Pergolati fai da te

Cosa è un pergolato? Cosa serve per sostituirlo?

Il pergolato è la soluzione ideale per proteggere dal sole ed assicurare, nello stesso tempo, una confortevole vita all'aperto anche durante i mesi più caldi. Un bel pergolato, infatti, è un elemento architettonico che coniuga design e praticità.

Perfetto per delimitare l'area giochi dei più piccoli o l'area destinata al barbecue, il pergolato, può essere formato da una struttura in legno, metallo o muratura; risulta completato da un tetto che, in molti casi, è perfetto per ospitare piante sempreverdi o caducifoglie (le piante ornamentali più adatte sono, da sempre, la buganvillea, la vite canadese e la passiflora).

Il pergolato può essere acquistato negli store dedicati, oppure si può costruire da soli. Non è un particolarmente difficile. Basta un po' di attenzione, una buona dose di manualità ed, ovviamente gli attrezzi giusti. Vediamo cosa serve:

- n.4 pali o pilastri, avente una sezione 12x12 cm ed una lunghezza di 260 cm;

- n.13 travetti misuranti 6x8 cm ed una lunghezza di 340 cm,

- n.2 travi misuranti 12x12 cm ed una lunghezza di 440 cm;

- n. 8 bulloni passanti da 15 cm,

- n.8 listelli 5x5 cm con lunghezza di 120 cm,

- chiodi da carpentiere

- ghiaia;

- impregnante per legno

- malta cementizia;

Serviranno anche una rotella metrica,una livella con bolla d'aria, una corda lunga circa venti metri, vanga,mazzuolo, secchio da muratore, piccone, frattazzo, badile, cazzuola, filo a piombo, trapano avvitatore con apposita punta per legno, scala e pennello.

Pergolati fai da te

Verdemax 3446 120 x 40 x 219 cm giardino arco in ferro, colore: verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 91,99€


Costruire un pergolato: operazioni preliminari

Costruire un pergolatoPer costruire un pergolato, prima di tutto, è necessario buttar giù un piccolo progetto, considerando lo spazio a disposizione.

Se si vuole innalzare un pergolato, in legno, caratterizzato da base quadrangolare "340 cm x 440 cm", alta 220 cm, il nostro progetto prevederà 4 pali e 4 buche.

I pali dovranno essere fissati con della malta cementizia. In alternativa, si potrà procedere a cementare solamente i porta pali (ai quali andranno ancorati le travi). In questo modo, i pali risulteranno leggermente sollevati da terra ed il legno potrà meglio combattere l'umidità.

Alle coppie di pali, si procederà poi a fissare (con bulloni a testa tonda), lungo il lato più lungo, due travi. Ad esse, si inchioderanno i travetti che dovranno essere distanziati di almeno 35 cm circa. Ricordate di far tagliare, presso un punto legno, tutti gli elementi in legno e di far eseguire uno specifico incastro denominato "a mezzo legno" (utile per connettere in maniera perpendicolare due elementi), alle due estremità delle vostre travi.

    Arco per rose in metallo

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


    Pergolati fai da te: Iter operativo per costruire un pergolato

    Una volta che avete stabilito il luogo dove innalzare il vostro pergolato, procedete a determinare il perimetro aiutandovi con cordella metrica, mazzuolo ed i quattro paletti (che segnaleranno i 4 angoli). In corrispondenza dei 4 angoli, procedete, con una vanga - ed eventualmente con un piccone - a scavare altrettante buche misuranti 35x35 cm e caratterizzate da 45 cm di profondità.

    Sul fondo delle buche, disponete uno strato di ghiaia dello spessore di 5 cm e, in ciascuna della quattro buche sistemate un palo. Calatelo dall'estremità opposta rispetto a quella presentata dall'incastro a mezzo legno.

    A questo punto, con una coppia di listelli misuranti 5x5 cm che andranno inchiodati frontalmente, fissate i pali.

    Dedicatevi quindi alla preparazione della malta cementizia. In base alla quantità, potete anche impastarla, a terra, aiutandovi con un badile.

    Con la livella ed il filo piombo, verificate la perfetta perpendicolarità dei pali; con la rotella metrica, invece, controllate la distanza tra gli stessi, Ricordiamo che, tenendo in considerazione la sezione dei pali, la distanza, dovrà essere di 326 cm e 426 cm.

    Una volta eseguiti i suddetti controlli, potrete provvedere alla colata di cemento.

    In base alle condizioni atmosferiche è bene far asciugare il cemento per circa 36/48 ore. Quando sarà completamente asciutto rimuovete i listelli di sostegno dai pali. Aiutandovi con una scaletta, sistemate la trave sulla prima coppia di pali avendo cura di far coincidere gli incastri.

    Per ogni punto di ancoraggio, eseguite due fori passati facendo attenzione a distanziarli adeguatamente. Poi, fissate, in maniera stabile, la trave al palo (utilizzando i bulloni a testa tonda). Ripetete anche per la seconda trave.

    Fissate, trasversalmente, i travetti alle travi e passate, su tutta la struttura, una mano di impregnante protettivo.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO