Rivestimenti in pietra per esterni

Rivestimenti in pietra

Originariamente la pietra veniva usata da sola per costruire muri. Muretti a secco, come si vedono ancora in Sardegna, per poi passare a mura a difesa di città e mura di castelli. Costruiti con l'ausilio di malta e intonaco per rendere più solide le costruzioni.

Oggi i rivestimenti in pietra non vengono scelti solamente per durare a lungo, ma per rendere caldo e protettivo un ambiente, per valorizzare un muro.

Rivestimenti in pietra per esterni

Inspired - Detergente concentrato per pavimentazione esterne e rivestimenti in pietra, 5 L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,92€
(Risparmi 0,11€)


Tipi di pietra

Tipi di pietra Per i rivestimenti esterni possono essere usati diversi tipi di pietra.

A seguire le caratteristiche peculiari di alcune:

La pietra serena, arenaria, molto usata in passato in Toscana, di colore grigio, è usata anche per le sole rifiniture. Molto bella a vedersi, aggiunge un tocco di classe.

Anche la pietra forte è tipicamente fiorentina, usata per le facciate da quasi mille anni, non passa mai di moda.

Di particolare effetto la pietra di cardoso, di colore grigio scuro tendente al turchese. Di formazione granitica è molto resistente.

La pietra di Luserna, prende il nome dal luogo dove viene estratta, situato nel comprensorio piemontese. Di origine magmatica, è molto consigliata per i rivestimenti oltre che per le pavimentazioni esterne.

Di origine sedimentaria con colori che variano dal sabbia al marrone sono la pietra detta di Santa Fiora e quella dorata.

Il peperino è tipico della zona dei Colli Albani, di chiara provenienza magmatica. Può essere grigio o anche rosa. Caratteristica la macchiettatura sale e pepe.

Oggi usato principalmente per gli zoccoli sia esterni che interni, ha avuto fino a pochi anni fa, una larga diffusione come rivestimento per muri esterni.

Il travertino è una roccia sedimentaria e calcarea, usata per il rivestimento esterno fino dall'anno 1000. Particolarmente usata a Roma e dintorni, dove esistono diverse cave. Bernini lo ha usato per il colonnato di San Pietro. Esistono cave anche in Toscana e nelle Marche. Quasi tutti gli edifici del centro di Ascoli Piceno sono rivestiti con questo materiale. Spesso racchiude al suo interno scheletri di animali e fossili che lo rendono ancora più caratteristico.

Il porfido resiste a qualsiasi temperatura, isolando di conseguenza gli spazi interni. Per questo motivo si colloca fra le pietre più utilizzate per esterni.

  • esempio di gres porcellanato lappato Il fai da te permette di eseguire moltissime operazioni in svariati campi, quindi tutti, qualsiasi siano i propri interessi, le proprie necessità e le proprie capacità, possono occuparsi di fai da te...
  • pavimenti in gomma posa I pavimenti in gomma costituiscono una tipologia di pavimentazione prettamente moderna spesso molto utile. I pavimenti in gomma, infatti, permettono di usufruire dei tantissimi vantaggi che sono in gr...
  • legno Quando si varca la soglia di una casa, si sa, ci si può trovare di fronte ogni tipo di materiale: è una questione di gusti, di legami, ma anche di esigenze specifiche, spesso legate all’ubicazione del...
  • camminare Ci sono fortune che abbiamo, indiscutibilmente abbiamo, e di cui non ci rendiamo mai conto. Ci facciamo prendere dalla frenesia quotidiana, dai ritmi stressanti che ci impongono il lavoro e la vita in...

WOLTU WS2580 - Sedile WC, anima in legno MDF, chiusura automatica, rivestimento di resina poliestere di alta qualità, cerniere in pressofusione di zinco cromato, piedini antiscivolo, motivo decorativo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,99€


Pietra ricostruita

Pietra ricostruita La pietra ricostruita, chiamata anche artificiale, è formata da composti cementizi che riprendono la composizione del materiale principale. Usata per restaurare le parti esterne in pietra naturale che hanno subito un evidente deterioramento.

Spesso usata anche da sola, permette di creare effetti scenografici molto naturali.

Formata da materiali a bassissimo impatto ecologico è una valida alternativa alla pietra naturale pur non potendo sostituire integralmente le caratteristiche di quest'ultima.


Rivestimenti in pietra per esterni: Messa in opera

Per quanto riguarda la pietra ricostruita, le operazioni di messa in opera sono alquanto meno complicate di quelle richieste dalla posa di pietre naturali, ma non per questo meno impegnative.

Chi possiede una buona manualità può provare a svolgere personalmente il lavoro.

La superficie da ricoprire deve essere libera da qualsiasi residuo di vernice o di intonaco se rovinato.

In caso contrario non si otterrà una buona adesione.

Il muro deve essere in grado di sostenere in maniera adeguata il nuovo materiale. Deve essere scelto un legante adatto per l'esterno. Se questo fuoriesce dalle giunture deve essere ripulito ed eliminato.

Consigliato posare le pietre ricostruite scegliendole da scatole diverse, in modo da ottenere un effetto più naturale.

Si comincia il lavoro dagli angoli in basso per arrivare verso il centro del muro.

Alla fine del lavoro è preferibile utilizzare una specifica cera neutra o un olio idrorepellente per evitare eventuali infiltrazioni d'acqua.

Le case produttrici forniscono sempre le istruzioni per il montaggio.

Per i rivestimenti esterni in pietra naturale, è preferibile ricorrere a personale specializzato. Solamente posatori professionisti sanno scegliere i giusti accostamenti fra le pietre, mettendo a frutto la loro esperienza in maniera tale da offrire un risultato finale ottimale ed irripetibile.



COMMENTI SULL' ARTICOLO