Potatura Ortensie

Perchè conoscerla:

Quando ci si occupa di giardinaggio si è in grado, in tutte queste operazioni, di unire l' utile al dilettevole. E' possibile dire questo perchè il giardinaggio, che è uno degli hobby più apprezzati e scelti da milioni e milioni di persone, permette non solo di prendersi cura della natura e delle proprie piante, far si che siano sempre al meglio della loro forma, entrare in contatto e in completa sintonia con la natura e imparare ad apprezzarla e a rispettarla, magari creandosi uno “spicchio” di Eden nel proprio giardino, ma, allo stesso tempo, permette di rilassarsi, trascorrere delle ore in modo tranquillo, apprendere tecniche nuove e divagare un po' la mente. E' quindi deducibile quanto, grazie al giardinaggio, sia possibile, in poche operazioni, beneficiare sia se stessi tramite un' attività rilassante e distensiva, sia l' ambiente da cui si è circondati e in particolar modo le piante, che ricevono cure e attenzioni e, grazie ad esse, possono portarsi al meglio della loro forma.

E' possibile occuparsi di giardinaggio in vari contesti: curando le piante del proprio appartamento, del proprio ufficio, o del proprio balcone, oppure, quando si ha più spazio, adibire un terreno alla coltivazione di un giardino, che ha la funzione di abbellire e decorare un luogo, di orto o di frutteti, che hanno entrambi la funzione di produrre frutti e ortaggi di provenienza sicura di cui l' uomo si ciba. Tra le piante maggiormente amate, apprezzate e coltivate da chi si occupa di giardinaggio appare sicuramente l' orchidea, una pianta i cui fiori, dalle forme e dai colori particolari e spesso dotati di un soave profumo, riescono ad ornare, anche da soli, un' intero angolo di giardino o di abitazione. Si tratta di una pianta particolare e dalle forme artistiche, ma che necessita di cure e attenzioni particolari, tra cui quella della potatura, indispensabile affinchè gli elementi che le sono nocivi o inutili lascino spazio a nuovi rami o boccioli. Pertanto, è necessario sapere come eseguire questa pratica.

potatura delle ortensie

Ciliegio alpino, Bonsai, 6 anni, 32cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,1€


Attrezzi:

potare le ortensieEseguire un' operazione di potatura richiede, come in ogni pratica del fai da te, l' uso di specifici attrezzi necessari per effettuare i vari procedimenti nel migliore dei modi. Ovviamente, quando si tratta di potatura, qualsiasi sia la pianta in questione, sicuramente a questa le foglie o i rami possono essere spezzati con qualsiasi attrezzo che ci si trova a disposizione e senza nessuna cognizione di causa. Vanno utilizzati attrezzi specificamente ideati e sviluppati, che, prima di tutto, bisogna saper conoscere ed utilizzare: se, infatti, un attrezzi viene usato nel modo sbagliato, con ogni probabilità la procedura sarà sbagliata, magari perchè un ramo sarà reciso male o perchè non si sarà avuta accortenza per la salute degli altri rami. Insomma, se non si ha una certa manualità con gli attrezzi, molto facilmente si sbaglia, e a pagarne le spese è poi la pianta che, soffrendo, non produce infiorescenze.

Gli attrezzi, quindi, vanno saputi sempre utilizzare. Per quanto riguarda le ortensie, però, tenendo conto che questa non ha dei rami particolarmente robusti e massicci, ma che la potatura riguarda per lo più rami abbastanza flessibili e foglie, gli attrezzi che servono sono solamente due: due paia di classiche foglie da giardinaggio, una più piccola (per le foglie) e una di maggiori dimensioni (per i rami).

  • Alcune note Quando si parla di ortensie occorre procedere con precisione, come, del resto, in tutti i casi e come è anche nostra storica abitudine. Ma, potremmo dire, che nel caso delle ortensie la dose di precis...
  • ortensie Le ortensie sono fra le piante più presenti sui balconi e nei giardini italiani. Hanno bisogno di accorgimenti particolari, per fare in modo che sviluppino al meglio i caratteristici fiori (che cambia...
  • le ortensie La particolarità delle ortensie sono i piccoli fiorellini che, riuniti in infiorescenze formano dei globi - detti corimbi o pannocchie - più o meno sferici e piuttosto grandi e scenografici. Le sue ca...
  • ortensie rampicanti Le ortensie, sono delle piante dalle fioriture spettacolari, nei colori e nelle forme. Suddetta pianta ha origini antichissime: le sue tracce sono state rinvenute circa dodici milioni di anni fa, infa...

Fiskars 1023629 Forbici Powergear, Bypass M PX93, Nero/Arancio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,99€


Potatura Ortensie: Come eseguirla:

Prima di effettuare qualsiasi operazione di potatura sulla propria pianta, qualsiasi sia il genere e la specie cui appartiene, è bene informarsi su come vada affrontata questa operazione: la potatura, infatti, è un' operazione delicata e basta incompetenza o un minimo attimo di distrazione perchè la pianta possa subire gravi danni da quella che dovrebbe essere un' operazione volta a migliorare la sua forma fisica e a garantirne la salute, facendo si che la pianta stessa subisca varie conseguenze, la cui gravità varia a seconda del tipo di errore. Pertanto, è bene sapere, per prima cosa, quali sono i rami da recidere in un' ortensia. A tale fine, è bene sapere che nell' ortensia non fioriscono i rami vecchi, ma soltanto quelli giovani sono in grado di dare fiori. Pertanto, nella potatura, è bene eliminare tutti i rami vecchi per far si che, durante la fioritura, la pianta disponga di tanti rami giovani in modo da poter dare una folta infiorescenza. Per quanto riguarda il “quando” debba essere eseguita l' operazione di potatura delle orchidee, questa può essere eseguita sia nel periodo autunnale sia nel periodo invernale. Nel primo caso, quello che dovrebbe essere seguito di norma, la pianta va privata di tutti i rami che hanno già dato fiori durante la fioritura della primavera precedente, tagliandoli in prossimità delle gemme, in modo che crescano rami giovani in grado di dare tanti fiori durante la prossima fioritura. Nel secondo caso, che va eseguito solo nei casi più estremi in cui la pianta ne mostra la necessità, vanno recisi i rami più deboli e i più vecchi, ma sopratutto la recisione deve avvenire alla base dei rami, vicino alle radici. Ovviamente, c'è anche da tenere in considerazione che la potatura non va eseguita appena la pianta “nasce”, ma per i primi due anni non è necessaria questa operazione, ma basta semplicemente eliminare foglie e rami secchi quando questi sono evidenti e i rami più deboli. Dal terzo anno dalla nascita in poi, invece, è possibile incominciare ad effettuare una vera e propria potatura.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO