Vetrate artistiche

Tecniche costruttive delle vetrate artistiche

La tecnica costruttiva delle vetrate artistiche è piuttosto elaborata e prevede una serie di passi successivi da seguire con estrema precisione.

Per prima cosa si realizza l’intelaiatura generalmente fatta con il piombo o sempre più raramente con il legno. Successivamente vi vengono incastonati i vari frammenti di vetro di crogiolo o di vetro placcato. Il vetro è definito di crogiolo quando la colorazione dello stesso viene ottenuta aggiungendo all’impasto base elementi come la ruggine, il rame o il cobalto mentre si parla di vetro placcato quando le tonalità di colore si ottengono attraverso una serie di stratificazioni. Per tagliare le lastre di vetro nella misura desiderata, l’artigiano esegue un disegno preparatorio detto cartone e lo sfrutta come base per incidere i vari pezzi servendosi di un ferro incandescente o di una punta di diamante. Prima di essere montate definitivamente, le differenti lastre di vetro vengono collocate sopra una sorta di griglia provvisoria e se l’opera lo richiede, dipinte con grisaille cotta poi a temperature elevate. Dopo questo passaggio si procede unendo i pezzi con piombo fuso e montando il tutto sull’intelaiatura.

vetrate artistiche

Accessorio per lavorazione vetrate artistiche, sezione a C

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,72€


Vetrate artistiche classiche

Vetrate artistiche classicheLe vetrate artistiche classiche sono quelle che attualmente ricevono la maggior parte dei consensi. Vengono adoperate per aggiungete un tocco di stile a qualsiasi tipo di arredamento d’interni. Spesso vengono utilizzate figure dell’arte classica greca oppure vengono riprese le immagini più belle dei dipinti rinascimentali di Michelangelo, Raffaello, Da Vinci, Botticelli, Pontormo e molti altri ancora. A volte però c’è chi predilige orinare una vetrata che riproponga immagini ispirate alle bellezze naturali di paesaggi, fiori e frutta di ogni tipo. Ciascuno può scegliere i disegni che preferisce e farli trasformare in splendide vetrate da collocare su porte, finestre o addirittura può far realizzare una vetrata tanto grande da divenire una vera e propria parete divisoria a tutti gli effetti. Lo stile classico dà un tocco di eleganza in più a tutto l’ambiente e riesce a rendere l’atmosfera armonica e sofisticata. Non solo regala dei colori particolari all’ambiente ma se colpita dalla luce diretta del sole crea interessanti riflessi di ogni tonalità sulle pavimentazioni, sulle pareti e su qualsiasi altra cosa sia nei suoi paraggi. A volte che chi preferisce adoperare una vetrata per coprire una parete già esistente alquanto spoglia e priva di ogni attrattiva. Questo tipo di montaggio viene poi fatto risaltare per mezzo di una studiata illuminazione che ne ravviva i colori e li rende molto più brillanti e attrattivi.

  • Vetrate scorrevoli Con l'istallazione di una vetrata è possibile trasformare qualsiasi spazio aperto in un ambiente chiuso, senza comprometterne il panorama e la luminosità. Le vetrate si adattano perfettamente ad ogni ...
  • Alcune note Il vetro autopulente potrebbe rappresentare, come si suole dire in occasioni del genere, una vera e propria svolta nell’ambito dell’arredamento delle nostre abitazioni. A pensarci bene, e ad onor del ...
  • pareti vetrate per interni Il vetro è un elemento delicato, elegante, raffinato: esso dona raffinatezza e bellezza, per la particolarità con cui filtra la luce ed i colori. La scelta dell’inserimento delle vetrate interne, è un...
  • Pareti vetrate L'uso maggiore di pareti vetrate si riscontra sicuramente all'interno degli uffici, in cui le pareti divisorie in muratura o in pannelli ciechi sono state spesso sostituite dal più leggero ed elegante...

Utensile per saldatura vetrate artistiche, privo di piombo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,65€


Origine delle vetrate artistiche

Origine vetrate artisticheLe vetrate sono nate nell’epoca romana e poco a poco si sono evolute sia per forme che per colorazioni grazie alle innovazioni apportate alla lavorazione del vetro. Circa nel 25 d.C. si apprese a modellare il vetro soffiandolo e in tutto l’impero romano si iniziarono a decorare le terme nonché gli edifici prestigiosi con dei vetri colorati montati su appositi telai realizzati in legno o in metallo. Di queste vetrate però sono giunte fino ai nostri giorni solamente le loro descrizioni fatte da Plinio il Giovane. Successivamente, sotto il governo di Ottaviano Augusto, il vetro iniziò ad essere adoperato su larga scala e addirittura i primi visitatori che entrarono nel sito di Pompei poterono ammirare dei vetri intelaiati all’interno di varie dimore. Nel quinto secolo dopo Cristo l’impero romano inizia a decadere economicamente e la produzione delle vetrate viene accantonata ma ripresa e migliorata dai paesi del nord Europa. Attualmente le vetrate artistiche più antiche che si possono ammirare sono in Germania e sono situate nella cattedrale di Augusta che risale alla prima metà dell’anno Mille. Le vetrate in questione raffigurano cinque personaggi dell’antico testamento e appartenevano ad una serie più numerosa purtroppo andata perduta.

La vetrata artistica ha visto il suo massimo splendore durante il periodo dello stile Liberty e con l’Art Noveau. In quel periodo sono nati nuovi cromatismi e Tiffany riesce a improntare le vetrate con uno stile del tutto nuovo ed originale aggiungendo vetri opachi e sostituendo il piombo al più raffinato rame.




COMMENTI SULL' ARTICOLO