Tagliabordi elettrico

Tagliabordi: come sono fatti e come si distinguono.

Esistono diversi tipi di tagliabordi: manuali, elettrici e a combustione, i primi vengono usati per giardini dalle ridotte dimensioni. Hanno dei rivestimenti adatti a durare negli anni ma implicano lo sforzo fisico, non sono adatti per le persone anziane. Se si dispone di un giardino più ampio la scelta ovviamente ricade sui tagliabordi elettrici (o meccanici). Sono leggeri, hanno una maniglia ergonomica che direziona il taglio e una lunga durata della batteria (di solito si attesta nelle 3/4 ore di lavoro).

Un taglia bordi elettrico è costituito da:

una batteria abbastanza ampia, spesso si utilizzano voltaggi come 36v, 24v o 18v.

una canna estesa il più delle volte in ferro o in alluminio, una testina rotante dove possiamo trovare le lame o le catenine d'acciaio che rasano l'erba. Il peso dello strumento è bilanciato e compatto (il tutto rientrando dentro i 2-3 chili).

Infine abbiamo i tagliabordi a combustione, sono potenti ma hanno un alto livello di rumorosità, bisogna preoccuparsi del rifornimento del combustibile, hanno bisogno di particolari miscele di benzina affinche il motore non si ingrippi, pesante poiché ha un motore a 2 tempi a tutti gli effetti, più di 10kg di peso, impugnatura ergonomica

esempio di tagliabordi

Bosch ART 23 SL Tagliabordi, Verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,9€
(Risparmi 10,1€)


Tagliabordi Bosch; una via di mezzo tra elettrico e a combustione

tagliabordi bosch Bosch offre tantissimi modelli per quanto riguarda la cura del proprio giardino.

Prenderemo in esame due tipi differenti di tagliabordi :

1- Bosch GFR 25 Tosaerba Elettrico Professionale.

Prestazioni elevate: la stessa potenza degli utensili a benzina professionali, con i vantaggi di un'innovativa tecnologia a batteria da 36v capaci di sviluppare 216Wh. Peso da 6,5 kg e autonomia da 75 ai 90 minuti.

2- Bosch 23-18Li Tosaerba Elettrico entry level.

Prestazioni discrete: Batteria da 18v, peso ridotto a 2,4 kg e un autonomia di 4 ore.Bosch fortunatamente permette al cliente di scegliere vari attrezzi a secondo del tipo di lavoro che deve andare a compiere.


  • robot tagliaerba Non è un'illusione: il robot rasaerba è lo strumento perfettamente in grado di tagliare in autonomia l'erba del prato, sgravando chi ha una casa con giardino di un compito spesso gravoso e impegnativo...
  • esempio di trattorino tagliaerba Il trattorino tagliaerba è uno strumento necessario per chi ha un giardino in quanto permette di accorciare l'erba del giardino in maniera pratica e veloce. E' un veicolo che all'apparenza può sembra...
  • Robot e base di ricarica Il robot tagliaerba è un dispositivo tecnologicamente molto avanzato che permettono di curare il giardino in modo molto comodo e senza fatica né perdite di tempo. È sufficiente che l'attrezzo sia prog...

BLACK+DECKER GL250-QS Tagliabordi, 250 W, Taglio 23 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,81€


Bosch diverse modalità d'uso

tagliabordi bosch Come abbiamo precedentemente detto, il tagliabordi è un pratico attrezzo che aiuta a sistemare quelle fastidiose aiuole o filetti d'erba che risultano fuori posto nel nostro giardino e che danno all'insieme un aspetto poco ordinato.

Oltre a questo potrebbe risultare molto utile in altri contesti. Ad esempio, può essere utilizzato per eliminare l'erbaccia in quei posti che risultano impossibili da eliminare con un semplice tosaerba, oppure l'erba che cresce nei nostri vialetti o anche regolare l'altezza e la larghezza di una siepe. Il tagliabordi è un attrezzo piuttosto versatile, comodo da utilizzare e molto utile per risparmiare tempo e fatica.

Con il risultato di un lavoro pulito che solo un professionista potrebbe farvi.


Tagliabordi elettrico: Da dove cominciare a lavorare il nostro giardino

tagliabordi Una volta decisi e presi gli strumenti per il nostro giardino e gli abbigliamenti giusti non ci rimane che agire in base al tipo di filosofia che abbiamo scelto quando volevamo creare il nostro giardino. innanzitutto bisogna iniziare ripulire il giardino da tutte le erbacce che risultino ingombranti al passaggio o antiestetiche . Una volta ottenuta una buona base, cominciamo apreparare il terreno frullandolo con la motozappa, permettendogli di riacquistare tutte le caratteristiche che un terreno secco e statico ha. Poi seminare il prato e sagomare siepi, alberi e curare le piante. Il consiglio ottimale è quello di creare un sistema di irrigazione, che ci permetta di annaffiare i nostri ortaggi e le nostre piante anche se siamo assenti. Ci vogliono molti giorni da dedicare al nostro giardino, direttamente proporzionali alla grandezza dello stesso. Bisogna stare molto attenti al tipo di clima o microclima che sono presenti nelle vostre terre o nelle vostre zone, in base a queste informazioni possiamo creare una sorta di mistura tra prato, terra, argilla che vi permetterà di ottenere una migliore resa. Ci vuole molto tempo prima che cresca il prato, di solito tempo due settimane e sarà bello che pronto. Infine una volta terminato il processo di lavorazione della terra, possiamo dedicarci alla cura di piante. Leggete attentamente le descrizioni delle vostre piante, o chiedete informazioni a chi vi vende i prodotti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO