Rosmarino coltivazione

Perchè conoscerla:

Molte persone scelgono di dedicarsi alla pratica del giardinaggio: questo perchè si tratta di un hobby capace di dare molti benefici: Occuparsi delle proprie piante peremette di rilassarsi, di passare dei momenti in completa tranquillità, di imparare a prendersi cura della natura e a rispettare quest' ultima, ma non solo: se si è capaci di costruirsi un vero e proprio giardino, da questo sarà possibile ricavare un ambiente molto utile, da adibire a qualsiasi evenienza: nel proprio giardino, infatti, sarà possibile posizionare un tavolo e delle sedie, per trascorrere dei pasti all' aperto, oppure dei giochi, per far divertire i propri figli o i propri nipoti, o ancora decidere di ospitarvi delle feste. Insomma, i modi con cui sfruttare il proprio giardino sono proprio tanti, e tanti sono quindi i vantaggi che è possibile ricavare dalla pratica del giardinaggio. Tuttavia, non si deve dimenticare che, come sono tanti i vantaggi, ci sono anche delle responsabilità che si assumono ogni volta che si sceglie di acquistare una pianta. Questo perchè, prima che per la loro bellezza o la loro utilità, le piante vanno giudicate per quello che sono prima di ogni altra cosa, ovvero dei veri e propri esseri viventi, con delle esigenze che devono essere soddisfatte per il loro e per il proprio interesse: le piante non curate facilmente vivono dei periodi di malessere, che esternano poi anche all' esterno, minando quindi la produzione di fiori e foglie sane e belle e di verdura, spezie o frutta saporita e sana.
rosmarino in vaso

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


Proprietà:

piantine di rosmarino Il rosmarino è una pianta che può essere coltivata da chiunque, perchè è possibile coltivarla anche in vasi di piccole dimensioni e, quindi, posizionarla in vari luoghi, come ad esempio il proprio balcone o il davanzale della propria finestra. In questo modo, sarà possibile avere sempre a portata di mano del rosmarino fresco e di sicura provenienza, capace di rendere i propri piatti saporiti. Il rosmarino, infatti, è utilizzato in cucina come una pianta aromatica, dato che il sapore delle sue foglioline è in grado di influenzare il sapore di un' intero piatto. Si tratta di foglioline profumate e dal sapore forte e buono, che possono essere utilizzate sia per condire i primi che per condire i secondi piatti.

Il rosmarino è una pianta conosciuta e utilizzata sin dall' antichità, spesso considerato sacro. I greci e gli egizi già lo apprezzavano per le sue molteplici virtù.

Ma oltre al suo buonissimo sapore, e al prezioso uso che gli esperti in cucina fanno di questa pianta, non bisogna dimenticarsi che mangiare il rosmarino non è buono soltanto per il palato, ma che, in quelle piccole foglioline, ci sono dei contenuti ottimi anche per la salute di chi le mangia, capaci, infatti, di risolvere quei problemi piccoli, ma fastidiosi, che possono capitare quotidianamente. In primis, il rosmarino può essere applicato quando si è oggetti ad influenze o febbri, in quanto ha la capacità di influire sull' apparato respiratorio e calmare la tosse o anche l' asma, o quando si ha problemi di digestione, infatti il rosmarino incentiva la produzione di bile e facilita la digestione. Infine, è utilizzato anche come antireumatico, per i benefici che è in grado di apportare all' apparato osseo. Anche l' uso che se ne fa in cucina è motivato dalle proprietà salutistiche del rosmarino: è possibile accompagnarlo a cibi particolarmente pesanti per diminuirne la difficoltà di digerirli, o evitare il sale per insaporire un piatto, in quanto il rosmarino svolge il medesimo ruolo con meno svantaggi. Tuttavia, è meglio ingerire il rosmarino come una tisana, quindi facendo riposare per circa dieci minuti un cucchiaino di foglioline in acqua bollente.

  • rosmarino Il rosmarino e' una pianta tipica delle zone del Mediterraneo. Nelle regioni particolarmente vicine al mare il rosmarino si sviluppa in maniera spontanea e raggiunge anche i quattro metri di altezza. ...
  • rosmarino Il rosmarino, è una pianta che per specifiche dimensioni e caratteristiche peculiari, non tende ad adattarsi all’arte correttiva del bonsai, sia per portamento, sia per le dimensioni delle foglie e d...
  • potatura Il giardinaggio è un' attività che è piacevole è anche particolarmente utile, per se stessi e per l' ambiente. Tuttavia, è anche un' occupazione che richiede lavoro, pazienza, accortenza e abbastanza ...
  • potatura delle rose Ogni qualvolta ci sceglie una casa, qualsiasi sia lo scopo per cui si commette quest' azione, si deve tenere in considerazione non solo il fatto che la pianta una pianta può essere un elemento decorat...

TERRICCIO EXTRA-FINE PER LA SEMINA E LA COLTIVAZIONE DEGLI ORTAGGI E DELLE PIANTE AROMATICHE CONF. DA 20 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Semina:

Il rosmarino può essere coltivato in vari modi, ma quello sicuramente più conosciuto è la semina. Il periodo migliore per eseguire questa pratica è senza dubbio la primavera e si deve procedere nel seguente modo: prima di tutto, si prepara del terriccio all interno di un vaso, e sopra di esso vanno distribuiti in modo omogeneo una piccola manciata di semi. A loro volta, i semi vanno ricoperti con un piccolissimo strato di terriccio, e successivamente il tutto a compattato tramite una leggera pressione. A questo punto, il terriccio va innaffiato, facendo sempre attenzione al che non si smuovano i semi , quindi essendo molto moderati. Dopo questa pratica, si ricopre il vaso con un foglio di plastica trasparente, sul quale è preferibile realizzare dei piccoli buchi, in modo da conservare il terriccio in un ambiente caldo . Ogni due giorni è necessario rimuovere questo foglio di plastica e inumidire il terriccio (se necessario). Le piantine spunteranno in non più di venti giorni, e a questo punto sarà possibile rimuovere il telo.


Rosmarino coltivazione: Pratiche colturali:

IL rosmarino predilige terreni asciutti e leggeri, che favoriscano un efficiente drenaggio, in quanto è una pianta che teme i ristagni d' acqua. Inoltre, questa pianta resiste bene alla siccità ma non all' eccessiva abbondanza d' acqua, e preferisce quindi i luoghi soleggiati e caldi. Quando le piantine avranno raggiunta un' altezza minima di dieci centimetri, sarà possibile estirparle (delicatamente) e interrarle nella loro definitiva dimora. E' meglio se il trapianto avvenga in primavera inoltrata.

Per quanto riguarda la pratica dell' innaffiatura, questa deve essere sempre essere eseguita in modo cauto e con buon senso, anche durante le stagioni più calde. Il rosmarino deve essere innaffiato solo quando il terreno è asciutto e nelle ore più arieggiate, prediligendo quelle serali. Per quanto riguarda il rinvaso, questo può avvenire ogni quattro o cinque anni. Per quanto riguarda la concimazione, questa può essere eseguita prima della stagione vegetativa per integrare i nutrienti necessari. Le potature sono limitate alla rimozione solo di foglie o rami secchi, e possono avvenire ogni qualvolta se ne presenti la necessità.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO