Legno Lamellare

Il legno, materiale antico più dell'uomo

Ognuno ha le sue peculiarità e le sue caratteristiche: vale per le persone, per gli animali, per le automobili, e vale anche per i materiali, elementi che caratterizzano la nostra esistenza in maniera imprescindibile. Il ferro, la carta, la plastica, il vetro, il legno, sono tutte sostanze che appartengono alla nostra vita e contribuiscono a migliorarla, peggiorarla, dargli la forma più appropriata in base all’utilizzo preciso. Ogni materiale ha le sue ragioni, ogni materiale ha i suoi utilizzi peculiari: ce ne sono di duri e morbidi, di leggeri e pesanti, di economici e di costosi, di duttili e monouso: insomma ce ne sono per tutti i gusti e tutte le esigenze, ma solo alcuni tra le centinaia di materiali disponibili in natura, riescono a garantire prestazioni che durano nel tempo. In queste righe soffermeremo la nostra attenzione su uno dei materiali più antichi e conosciuti nella storia dell’umanità; un materiale utilizzato fin dall’era preistorica, noto già prima che l’uomo si civilizzasse: il legno. Quando si parla del legno, infatti, si fa riferimento a qualcosa che l’uomo ha conosciuto praticamente da sempre, utilizzando per la soddisfazione di bisogni primari e tutti da guarire. Il legno è sempre stato presente nella vita dell’uomo: fin da quando questo ha provato la necessità impellente di proteggersi dal freddo: ha provato a ricavare abiti dalle pelli degli animali, ha cercato riparo nelle grotte e nelle caverne, ma l’unico modo per trovare tepore e per ottenere sollievo dai morsi delle temperature basse lo ha abbracciato quando è riuscito a dar fuoco al legno rintracciabile in grandissima quantità grazie alla moltitudine dei vegetali a disposizione. Il legno è senza ombra di dubbio uno dei migliori amici dell’uomo, nel senso che lo sviluppo di questo materiale va di pari passo con quello dell’esistenza umana: a mano a mano che gli esseri umani progredivano e vedevano migliorare le loro condizioni di vita, vedevano la luce nuove forme di utilizzo del legno, un materiale tutto da scoprire e lungi dal rappresentare qualcosa di passato, di demodé e fuori dalla concezione comune. Non mancano, infatti, i detrattori del legno: coloro che lo considerano un materiale superato e in fondo incapace di dare soddisfazione e placare le innovate esigenze umane. Il nostro obiettivo, in queste righe, è precisamente quello di farvi capire che non è così e dimostrarvi che ancora oggi quando si parla del legno si tratta un materiale di estrema attualità. Per perseguire il nostro obiettivo senza difficoltà analizzeremo nel dettaglio le caratteristiche di una precisa tipologia di legno, quella del legno lamellare.
tronco

Pannello lamellare di legno massiccio di quercia, 18 mm, per mobili

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,84€


Le varie tipologie

pezzi di legno Come molti materiali disponibili in natura, il legno è infatti acquistabile in varie tipologie: non tutti i tipi di legno sono uguali, non tutte le tipologie presenti in commercio hanno le stesse caratteristiche economiche e merceologiche. Le caratteristiche del legno dipendono quasi sempre dalla pianta da cui si ottiene il legno, ma anche dal trattamento a esso riservato. Il campo principale in cui oggi si procede in maniera sistematica all’utilizzo del legno è senza ombra di dubbio quello degli arredamenti. Anzi, possiamo affermare senza tema di essere smentiti che il campo degli arredamenti è ancora oggi dominato dall’utilizzo del legno: questo settore ci dà piena la consapevolezza di avere a che fare con un composto che non ha mai smesso di essere attuale e catturare una parte della nostra vita. A questo punto, una delle domande che il lettore medio starà ponendosi è relativa alle caratteristiche della tipologia di legno che si legge nel titolo: abbiamo visto come sia possibile realizzare tipi di legno diversi facendo semplicemente riferimento a differenti tipi di legno e di piante, ma questo non è l’unico modo per ottenere determinati tipi di legno. Nel caso di legno lamellare, infatti, si ha a che fare con un tipo di legno che vede la luce mediante la combinazione di vari tipi di legno: il legno lamellare nasce proprio così’, combinando insieme diverse tavole di legno in modo da ottenere un prodotto omogeneo. Uno degli errori da non commettere quando ci si riferisce a questo legno è quello di confonderlo per un materiale artificiale: questo avviene anche grazie ai molteplici utilizzi – non necessariamente riferiti all’ambito degli arredamenti – che si possono fare di questa ricchissima tipologia di legno. Il legno lamellare è riconosciuto come un materiale composito e adatto all’uso strutturale: cosa vuol dire tutto questo? Si parla di materiale composito perché, come abbiamo già visto, è costituito dall’unione tra varie tipologie e vari pezzi di legno, che si combinano insieme in modo da diventare un unico grande pezzo. E’ conosciuto anche come un materiale a uso strutturale perché il legno lamellare può essere utilizzato senza la minima difficoltà per produrre strutture fisse e portanti come ponti di legno, assi e colonne che vengono progettate in maniera da supportare dei pesi importanti. Un altro errore da non commettere è quello di confondere il legno lamellare con un materiale artificiale: ci teniamo a ribadire e sottolineare con insistenza che quando si parla di legno lamellare si ha a che fare al 100% con un materiale naturale.

