Cappotto interno per l'isolamento

Che cos'è il cappotto termico per l'isolamento

Il cappotto termico per l'isolamento è fondamentale per la classificazione energetica degli edifici: infatti serve a evitare la perdita di aria fresca durante i mesi estivi e la dispersione di calore in inverno. In questo modo si isolano termicamente gli ambienti interni dell'abitazione, aumentando l'efficienza dei sistemi di riscaldamento e di raffreddamento di casa: di conseguenza l'abitazione rimane calda in inverno e fresca in estate con un consumo energetico minimo. È un sistema molto adottato durante le ristrutturazioni edilizie perché migliora la classe energetica dell'immobile e le spese per l'installazione ottengono incentivi fiscali. Un cappotto termico per l'isolamento può essere esterno o interno: il primo è più costoso, ma molto più efficace perché riveste ogni parte della casa e la isola completamente. Il cappotto termico interno, invece, è molto più economico e si può adottare anche in una singola stanza. È formato da pannelli isolanti in materiali come la lana, il cartongesso o il polistirene.

isolamento termico per interno

Unione di tessuto non tessuto sfondi 3D Wallpapers soggiorno-camera da letto 10*0.53m 50206 (giallo)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,71€


Come fare il cappotto termico per l'isolamento

isolare pareti interne I cappotti termici isolanti esterni migliori sono realizzati con pannelli in materiali non conduttori: in genere sono fibrosi come la lana di vetro. I materiali isolanti sono divisi in tre categorie: gli isolanti minerali sono di origine naturale e a basso impatto ambientale (ne sono esempi l'argilla espansa, la lana di roccia, la perlite e il vetro cellulare). Gli isolanti naturali invece sono fatti con derivati vegetali (il sughero o la pomice) o animali (la comune lana di pecora), mentre gli isolanti di sintesi hanno una bassa conducibilità termica ma un impatto ambientale maggiore: i più comuni sono il polistirene espanso, il PVC espanso e le resine fenoliche. Per installare un cappotto termico per l'isolamento si deve contattare una ditta o un professionista specializzato nel settore dell'efficienza energetica: infatti se i pannelli termoisolanti non sono fissati bene, la coibentazione non dura a lungo. Tenete a mente che per accedere agli ecobonus e alle agevolazioni fiscali si deve seguire un apposito iter burocratico.


  • posa cappotto termico Le dispersioni termiche all'interno di un edificio sono ormai sempre più sotto la lente di ingrandimento degli esperti, anche in fase di progettazione. Questo perché le dispersioni termiche hanno una ...
  • guaina ardesiata stesura Attraverso il fai da te è possibile svolgere moltissime attività, di qualsiasi tipo: sotto il nome di bricolage le attività per il giardinaggio, per la creazione di piccoli bijou di bigiotteria, la cu...
  • isolamento Una delle varie operazioni che è possibile imparare a compiere grazie al fai ad te è quella di isolare determinati ambienti da altri, effettuando quella che comunemente viene chiamata "coibentazione"....
  • L’ isolamento acustico nasce come una soluzione per tutti coloro che vivono in città e che molto spesso devono sorbirsi i rumori caotici di quest’ ultima, o per chi vive in un condominio, e deve senti...

Coprimaterasso in cotone PIAZZA E MEZZA con elastici + Coprirete in cotone con laccetti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,9€


Errori da evitare nella posa

isolamento termico La corretta posa di un cappotto termico per l'isolamento è fondamentale per la riuscita della coibentazione e per la sua durata nel tempo. L'errore più frequente è il fatto che i pannelli isolanti non vengano accostati bene l'uno all'altro. Se rimane dello spazio interstiziale, sarà riempito quando si stende il rasante di finitura superficiale: qui la rasatura avrà uno spessore maggiore e l'umidità verrà assorbita in maniera diversa, tanto che le giunture saranno visibili. In più in questi punti si avrà una maggiore dispersione termica. Se non è possibile riaccostare i pannelli isolanti, è necessario risolvere il problema riempiendo lo spazio interstiziale con schiuma isolante a bassa espansione prima di applicare il rasente di finitura. Se invece la finitura superficiale non aderisce adeguatamente a causa delle condizioni ambientali, il colore può non essere omogeneo oppure scivola via.