questo si tratta di un hobby così amato e coltivato sempre da più persone. Il fai da te, infatti, più che un hobby è una tecnica attraverso la quale svolgere varie operazioni, ovvero attraverso la quale svolgere i propri hobby. Per cui si può classificare come una specie di stile di vita. Il fai da te nasce per permettere a tutti, indipendentemente dalle loro capacità o attitudini e dalle loro possibilità, di dedicarsi a dei lavori molto utili, a se stessi, ad un determinato ambiente, o a tutte le persone o anche gli animali che lo frequentano. Quindi, indipendentemente dalla propria età, dalla propria esperienza, dalle proprie capacità, è possibile occuparsi di fai da te senza alcun tipo di problema. Esso, infatti, nasce come una tecnica per svolgere delle azioni per diletto, e di certo non per professione: questo, infatti, è lo scopo dei professionisti del settore. Per quanto riguarda le operazioni che è possibile svolgere attraverso il fai da te, questi sono davvero tanti e possono quindi essere scelte in base aii propri interessi e alle proprie attitudini. Ad esempio, chi ama le piante può occuparsi di giardinaggio, mentre chi ama i motori può occuparsi della manutenzione dei propri veicoli, chi ama la personalizzazione può occuparsi delle ristrutturazione di ambienti o di mobili e di oggetti e così via.

Il fai da te porta ad ottenere moltissimi vantaggi: In primis si svolgono operazioni molto utili con le proprie mani, quindi perseguendo dei risultati di cui essere fieri e che possono risultare utili anche in futuro. Ovviamente, per svolgere queste funzioni, bisogna eseguire dei lavori che portano a migliorare le proprie capacità manuali e pratiche e anche ad apprendere tecniche nuove, anch’ esse ovviamente molto utili in futuro, ovvero ogni qualvolta si presenti l’ evenienza di effettuare un ‘operazione di manutenzione, di restauro ecc. Il fai da te inoltre permette di passare del tempo libero in modo tale da non annoiarsi poltrendo in poltrona, e lasciando che la propria mente torni col pensiero a tutte le seccature e i pensieri stressanti provocati dalla vita quotidiana. Inoltre si tratta di lavori che divertono e che tengono piacevolmente impegnata la mente, senza stressarla. Esso può essere eseguito sia in modo solitario che in compagnia. Nel primo caso si tratta di una pratica che permette di valorizzare l’ aspetto utilitaristico del fai da te, in quanto è possibile concentrarsi sui lavori da svolgere e su come svolgerli nel migliore dei modi. Invece, nel secondo caso è possibile valorizzare soprattutto il lato divertente e didattico del fai da te, in quanto in questo modo è possibile divertirsi con gli altri, insegnare loro ciò che si conosce già e imparare dagli altri ciò che ancora non si conosce, e in questo modo socializzare e trascorrere del tempo in compagnia. Il fai da te, proprio per la sua capacità di permettere un miglioramento nelle capacità manuali e pratiche è indicato particolarmente per i disabili, ai quali aiuta a migliorare queste facoltà, e per i bambini, che attraverso di esso possono imparare a valorizzare gli oggetti di poco valore esprimendo la propria creatività e, se non altro, trascorrendo del tempo divertendosi in modo sano e, per una volta, lontano da videogiochi e computer.

Attraverso il fai da te è poi possibile anche risparmiare parecchio denaro: i lavori che prima venivano commissionati a dei professionisti del settore, grazie a questa pratica possono essere eseguiti con le proprie mani. Questo fa si che la manodopera non si debba remunerare più, il che è un notevole alleggerimento sulle spese, in quanto spesso e volentieri la manodopera è anche remunerata molto generosamente, e quindi tutte le spese da affrontare consistono solo nei materiali e negli attrezzi, eventualmente, che possono anche essere affittati e non necessariamente comprati, e che comunque, anche qualora acquistati, possono essere utilizzati in varie evenienze.

Attraverso il fai da te è possibile prendersi cura di vari aspetti della propria casa, o degli oggetti, o ancora dei mobili da cui è arredata, facendo si che ciò che è vecchio, passato di moda, visibilmente danneggiato dall’ usura, possa essere nuovamente apprezzato e riportato alla luce, in quanto rimodernato e reso visibilmente più bello , anzi, come nuovo, e tra l’ altro senza pagare delle spese di ristrutturazione, spesso molto care.

Il fatto che questi lavori vengono eseguiti da dei dilettanti, però, non deve pregiudicare, almeno nelle menti, l’ esito del lavoro: molti fai da te sono capacidi ottenere di risultati anche migliori di quelli ottenuti dai professionisti. Ovviamente, però, per ottenere dei buoni risultati, c’è bisogno di una certa cognizione di causa, qualora si operi. Per cui è molto importante sapere quali operazioni eseguire e in che modo, e soprattutto munirsi di tutti i materiali necessari, imparare quando e dove applicarli (quindi conoscerne le caratteristiche) e imparare ad utilizzare tutti gli strumenti nel migliore dei modi, per evitare che un loro erroneo uso potrebbe compromettere il lavoro.

camino a legna

Outsunny - Camino Bioetanolo da parete con 2 Bruciatori 110 cm 3LT - Bio Etanolo Biocamino Inox

Prezzo: in offerta su Amazon a: 119,95€
(Risparmi 150€)


Cos'è:

camino modernoIl camino è un mezzo di riscaldamento molto antico, che infatti può essere ritrovato anche nelle case, nelle regge e nei castelli più antichi, dove essi erano collocati in tutte le stanze, per garantire un sufficiente riscaldamento a tutti gli ambienti. Esso è composto da una camera di combustione, generalmente quadrata o rettangolare e ricavata da un incavo all ‘interno di una parete o in un angolo, dove avviene, appunto, la combustione del carburante (che può essere di vario genere a seconda del camino). Il fumo creato nella camera di combustione viene poi convogliato in una canna fumaria, che a sua volta convoglia tale fumo verso l’ esterno dell’ abitazione. Questo sistema è stato inventato dai Normanni, i quali furono i primi a far bruciare il fuoco in un ‘apposita stanza, ideata e costruita proprio per questo scopo, che in genere si identificava con l’ atrio.

Si tratta probabilmente di uno degli elementi di riscaldamento più particolari e caratterizzanti per un ‘ abitazione. Esso è capace di creare un ‘atmosfera unica, proprio grazie alla visione della fiamma che arde all’ interno della camera di combustione, ed è capace di dare un forte calore, oltre che a colorare la stanza,o almeno uno spazio di esso, di colore rosso, attraverso i suoi raggi. E’ molto importante, qualora si scelga il camino come mezzo di riscaldamento per la propria abitazione, scegliere la tipologia di camino che più si addice alle proprie esigenze e possibilità.


  • comignolo Quando si pensa ai progressi fatti dalla tecnologia negli ultimi decenni, i primi oggetti che vengono in mente sono quelli che usiamo tutti i giorni, portandoli in tasca o tenendoli in mano. Quelli, i...
  • Camini elettrici Chiunque possiede già un camino montato nella propria abitazione, ma anche chi ha avuto modo di apprezzarlo visitando le case di amici e conoscenti, sarà certamente rimasto colpito dall'eleganza natur...
  • Camini a parete I camini a parete elettrici sono studiati per riscaldare efficacemente, aggiungendo un tocco di eleganza e prestigio sia alle abitazioni tradizionali che alle case ultra moderne. Installando un camino...
  • Termocamini a legna A differenza dei camini tradizionali che utilizzano solo una piccola parte del calore generato dalla combustione del legno poiché la restante parte viene dispersa attraverso la canna fumaria,i termoca...

Siena HIE-0819 Attrezzi da camino con lastra di vetro, 4 pezzi, colore: Opaco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,06€


Tipologie:

camino particolare Esistono, in commercio, vari tipi di camini, che differiscono fra loro per vari motivi. Un primo motivo può essere quello del materiale da cui sono costituiti: vi sono camini in marmo, in mattoncini, in mattonelle ecc ecc, che ovviamente si addicono a luoghi diversi. Un'altra distinzione, ovviamente, riguarda le dimensioni e le forme dei camini, nonché le loro caratteristiche di costruzione: alcuni hanno forme molto particolari, altri sono sospesi, altri ancora non hanno canna fumaria. Una distinzione netta fra i camini, però, è quella tra camini a camera aperta e camini a camera chiusa, ove ovviamente con camera si intende la camera di combustione. I primi, ovvero i camini a camera aperta, sono i camini tradizionali. In questi camini la camera di combustione è chiusa su tre lati, ma dal lato che affaccia sull’ ambiente da riscaldare è aperto, in modo da poter riscaldare con una massima efficienza. Ovviamente, questi camini sono muniti di una canna fumaria, per convogliare il fumo prodotto dalla combustione fuori dall’ edificio. Questo permette un contatto diretto con la fiamma, e un’ atmosferica unica.

I camini a camera chiusa, invece, sono quelli che , su tutti e quattro lati presentano una schermata di vetro, che impedisce il contatto della fiamma con l’ esterno, anche se ciò non impedisce né la vista della fiamma ne la produzione di calore. Questi camini riscaldano sia per calore che per convenzione, Ma spesso non sono muniti di canna fumaria e non producono spiacevoli odori, come spesso accade per i camini a camera aperta.


Camini: Manutenzione:

camino ultra modernoPer quanto riguarda la manutenzione dei camini, questa prevede varie operazioni. In primis, prima che cominci la stagione invernale, quindi prima che il camino venga acceso, bisogna controllare che la canna fumaria non sia ostruita da vari elementi, come ad esempio nidi di uccelli. Ovviamente si tratta di un’ operazione che non è possibile evitare, in quanto se la canna fumaria non permette il passaggio del fumo, questo si va a depositare nella stanza e il fuoco potrebbe prendere consistenza.

Per quanto riguarda le prime accensioni del camino, questo dapprima va alimentato con pagliuzze e pezzi di legna molto piccoli e asciutti e magari con un foglio di giornale acceso. Possibilmente questi elementi vanno disposti ai lati dei un grosso pezzo di legno fino a formare un cono. Prima dell’operazione bisogna rieggiare bene l’ ambiente e durante la combustione della legna nel camino è necessario che, per proteggersida varie scintille prodotte dalla legna che arde, si mettano degli appositi parascintille vicino al camino. Per quanto riguarda lo spegnimento, questo è particolarmente faticoso. Bisogna chiudere lavalvola del camino, sotterrare sotto la cenere i pezzi di legna ancora accesi e separarli, ovvero metterli distanti l’ uno dall’ altro. Successivamente, i ceppi vanno rimossi e collocati in un contenitore di ferro, da coprire con un pezzo di lamiera. Ovviamente il mercato è pieno di prodotti che permettono e agevolano in modo semplice lo spegnimento del fuoco, come soffietti anche ornamentali, o l’ attizzatoio, o pinze per la rimozione dei ciocchi accesi, o ancora il parascintille in ferro, o al porta legna in ferro battuta, o ancora la griglia per la cottura ecc ecc. Si tratta di prodotti di cui è sempre bene munirsi, per evitare spiacevoli e anche gravi inconvenienti provocati da un erroneo spegnimento del fuoco.



COMMENTI SULL' ARTICOLO