Riforma condominio

Cosa prevedono la legge 220/2012 e la riforma condominio

Con la legge 220/2012 è stata finalmente varata la riforma del condominio, con la quale è stata cambiata la vita dei circa 50 milioni di italiani che vivono in questa particolare categoria di edifici. La normativa, infatti, influenza in maniera più o meno incisiva il modo di vivere dell'85% delle famiglie italiane. Entrata in vigore 18 giugno 2013, la riforma del condominio prevede nuove regole e parecchie novità per un gran numero di aspetti. Si parte dalla figura degli amministratori e dalla gestione economica dell'immobile per arrivare al regolamento condominiale, al metodo di tenuta delle assemblee e al sistema di riscaldamento. Si tratta della prima vera riforma del settore dal momento dell'entrata in vigore della principale disciplina della materia: infatti questa è contenuta in articoli del Codice civile che sono rimasti invariati per 70 anni, per la precisione dal 1942.
Riforma del condominio

Riforma del condominio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,2€
(Risparmi 4,8€)


La riforma condominiale e la figura dell'amministratore

Le novità nei condomini La riforma condominiale ha cambiato in maniera profonda la figura dell'amministratore: innanzitutto viene reso per la prima volta obbligatorio negli edifici in cui sono presenti più di 8 condomini. In secondo luogo vengono disciplinati i requisiti che questa figura deve possedere: si tratta della prima volta che la normativa italiana regola questo aspetto della vita condominiale, perché in passato non veniva fatto cenno. Un amministratore non deve essere protestato e/o avere precedenti penali per reati contro il patrimonio; in più è necessario il diploma di scuola superiore l'attestato di partecipazione a un corso di formazione specifico. In alternativa è sufficiente svolgere questo ruolo da più di un anno. Infine la sua revoca può essere richiesta anche da un solo condomino in caso di gravi irregolarità nello svolgimento dei compiti a lui affidati.

  • amministratori condominiali La nuova riforma che riguarda i condomini interviene anche per quanto riguarda l'incarico di amministratore. Per poter ricoprire tale figura, infatti, sarà necessario possedere alcuni fondamentali req...
  • Costruire balconi in condominio I balconi aggiungono personalità e stile ai condomini e alle case private. Esistono numerosi tipi di balconi e di relativi stili architettonici. Prima di costruire la struttura, valutate con attenzion...
  • condominio Il condominio negli edifici, è sorto nel secondo dopoguerra con il diffondersi della proprietà immobiliare. Indica quella particolare situazione in cui viene a trovarsi un fabbricato, composto da una ...
  • Assemblea di condominio L'assemblea di condominio non è altro che un insieme di persone che si riuniscono al fine di discutere argomenti di comune interesse e prendere decisioni, in modo particolare l'assemblea di condominio...

La riforma del condominio. Commento organico alla L. 11 dicembre 2012, n. 220

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20€


Come cambia la vita condominiale con la riforma

Alcuni edifici condominiali La riforma del condominio consente ai condomini di avere più diritti nei confronti dell'amministratore, in quanto ottengono in questo modo una maggiore supervisione finanziaria. Infatti sono stati introdotti precisi obblighi di trasparenza per l'amministratore per quanto riguarda la gestione finanziaria dell'immobile: in più è tenuto a informare i condomini sullo stato delle pendenze e dei pagamenti. In secondo luogo cambiano i regolamenti e le assemblee condominiali: ad esempio non si potrà più vietare ai condomini di tenere gli animali domestici in casa. Per quanto riguarda il quorum per le assemblee devono essere presenti il 50% + 1 dei condomini per la prima convocazione, mentre per quella effettiva basta che sia presente 1/3 dei condomini. Allo stesso modo possono essere adottate le delibere solo se è presente il 50% + 1 dei partecipanti, che rappresentino almeno 1/3 dei millesimi delle unità abitative.


Riforma condominio: La riforma del condominio e il riscaldamento autonomo

condomini moderni La riforma del condominio ha anche recepito sentenze della Corte di Cassazione, soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento centralizzato. Infatti viene prevista la possibilità del singolo condomino di adottare un riscaldamento autonomo, cioè di staccarsi dal sistema centralizzato. La riforma condominiale consente il riscaldamento solo in presenza di alcuni requisiti: ad esempio, è permesso se il distacco non compromette la normale erogazione di calore alle altre unità abitative del condominio. In secondo luogo è necessario che l'appartamento non sia riscaldato a sufficienza a causa dell'insorgere di problemi tecnici del sistema centrale a cui non può essere posto rimedio nell'arco di una stagione. Tuttavia, se il distacco comporta delle spese maggiori, è necessario che il condomino che l'effettua contribuisca in maniera proporzionale alla manutenzione straordinaria dell'impianto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO