Verifiche impianti elettrici

Le verifiche degli impianti elettrici: informazioni preliminari

Secondo la normativa CEI e il DPR 462 del 2001, è obbligatorio un regolare e periodico controllo degli impianti elettrici, per evitare danni a persone e cose. I controlli devono essere eseguiti da tecnici specializzati, che dopo specifici test, stabiliranno se gli impianti sono a norma, rilasciando il certificato di conformità. I datori di lavoro sono tenuti a richiedere tali controlli ogni cinque anni. Il certificato di omologazione rilasciato va poi spedito alla sede competente territoriale (Arpal). Se invece sono presenti impianti e sistemi elettrici con pericolo potenziale di incendio, la verifica va fatta ogni due anni. La richiesta di controllo va inoltrata alla sede Arpal della propria città, o a qualsiasi altro Ente autorizzato. Il certificato di conformità va obbligatoriamente esposto sul luogo di lavoro, ed esibito ad eventuali controlli delle Autorià competenti. I datori di lavoro sono tenuti a sostenere le spese relative alla verifica degli impianti in atto.
impianti elettrici

Tacklife CT01 Rilevatore di Cavi Elettrici Multifinder per Linee Senza Tensione Rileva le Interruzioni dei Cavi / Collegamento per Cuffie / Diverse Tonalità D'avviso con Recettore e Trasmettitore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,99€
(Risparmi 19€)


Quali sono gli impianti elettrici che richiedono regolare verifica?

impianti elettrici Secondo la normativa del DPR 2001, gli impianti che necessitano di regolare e periodica revisione sono quelli che potrebbero provocare incendi ed esplosioni, tutti i sistemi di messa a terra e i dispositivi volti a proteggere cose e persone dalle scariche elettriche provocate dagli agenti atmosferici. Le verifiche devono essere affidate a ditte competenti e di comprovata esperienza. Dall'anno 2002, tuttavia, sono state introdotte delle modifiche al DPR precedente. Prima, i test erano effettuati a carico dell'ASL, mentre dal 2002 è il datore di lavoro che deve provvedere alle spese necessarie. E' obbligatoria la verifica biennale per tutti gli impianti a terra e quelli con pericolo di esplosione ed incendio, per gli impianti elettrici a terra e per i dispositivi soggetti a scarica elettrica provocata da agenti atmosferici avversi. In tutti gli altri casi, la verifica va fatta ogni 5 anni.

  • interruttore on-off Molti strumenti elettronici sono così comuni, così facili e frequenti da rintracciare, che in tantissimi casi si finisce per trascurarne l’importanza, la validità e la possibilità di trovarli sul merc...
  • installare parabola Per poter usufruire di un buon segnale satellitare occorre che il nostro impianto presenti una parabola, accanto alla quale andrà poi sistemato un convertitore, e un decoder....
  • interruttore Vi serviranno solamente un interrutore nuovo, un paio di cacciaviti di diversa misura, delle pinze e una sega di precisione, oltre a naturalmente degli occhialini protettivi da lavoro. Se seguirete tu...
  • citofono Procedere non è molto difficile, ma dovete seguire con attenzione tutti i vari passi qui elencati. Vi serviranno un trapano elettrico, preferibilmente cordless, nastro isolante, tasselli, metro rigido...

Intex 68609 - Pompa Elettrica, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55,3€
(Risparmi 4,6€)


Quali sono le attività che richiedono la verifica periodica degli impianti elettrici?

verifica periodica degli impianti elettrici Esistono delle realtà dove le verifiche sono nello stesso tempo necessarie ed obbligatorie. Rientrano in questa categoria tutti i cantieri che hanno al loro interno impianti elettrici potenzialmente rischiosi e sitemi volti alla costruzione o alla demolizione di edifici. Inoltre, troviamo i locali pubblici e di intrattenimento, come bar, teatri, cinema e musei. Per quanto riguarda alberghi, motel e luoghi di pernottamento, le verifiche degli impianti elettrici sono obbligatorie se essi superano i 25 posti letto e una capienza interna di 100 persone. Ovviamente, tutti gli istituti di istruzione rientrano a pieno nella categoria. Ospedali, istituti di cura ed assistenza alla persona, carceri ed ospizi devono richiedere tale verifica ogni due anni.

I proprietari degli edifici che prevedono l'utilizzo o il deposito di materiale infiammabile sono obbligati a fare la verifica elettrica ogni due anni, così come i datori di lavoro a capo di aziende e cantieri con potenziale pericolo di incendio. Infine, sono tenuti a richiedere regolare verifica anche tutti i locali finalizzati alla riablitazione, ai trattamenti estetici e medici.


Verifiche impianti elettrici: Quali sono le conseguenze dell'inosservanza di tali verifiche?

Oltre a costituire una fonte di pericolo molto grave, l'inosservanza delle regolari verifiche degli impianti elettrici comportano anche pesanti sanzioni penali e pecuniarie. Le Autorità competenti, sono nel pieno diritto di controllare in qualsiasi momento la situazione degli impianti di un particolare edificio. Di conseguenza, il datore di lavoro dovrà esibire alla richiesta delle stesse, il certificato di conformità.

Le eventuali inosservanze sono registrate dall'Ispettorato del Lavoro, dai Nas e dall'Ispesl. E' molto importante che il datore di lavoro conservi con cura tutti i certificati di omologazione rilasciati. La mancata adesione agli standard di conformità, nello specifico, comporta un arresto fino a 90 giorni oppure una pena pecuniaria che varia dai 258,23 Euro ai 1.032,91 Euro, secondo le Norme previste dall'Articolo 9, comma 2 del DPR 462/01. Se invece gli impianti elettrici non rispondono ai requisiti di conformità stabiliti dagli Articolo 32 e 35 del Decreto Legislativo 626 del 1994, si incorre nell'arresto fino a 6 mesi e in una multa compresa tra i 1.549,37 Euro e i 4.131,66 Euro. Tali sanzioni vengono applicate sia al datore di lavoro che a tutte le persone direttamente responsabili del mancato controllo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO