Ortensie coltivazione

Ortensie coltivazione

Le ortensie sono fra le piante più presenti sui balconi e nei giardini italiani. Hanno bisogno di accorgimenti particolari, per fare in modo che sviluppino al meglio i caratteristici fiori (che cambiano colore in base alle peculiarità del terreno).
ortensie

FONDOLINFA ORTENSIE TERRICCIO PRONTO ALL'USO PER ORTENSIE E TUTTE LE PIANTE ACIDOFILE IN GENERE CONFEZIONE DA 10 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,5€


Il terreno e la piantumazione

ortensieIl clima più adatto per le ortensie è mite, non troppo caldo né troppo freddo. Per questo, se si vive in una zona in cui la temperatura estiva è molto elevata, è consigliabile scegliere di sistemare le ortensie in un punto che si trovi a non essere esposto alla luce diretta del sole. Anche durante l'inverno è necessario predisporre una protezione per le ortensie, per evitare che le radici subiscano danni durante le gelate.

Prima di piantare le ortensie nella porzione di terreno scelta, dobbiamo preparare il terriccio ad accoglierle al meglio. Si raccomanda una vangatura, in modo da smuovere e arieggiare il terreno; anche allo scopo di potervi mescolare della sabbia a ghiaia fine (che ne aumenta il drenaggio) e del concime organico.

Le ortensie possono essere acquistate nei negozi specializzati (oltre che nei vivai): si raccomanda di piantarle in autunno, nel mese di ottobre o di novembre. Per eseguire la piantumazione, è consigliabile predisporre una buca nel terreno, che sia almeno il doppio delle radici sviluppate dalla pianta. Una volta posizionata l'ortensia, si coprono le radici con il terriccio e si annaffia la pianta per la prima volta.

La caratteristica del terreno è capace di condizionare lì'ortensia, tanto da far cambiare il colore dei grossi fiori: se il terreno è molto acido, i fiori saranno azzurri; se al contrario l'acidità è bassa, i fiori saranno rosa.

  • potatura delle ortensie Quando ci si occupa di giardinaggio si è in grado, in tutte queste operazioni, di unire l' utile al dilettevole. E' possibile dire questo perchè il giardinaggio, che è uno degli hobby più apprezzati e...
  • Alcune note Quando si parla di ortensie occorre procedere con precisione, come, del resto, in tutti i casi e come è anche nostra storica abitudine. Ma, potremmo dire, che nel caso delle ortensie la dose di precis...
  • le ortensie La particolarità delle ortensie sono i piccoli fiorellini che, riuniti in infiorescenze formano dei globi - detti corimbi o pannocchie - più o meno sferici e piuttosto grandi e scenografici. Le sue ca...
  • ortensie rampicanti Le ortensie, sono delle piante dalle fioriture spettacolari, nei colori e nelle forme. Suddetta pianta ha origini antichissime: le sue tracce sono state rinvenute circa dodici milioni di anni fa, infa...

OSMOCOTE A LENTA CESSIONE (6 MESI) SPECIFICO PER LA COLTIVAZIONE DELLE PIANTE ACIDOFILE IN CONFEZIONE DA 750 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€


La crescita

ortensie L'ortensia ha bisogno di molta acqua per poter prosperare: per questo motivo, bisogna aver cura di annaffiare spesso la pianta, in modo da mantenere il terreno sempre umido (stando però a tenti a non inzupparlo, cosa che porterebbe alla formazione di pericolosi ristagni d'acqua). Durante l'inverno è bene proteggere le radici delle ortensie, disponendo sul terreno della paglia o del tessuto apposito, in modo che non debbano risentire dell'effetto delle gelate e delle basse temperature: quando il termometro scende sotto lo zero, è bene evitare di annaffiare la pianta per lo stesso motivo. Con l'arrivo della primavera l'ortensia inizierà a germogliare e a produrre i primi fiori: a questo punto, è il caso di aiutare la pianta con la somministrazione di un fertilizzante liquido disciolto nell'acqua dell'irrigazione. Questo trattamento non deve essere troppo frequente, e deve essere effettuato solo nel periodo della fioritura, al quale deve seguire quello della potatura. La potatura (che va effettuata in autunno, una volta finito il periodo della fioritura) ha lo scopo di eliminare i fiori e i rami secchi: cercate di effettuare un taglio obliquo, utilizzando delle forbici da giardinaggio disinfettate, in modo da ridurre la possibilità che la pianta venga successivamente attaccata dai parassiti.


Le ortensie in vaso

ortensie in vasoA differenza della maggior parte delle piante, per le quali è meglio usare vasi di terracotta, per le ortensie la scelta più adeguata sono i recipienti in plastica. Questo perché, mentre la terracotta favorisce l'ossigenazione delle radici e del terreno, la plastica trattiene l'umidità, e l'ortensia ha bisogno di molta acqua. L'importante è che l'acqua delle annaffiature possa defluire facilmente, e che non ristagni: svuotate il sottovaso ogni volta dopo aver irrigato la pianta.

Le ortensie sono adatte a essere tenute sul terrazzo, in balcone, in giardino o anche in casa. Anche in questo caso, bisogna però avere cura di cercare la posizione più adatta per collocare il vaso con la pianta. Se si tiene all'esterno (per esempio, su un terrazzo), bisogna fare in modo che l'ortensia non sia esposta alla luce diretta del sole, ma possa stare in ombra pur ricevendo i benefici della luce naturale. Nel caso la pianta venga invece tenuta all'interno dell'abitazione, si raccomanda di non sistemare il vaso vicino ai termosifoni: il troppo caldo provocherebbe infatti problemi all'ortensia. Le piante possono essere poste in una stanza arieggiata e asciutta, vicino a una finestra dalla quale entri la luce naturale. Anche in questo caso, le annaffiature devono essere abbondanti.


Le malattie

Il nemico maggiore delle ortensie (sia che siano coltivate in vaso che piantate in terra) è il drenaggio non sufficiente: i ristagni d'acqua provocano infatti l'attacco di muffe e funghi, che possono rivelarsi mortali per la pianta. Nel caso in cui si noti che l'ortensia inizia a soffrire a causa di una muffa, è necessario reperire gli appositi prodotti curativi presso i negozi specializzati in articoli da giardinaggio, ed eliminare i rami che risultano malati (utilizzate, come nel caso della normale potatura, delle forbici disinfettate). Spesso le ortensie vengono attaccate dagli afidi o da altri insetti: in questo caso, si può intervenire con un insetticida, per poi ripulire la pianta dai residui di prodotto, che potrebbero risultare nocivi.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO