Sverniciare il legno

Come sverniciare il legno

Le vernici sono ideali per proteggere il legno e renderlo idrorepellente però ne alterano la bellezza naturale, fatta di nodi e venature. Le vernici una volta applicate, vanno rimosse se si intende riverniciarle con prodotti naturali come l’anilina o le tinture ad acqua ed alcool di tipo professionale. Ecco quindi che si è costretti ricorrere all’uso di sverniciatori chimici per rimuovere uno o più strati di vernici. Tuttavia il loro utilizzo richiede delle precauzioni soprattutto nel maneggiarle e per il rischio di inalarne le sostanze altamente tossiche. Tutti i prodotti che servono per sverniciare il legno hanno dei loro tempi di posa prima che possano produrre l’effetto desiderato; bisogna comunque attenersi a quanto descritto sulla confezione per evitare tempi brevi di posa che potrebbero rivelarsi insufficienti o troppo lunghi tali da creare ulteriori spessori e problemi di rimozione. Per questo è importantissimo non applicare lo sverniciatore sotto la luce diretta del sole, ma è altrettanto necessario lavorare in un ambiente areato per non respirarne i vapori. Quando si tratta di sverniciare il legno di porte e finestre esistono tuttavia vecchi rimedi, molto più sicuri soprattutto per la nostra salute. Infatti l’alternativa ai tanti sverniciatori chimici è quella di utilizzare della pasta che tende a fondere la vernice.
sverniciare il legno

IMPREGNANTE LEGNO - 0,5 L - AD ACQUA SATINATO SYNTILOR PROTETTIVO BIANCO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13€


Sverniciare legno

sverniciare legno Prima di iniziare a sverniciare il legno, bisogna togliere dal mobile, porte o finestre tutto ciò che non è di tale materiale, in quanto gli agenti corrosivi presenti negli sverniciatori potrebbero annerire o rovinare del tutto maniglie o pomelli. Indipendentemente se si tratta di una tavola piana, di una porta o finestra è importante per poter lavorare bene, posizionarla in orizzontale su sgabelli ad altezza del bacino, in modo da intervenire senza particolari sforzi fisici. Per piccoli oggetti potete utilizzare un comune tavolo purchè prestate attenzione ricoprendolo con un telo per evitare di macchiarlo o corroderlo, e nel contempo posizionare dei fogli di giornale per catturare eventuali gocce; infine durante l’utilizzo di sverniciatori chimici non dimenticate di utilizzare una mascherina e dei guanti di lattice.

  • bricolage Il bricolage, comunemente chiamato anche “fai da te”, consiste nell' occuparsi di tanti vari lavori manuali senza vestire le vesti di un professionista. Il bricolage può, infatti, essere annoverato tr...
  • tronchi di albero Il fai da te permette di occuparsi di operazioni in tutti i settori, cosa che permette a sempre più persone di avvicinarsi al mondo del fai da te, in quanto tutti possono trovarvi un buon modo per tra...
  • esempio di cassapanca in legno La cassapanca in legno è una tipologia di mobile utilizzata sin dai tempi antichissimi, che unisce in se più di una funzione, e che quindi può essere utilizzata in vari modi, per più di uno scopo. La ...
  • parete divisoria in vetro Il fai da te è un' occupazione a cui sempre più persone aderiscono, perchè ritrovano in esso un buon modo per trascorrere il proprio tempo libero, investendolo in operazioni utili per se stessi, per l...

IMPREGNANTE LEGNO - 0,5 L - AD ACQUA SATINATO SYNTILOR PROTETTIVO ROVERE SCURO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13€


Sverniciatore legno

Sverniciatore legno Una volta acquistato uno sverniciatore specifico per legno alla nitro o eventualmente della trialina, prendete un pennello vecchio (tenendo conto che applicando lo sverniciatore sarà inutilizzabile per il futuro) e spalmate il prodotto sul legno come fosse un tampone, senza stenderlo come si fa con pitture e vernici. Lo sverniciatore va inoltre applicato abbondantemente in modo che non si secchi subito e non perda il suo potere. Dopo aver letto le istruzioni riportate sul barattolo, impostate il tempo di posa consigliato e di tanto in tanto controllatene l’andamento fin quando non comincia a fare effetto bollandosi.Trascorso il tempo di posa, con l’aiuto di una spatola controllate se la vernice è diventata cremosa ed è facilmente asportabile. Se invece non notate sostanziali variazioni dal momento dell’applicazione, allora è il caso di tentare con una seconda passata. Quando finalmente la vernice è facilmente asportabile, utilizzate la spatola come un raschietto ovvero facendo una leggera pressione perpendicolare al piano e tendente ad andare verso l’alto. L’effetto apparirà come una pellicola tipo quella rilasciata dalla colla vinilica quando è secca. La spatola ovviamente serve ad asportare le parti più concentrate di vernice sciolta, ma per ripulire totalmente la superficie è opportuno utilizzare una spazzola di metallo (preferibilmente di ottone). Questi sverniciatori liquidi negli ultimi anni sono stati sostituiti da paste sotto forma di gel con minore rischio di tossicità e molto efficienti, in quanto basta spalmarli ed i tempi di posa per una buona rimozione della vernice sono praticamente dimezzati.


Scartavetrare il legno

Scartavetrare il legno In alcuni casi, quando la vernice sul legno non è poco coesa oppure quando è presente solo su piccole parti, è anche possibile intervenire direttamente con un processo di scartavetratura del legno, che va effettuato con l'utilizzo di carte vetrate di differenti grane, partendo con una un po' più grossa per eliminare la maggior parte delle vernice, per poi diminuire la grande per effettuare il passaggio di finitura e rendere la superficie liscia.

La scartavetratura è anche necessaria dopo aver eseguito la sverniciatura, sia chimica che a fuoco, per eliminare gli eventuali residui di vernice e per lisciare le fibre e preparare al meglio la superficie con la nuova vernice.

In questo modo, scartavetrando il legno, la superficie sarà preparata per assorbire al meglio l'impregnante o la vernice protettiva.