Sclerotinia

Perchè conoscerla:

ogni qualvolta si sceglie di occuparsi di giardinaggio, non bisogna tenere in considerazione solamente quelli che sono i propri interessi, anche perchè occuparsi di giardinaggio vuol dire, appunto, prendersi cura delle proprie piante. Pertanto, si tratta di una scelta che deve essere fatta solo se si è davvero sicuri di avere il giusto tempo e la giusta volontà per compiere questa occupazione. Il giardinaggio, infatti, è uno tra gli hobby maggiormente apprezzati e praticati, in quanto numerosi sono i benefici che è in grado di concedere: attraverso questa occupazione, infatti, è possibile rilassarsi, passare del tempo in un ambiente naturale, imparare nuove tecniche e creare, qualora ce ne sia la possibilità, uno spazio bello e accogliente, ma sopratutto naturale, da adibire a qualsiasi evenienza e, quindi, da sfruttare come meglio si crede: il proprio giardino, oltre che rimanendo tale, può essere, infatti, anche sfruttato come un piccolo parco giochi casalingo per i più piccoli o come una sala da pranzi all' aperto, o ancora come un luogo ove trascorrere delle piacevoli ore in compagnia dei propri amici o dei propri familiari. Ma non bisogna dimenticare che il giardino, o anche le piante della propria casa, sono dei veri e propri esseri viventi che, in quanto tali, hanno anche delle specifiche necessità. E' pur vero che, se lasciate allo stato di natura, molte piante progrediscono e alcune dimostrano anche una certa longevità. Questo potrebbe portare alla deduzione che una pianta, anche non essendo curata, potrebbe facilmente crescere e compiere il proprio ciclo vitale senza particolari problemi. Ma non bisogna dimenticare che, si, una pianta può crescere senza troppi problemi nel proprio giardino, ma che le cure sono necessarie per garantirle il totale benessere, mentre quando si tratta della coltivazione delle piante in un ambiente domestico, non si deve dimenticare che, in quel caso, le piante non si trovano in un ambiente naturale, e che questo, quindi, deve essere riprodotto nel migliore dei modi. Uno dei problemi che maggiormente affligge le piante sono le malattie e le infestazioni. E' bene imparare a conoscere, prevenire e a curare queste spiacevoli sorprese.

sclerotinia

Bayer Fungicida Teldor Plus 100 ml contro botrite,monilia e sclerotinia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Informazioni:

sclerotinia Prima di imparare a combattere, sia con la prevenzione che con la lotta diretta, un qualsiasi tipo di “nemico” o problema, è importante imparare a conoscerlo. Nel caso della Sclerotinia cinerea, è quindi importante sapere quali sono le sue abitudini, quali i luoghi che predilige per la sua crescita, come è fatta, quali sono i suoi punti deboli e così via.

Quando si parla di Sclerotinia cinerea, detta anche Sclerotinia laxa, si parla di un parassita abbastanza pericoloso, che predilige ed effettua attacchi sopratutto sulle piante da frutto e che è capace di contaminare e di portare danni a qualsiasi organo della pianta, anche quelli interni. Più specificamente, la sclerotinia è un fungo, detto sclerotinia sclerotiorum. La vita di questo fungo si svolge prevalentemente nel terreno, ma questo non limita l' azione di questo parassita sulle piante che attacca.


  • foglia con virosi Quando ci scelgono delle piante, sopratutto se non le si ama ma le si acquista semplicemente per usufruire del loro immenso valore ornamentale e quindi, della loro bellezza, spesso ci si dimentica che...
  • coleottero Chi si occupa di fai da te nel campo del giardinaggio sa bene quanto, al di la della loro bellezza e del loro valore ornamentale, quando si compera una pianta bisogna tenere in considerazione anche il...
  • segni della peronospora Ogni qualvolta ci si reca nel proprio vivaio di fiducia, o in qualsiasi altro negozio, con l' intento di acquistare una pianta, il più delle volte si tiene in considerazione solo la bellezza della pia...
  • grillotalpa Occuparsi di giardinaggio rientra non solo tra le operazioni maggiormente amate e apprezzate, ma anche tra le più salutari e utili.Il giardino, indipendentemente dalla sua qualità e grandezza, può e...

POLTIGLIA BORDOLESE IN GRANULI SOLUBILI CONFEZIONE DA 1 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


Come riconoscerlo:

Dopo aver imparato che cos'è la sclerotinia e di che fungo si tratta, è bene ora imparare a riconoscerlo, in modo da diagnosticare il problema della pianta prima che sia troppo tardi. In primis, bisogna osservare attentamente la pianta, perchè solo in questo modo è possibile ottenere le giuste informazioni per poter sentenziare la presenta di sclerotinia. E' bene quindi sapere che è possibile diagnosticare la sclerotinia alla propria pianta quando questa presenta dei rigonfiamenti neri, che ricordano delle bolle, sopratutto sulle radici e sui bulbi o in presenza di tuberi, ma anche con della muffa di colore bianco o con eventuali marciumi, che possono essere riscontrati principalmente sul fusto e quindi sui rami, principalmente di grossa dimensione, così come può causarela nascita di escrescenze, dalle quali è possibile notare che fuoriesce un liquido. Per quanto riguarda le foglie, è necessario osservare che queste seccano e cadono velocemente, e molte presentano della muffa sulla pagina superiore. I fiori e i frutti, poi, marciscono e cadono prima del dovuto.


Sclerotinia: Come prevenirla e curarla:

La sclerotinia può essere prevenuta, mentre curarla è molto difficile. Per prevenirla, la prima cosa da tenere in considerazione e, quindi, da sapere, è che si tratta di un parassita che predilige le piante orticole, specialmente tuberi (carote, patate, aglio, porri, cipolla ecc..), ma non disdegna gli alberi da frutto come viti, peschi e agrumi, o anche le piante ornamentali.

Per prevenire la sclerotinia basta effettuare delle accortenze molto semplici: durante le innaffiature devono essere evitati i ristagni d' acqua e, per fare ciò, non bisogna inzuppare il terreno durante le irrigazioni, bisogna usufuire di un terriccio ben drenato e bisogna smuovere di tanto in tanto quest' ultimo, facendo anche attenzione a estirpare eventuali piante infestanti, che favoriscono il proliferare dei funghi.

Quando invece la pianta viene colpita da sclerotinia, la prima cosa da fare è rimuovere tutte le parti contagiate attraverso delle forbici ben sterilizzate e affilate, praticando dei tagli netti. Successivamente al taglio, sulla pianta devono essere posti dei disinfettanti appositi, così come bisogna ricordarsi di non utilizzare gli stessi guanti o di lavare bene le mani per toccare le parti infette e le piante sane, in modo da non favorire il contagio. Tutte le parti della pianta già marcite e quelle tagliate, devono poi essere asportate e bruciate in separata sede. Inoltre, è possibile reperire in commercio una poltiglia bordolese, o dei fitofarmaci al rame, o ancora della farina di roccia, con cui trattare la pianta, mentre è possibile trovare degli anticrittogamici per il terreno.



COMMENTI SULL' ARTICOLO