Innestare il ciliegio

Perché innestare il ciliegio

Innestare il ciliegio è quasi una pratica obbligatoria per chiunque desideri coltivare al meglio quest'albero. Questa tecnica produce infatti due effetti positivi principali sulla coltivazione. In primo luogo permette di migliorare la qualità dei frutti, ovvero delle ciliegie, che sono diffuse e apprezzate in tutto il mondo da secoli per la loro sapore dolce e per le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. La seconda motivazione è quella di irrobustire la pianta e consentirle così una vita sana e lunga. Quest'albero, infatti, può arrivare a vivere fino a cento anni, se ben curato e tenuto nelle migliori condizioni. Per ottenere questi risultati si userà il ciliegio selvatico come porta-innesto, sul quale si andrà a fare attecchire la varietà che si preferisce.
Innestare il ciliegio per produrre buoni frutti

Ausonia - Coltello da innesto a triangolo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,6€


L'innesto a spacco

Innesto a spacco Esistono diverse tecniche per innestare il ciliegio. La prima è quella a spacco. Per iniziare, occorre procedere alla potatura dell'albero base, o porta-innesto, che va liberato da tutti i rami. Il tronco verrà quindi tagliato orizzontalmente per ottenere una superficie piana sulla quale verranno inseriti i rami giovani provenienti dal nesto, cioè dal ciliegio della varietà prescelta per i frutti. Al centro del tronco si pratica una fenditura profonda un paio di centimetri. Lì vanno inserite le marze, ovvero i rametti della pianta produttiva, che portano quattro/cinque gemme e le cui estremità sono state tagliate a zeppa (simili, quindi, alla punta di un cacciavite), per aderire meglio alle pareti della fenditura. La loro lunghezza ideale è di circa dieci centimetri, e vanno fissati saldamente al tronco con del filo per innesti.

  • tecnica innesto agrumi L’innesto degli agrumi rappresenta una questione abbastanza interessante per un’ampia fetta di popolazione all’interno del nostro Paese: in primo luogo desta interesse, in maniera intuibile, in tutti ...
  • ciliegio fiorito Prima di eseguire qualsiasi operazione di giardinaggio, ma anche in qualsiasi altro campo, c'è sempre bisogno di qualche mezzo di cui è necessario munirsi per far si che la pratica sia volta nel migli...
  • pianta di ciliegio Il ciliegio è un albero appartenente alla famiglia delle Rosacee, il cui nome scientifico è Prunus avium. SI tratta di un albero particolarmente presente nelle zone mediterranee, e che vive sulla terr...
  • Legno ciliegio L'albero del ciliegio è apprezzato sia come albero da frutta sia come albero ornamentale, ma anche come essenza adatta a diversi tipi di lavorazione di falegnameria. Il ciliegio rientra nella classifi...

Hunter elc-401i – Programmatore di irrigazione, 4 stazioni, per interni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 43,82€


L'innesto a gemma

Innesto a gemma Un'altra tecnica possibile è quella dell'innesto a gemma. In questo caso occorre, però, prelevare le gemme dal ciliegio produttivo prima della primavera (ovvero prima della fioritura della pianta) e conservarle in un luogo fresco ma non troppo secco. Nei mesi di luglio-agosto si può procedere praticando un taglio a forma di T nella corteccia dell'albero base, a circa quindici centimetri dal tronco che avrete precedentemente tagliato orizzontalmente. La gemma va inserita nel taglio e fatta aderire bene alla superficie. L'incisione deve essere della stessa grandezza della gemma. Se dopo l'inserimento dovesse risultare eccessiva, si può riempire con dell'appostito mastice. Anche in questo caso occorre fasciare bene l'area intorno alla gemma con la rafia o con le corde agricole in gomma, che vanno controllate ogni dieci/quindici giorni per verificarne la tenuta, ed eventualmente devono essere strette.


Innestare il ciliegio: Tipologia a corona

Innesto corona Un'altra modalità per innestare il ciliegio è quella a corona, usata principalmente per ringiovanire alberi più vecchi. Il tronco porta-innesto viene tagliato orizzontalmente, come accade per la tecnica a spacco, ma si procede facendo due incisioni verticali sulla corteccia. Le marze, in questo caso, devono essere di circa quindici centimetri e sulla punta avranno un solo taglio obliquo. Questa parte sarà fatta aderire al legno, accertandosi che non fuoriesca. Il tronco viene quindi fissato tutto intorno con del nastro adesivo specifico. Qualunque sia la tecnica prescelta per il nostro albero, è bene sottolineare che non si tratta di un'operazione semplice, ma richiede molta cura e attenzione, e non sempre la buona riuscita è assicurata. Grazie alla continua pratica potrete raggiungere ottimi risultati.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO