Ticchiolatura

Cos'è la ticchiolatura

Probabilmente una delle malattie più comuni e facilmente distinguibili anche da un occhio poco o per nulla esperto.

Si presenta sotto forma di macchie brune sulle foglie che tendono a seccare, e come dei veri e propri buchi sui frutti. Famose sono le macchie scure sui petali delle rose che appaiono nel periodo estivo-autunnale, che diventano macchie quasi vellutate che portano alla caduta definitiva del petalo e la conseguente morte del fiore

Essa si sviluppa prevalentemente durante i periodi umidi dell'anno, e quando è quasi, o totalmente, assente un idoneo riciclo d'aria nell'ambiente in cui dimorano e vivono le piante. Da ciò è semplice intuire come il periodo più favorevole alla comparsa di ticchiolatura è l'autunno, ma può verificarsi anche durante le primavere fesche e caratterizzate da molta pioggia, soprattutto dalla fase di fioritura fino al primo sviluppo del frutto.

La ticchiolatura su piante ornamentali è dovuta alla presenza di alcuni tipi di funghi che fanno parte delle famiglie della marssonina e diplocarpon, mentre la comparsa sulle piante da frutto è legata alla presenza di altri funghi facenti parte questi del genere venturia.

Tra tutte le piante, quelle più soggette all'attacco di questi funghi sono le rosacee da frutto, in modo particolare le rose, il pero ed il melo. Non sono immuni neanche gli alberi ad alto fusto, con una maggiore predisposizione da parte dei salici e dei pioppi.

Ciò che più viene colpito da questa malattia sono le foglie della piante, ma anche fusto e frutti non possono considerarsi immuni dalla ticchiolatura.

La cura per la ticchiolatura sta principalmente su una buona prevenzione fatta di potatura dei rami infettati dai funghi.

Cos'è la ticchiolatura

TOPAS 10EC 250 ml. fungicida oidio ticchiolatura vite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19€


Cause e sintomi e della ticchiolatura

ticchiolatura Sul melo, che è l'albero più soggetto a ticchiolatura, la comparsa è dovuta alla presenza del fungo Venturia inaequalis. La malattia si manifesta su foglie, fiori e frutti sotto forma di macchie marrone scuro che tendono a seccare. Le stesse macchie si riscontrano anche sui frutti che sotto l'effetto della malattia tendono a spaccarsi. Il periodo più critico per la piante è quello primaverile che va dalla fiorita a quando il frutto assume le dimensioni all'incirca di una noce, è proprio in questo periodo infatti che un periodo prolungato di pioggia può favorire l'ambiente ideale per la proliferazione del fungo incriminato.

Anche per il pero valgono gli stessi sintomi descritti per il melo, con la differenza che a causarne la malattia è il fungo Venturia pirina.

Il nespolo è un'altra pianta fortemente soggetta alla malattia. Essa è causata dal fungo Fusicladium eriobotryae. La malattia va ad intaccare i rami ancora giovani e le foglie con delle tacce brune che si evolvono e sviluppano come dei veri e propri cancri. Tutto questo porta alla perdite delle foglie da parte dell'albero.

  • ticchiolatura Ogni qualvolta si scegli di occuparsi di giardinaggio, si devono tenere in considerazione non solo quelle che sono le potenzialità e i vantaggi che il giardinaggio è in grado di dare a chi se ne occup...
  • segni della peronospora Ogni qualvolta ci si reca nel proprio vivaio di fiducia, o in qualsiasi altro negozio, con l' intento di acquistare una pianta, il più delle volte si tiene in considerazione solo la bellezza della pia...
  • La realizzazione di una fungaia non è semplice, e bisogna tenere in considerazione vari fattori, a partire dal substrato, che deve essere specificamente per i funghi ( oppure si deve procedere compera...
  • funghi I funghi champignon, vanno coltivati seguendo un percorso specifico che prevede due fasi: la prima corrisponde alla preparazione del terreno, la seconda alla coltivazione dei funghi vera e propria. Il...

FUNGICIDA POLIVALENTE PRONTO ALL'USO DA 750 ML

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,5€


Rimedi e cure naturali contro la ticchiolatura

La prima regola contro questa malattia è un'azione tempestiva e preventiva. Bisogna eliminare tutte le possibili fonti di infezione potando i rami che presentano i primi sintomi della malattia in moda da favorire anche una ottimale circolazione dell'aria tra i rami e le foglie.

Bisogna accertarsi di non esagerare con l'irrigazione garantendo un ottimo drenaggio dell'acqua per evitare pericolosi ristagni.

Raccogliere tutte le foglie ed i frutti caduti avendo cura di eliminare tutto ciò che è stato infettato è importantissimo in quando i funghi patogeni sopravvivono all'inverno sotto forma di spore sulle foglie cadute.

Se proprio si vuole usare prodotti totalmente naturali si può provare con i decotti o infusi a base di ortica o equiseto. Le piante ne troveranno subito grande beneficio.


Ticchiolatura: Rimedi chimici contro la ticchiolatura

In caso di infestazioni violente ed impossibili da debellare con i sistemi naturali, bisogna intervenire con prodotti chimici studiati appositamente per la lotta a questa malattia, anche se questa è già in corso.

Sostanzialmente si adoperano la poltiglia bordolese o prodotti a base di rame, con applicazioni ripetute ed a cadenza prestabilita così come riportato sulle confezioni da parte delle casi produttrici, da eseguirsi soprattutto nella fase di pausa vegetativa. Oltretutto questi metodi sono consentiti nella cultura biologica, quindi si ha la certezza di non arrecare danni all'ambiente ed a noi stessi.


Guarda il Video
  • ticchiolatura La ticchiolatura è una malattia crittogamica, causata sulle piante ornamentali da funghi appartenenti al genere diplocar
    visita : ticchiolatura

COMMENTI SULL' ARTICOLO