  • travi in legno lamellare In edilizia è frequente avere a che fare con le travi, elementi allo stesso tempo molto importanti in una struttura e particolari da trattare. Pertanto, anche se ci si occupa di fai da te nel campo de...
  • tetto in legno lamellare Il legno lamellare, pur essendo ricavato da una materia prima tradizionale, si presenta come un materiale innovativo perché le tecniche e i sistemi di progettazione, lavorazione ed assemblaggio si evo...
  • Coperture in legno lamellare In anni recenti, c'è stata, da parte di progettisti e costruttori, una riscoperta e una rivalutazione del legno come elemento costruttivo e l'innovazione tecnologica, alla base della produzione del le...
  • finestre infissi legno Gli infissi esterni, rivestono un ruolo poliedrico e multi sfaccettato: la funzionalità, l’estetica, la linearità, lo stile, si legano indissolubilmente alla tipologia di materiale di cui sono costitu...

Pannelli in legno lamellare di faggio, 27 mm, per mobili, in legno massiccio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 65,34€


Il legno lamellare: vantaggi essenziali

Legno lamellare A questo punto della nostra rassegna, ci sembra giusta porre sotto la lente di ingrandimento quelli che sono i vantaggi che il legno lamellare può garantire a chi sceglie di utilizzarlo: sia esso un arredatore, un privato oppure un industriale. Abbiamo già visto che si tratta di un prodotto naturale, che vede la luce essenzialmente mediante l’utilizzo di legno naturale, di cui conserva intatti tutti i pregi: non pensate di trovarvi di fronte a un composto debole perché non è così. Il legno lamellare è assolutamente forte e resistente quanto quello normale, senza la minima ombra di dubbio. In quanto a peso, resistenza alla meccanica, agli sforzi e alla trazione, avete a che fare assolutamente con un prodotto tutto da scoprire ed estremamente vantaggioso. Tuttavia, c’è da dire che rispetto al legno naturale in quanto tale, attualmente il legno lamellare viene prodotto soprattutto su scala industriale e sottoposto a trattamenti speciali. Questi riescono giocoforza a intaccare le caratteristiche proprie del legno naturale, ma le intaccano in meglio perché riducono ulteriormente i difetti lignei. Uno degli interrogativi più interessanti da porsi relativamente al legno lamellare, concerne le fasi di produzione: come si fa a realizzare il legno lamellare? In realtà, abbiamo a che fare con un procedimento più semplice a immaginarlo, che a realizzarlo materialmente. La scena è di quella da cartone animato, o quantomeno cinematografiche: in pratica non si fa altro che prendere il tronco e tagliarlo in verticale, dando alla luce tante piccole asticelle. Queste sono dette appunto lamelle e, generalmente, non sono più larghe di 20 centimetri. Questa misura è di importanza fondamentale a proposito delle caratteristiche del legno lamellare: in quanto sostanza organica, infatti, il legno tende a lungo andare a ritirarsi e accorciarsi, mentre se si procede alla produzione di lamelle di dimensioni notevoli, il rischio a sua volta si assottiglia e si può contare su un prodotto che può avere risvolti interessanti anche in chiave futura. Per quanto riguarda invece la lunghezza, essa è legata a due fattori precisi: innanzitutto bisogna prendere in considerazione le esigenze di chi utilizza il legno lamellare, mentre in secondo luogo questo elemento è legato semplicemente alle dimensioni del tronco.


Legno Lamellare: Reperibilità e utilizzi

struttura legno lamellare Malgrado il procedimento per la produzione di legno lamellare sia ancora oggi piuttosto semplice e rudimentale, c’è da dire che anche questo settore è sensibile agli stimoli prodotti dal progresso tecnologico. Un tempo non era possibile, ma oggi si riescono a produrre senza la minima difficoltà, lamelle vuote all’interno e di dimensioni variabili, qualcosa di impensabile fino a qualche decennio fa. E’ chiaro che un legno lamellare vuoto dentro si presta malissimo alla realizzazione di strutture portanti come ponti e passerelle, mentre si adatta benissimo a esigenze più domestiche quali possono essere la costruzione di mensole, battiscopa, mobili di piccole e medie dimensioni, e così via. La prima cosa che viene in mente quando si parla di legno lamellare è, in molti casi, la facile combustibilità: si tratta comunque di legno quindi un ragionamento del genere, per quanto superficiale, ci può stare. E invece no: perché dal punto di vista ignifugo, questo composto assicura una resistenza che è pari e in alcuni casi superiore a quella proposta dall’acciaio o dal calcestruzzo. Direte che non è possibile, e invece vi diciamo che lo è, per un motivo molto semplice. L’ultima fase della produzione del legno lamellare prevede l’avvolgimento dello stato superficiale di una sostanza che fa da isolante termico e garantisce prestazioni eccezionali in questo senso. Insomma, legno lamellare vuol dire un composto naturale, ma non solo, vuol dire molto di più. Alle temperature rigide imposte dall’inverno così come alla morsa del caldo più duro proposto dall’estate, il legno lamellare oppone un’ottima resistenza. Anzi, vi diciamo che a un aumento lento della temperatura corrisponde un cambiamento praticamente nullo della resistenza meccanica di questo composto tutto da scoprire e da utilizzare. Chiudiamo facendo riferimento alla reperibilità del legno lamellare: lo abbiamo analizzato fin qui come un prodotto semplice e facile da trovare: vi diciamo che il falegname sotto casa difficilmente esaudirà le vostre richiese e che per una buona progettazione del legno lamellare è necessario rivolgersi esclusivamente agli specialisti, che in Italia comunque non sono pochi. Basta cercare con attenzione, e a prescindere dalla regione di riferimento, si possono trovare decine di aziende che si impegnano costantemente nella produzione e nella progettazione di strutture in legno lamellare. Chi cerca trova, ma diffidate dalle imitazione e scegliete solamente rivenditori autorizzati.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO