Antiruggine

Perchè combattere la ruggine:

Chiunque possegga dei cancelli, delle ringhiere, degli attrezzi per il lavoro in metallo, e in particolare in ferro, conosce quali sono i problemi legati a questi materiali, ovvero la ruggine. Molto spesso non si sa nemmeno cosa sia questo fastidiosissimo fenomeno, che viene inteso quasi come un “parassita” che si annida, proprio come i parassiti delle piante, sulle ringhiere o sui cancelli, e li logora a poco a poco con la sua presenza.

Ma cos’è realmente la ruggine? La ruggine è il risultato di una reazione chimica che avviene sulla superficie dell’ oggetto, tra l ‘ossigeno, l’ acqua e l’ anidride carbonica, che sono presenti nell’ atmosfera. La ruggine è composta da ossidi e può intaccare in particolar modo le superfici metalliche, in particolar eil ferro, e andare a fondo compromettendo l’ integrità della struttura, danneggiandola anche dal punto di vista estetico. La ruggine, però, è un problema che non resta a se stante: sedersi su una sedia di ferro arrugginito comporta sicuramente lo sporcarsi, ferirsi con un ferro arrugginito porta delle infezioni, stendere dei panni su di un filo di ferro arrugginito composta il macchiarsi dei panni. Pertanto,la ruggine è considerata da tutti, che siano fai da te aventi degli attrezzi in ferro, o donne che di sicuro non vogliono che i propri abiti, appena lavati, si sporchino nuovamente, un notevole fastidio, che bisogna debellare a tutti i costi. Ma l’ unico vero modo per eliminare la ruggine è prevenirla.

Per eliminare la ruggine dai vari oggetti esistono vari modi, a seconda della quantità di ruggine presente e della profondità dell’ azione corrosiva.

Abbiamo due tipi di antiruggine, quelli naturali e quelli chimici. I primi sono più adatti quando la presenza di ruggine è modesta , mentre i secondi sono da utilizzare quando la ruggine è molto presente. Non bisogna poi dimenticare la prevenzione, da effettuare con sostanze specifiche.

Arexons Ferox Convertiruggine, 750 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,82€


Antiruggine naturale:

I rimedi naturali si preferiscono sempre a quelli chimici, ovviamente quando possibile, perché magari la loro azione è ridotta, ma si tratta di rimedi sicuramente ecologici e più economici. Inoltre, sono il massimo per chi ama farsi le cose da se, quindi rispecchiano appieno l’ etica “fai da te”.

Prima di operare, ricordiamo che la superficie sulla quale si deve intervenire deve essere perparata. Perfare questo, bisogna ricorrere all’ azione abrasiva tramite diversi strumenti. A questo scopo, si utilizzano preferibilmente delle spazzole metalliche, in ferro o in ottone, o uno strato di carta vetrata, una lima o una spugna metallica. Con uno di questi strumenti bisogna grattare la superficie per eliminare la suggine, e poi passare una normale spazzola con setole naturali, o un panno morbido per eliminare i residui.

A questo punto va passato l’ antiruggine naturale, cospargendo l’ oggetto di sale e succo di limone verde, lasciando agire per mezz’ ora il tutto. Il limone, infatti, è acido, e rimuoverà la ruggine. Infine, bisogna strofinare energicamente il tutto con una spugna umida.

Prima di operare, anche se questa operazione non prevede l’ impiego di sostanze tossiche o aggressive, è meglio utilizzare dei guanti e degli occhiali protettivi, per evitare che le scaglie di ruggine possano entrare negli occhi.

Per prevenzione e protezione degli oggetti cui è già stata rimossa la ruggine, s ipuò utilizzare la cera d’ api, sciolta a bagoaria e poi passata sulla superficie trattata con un pennello.

Contro la ruggine dell’ acciaio, invece, bisogna utilizzare la cipolla. Con questo tipo di operazione bisogna prendere mezza cipolla, ricoprirla di zucchero e strofinarla sulle macchie di zucchero.

Per pulire l’ ottone, invece, molto indicato è l’ aceto, da utilizzare semplicemente bagnando un panno e passandolo sull’ ottone.

Se invece ad essere intaccati dalla ruggine sono stati i tessuti, come nel caso del cotone e del lino, sia che siano bianchi che colorati, è possibile rimuovere le macchie tamponandole con sale e succo di limone, e poi lavando il tutto semplicemente in lavatrice. Gli utensili da cucina in acciaio inox, invece, sono poco intaccati dalla ruggine e basta ricorrere, quindi, ad acqua e detergente.

Se le macchie sono molto resistenti, si può grattare le superfici con carta d’ alluminio , mentre per proteggere gli attrzzi da lavoro può essere utile inserire il carbone di legna o il gesso nella cassetta.


  • Alcune note La verniciatura del ferro rappresenta una di quelle operazioni che in casa un po’ tutti noi dovremmo saper fare o di cui dovremmo comunque conoscere l’abc, nel senso delle informazioni di base relativ...
  • Alcune note La verniciatura della moto è una di quelle operazioni a cui tutti i motociclisti hanno pensato almeno una volta nella vita e che spesso sono loro stessi in prima persona ad effettuare. E quindi se da...

Smalto Spray Zinco 98% 'F93' Professionale. Zincante A Freddo, Anticorrosivo, Antiruggine. Particolarmente Adatto Per Il Ritocco Di Parti Saldate E Ossidate.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,19€


Antiruggine chimico:

I rimedi chimici sono necessari quando gli elementi da pulire sono stati particolarmente intaccati dalla ruggine. Attraverso dei prodotti chimici, infatti, è possibile operare anche un’ efficace protezione. Prima di operare, è bene munirsi di guani e camice e preparare la superficie con una spazzola metallica.

Di solito, le sostanze impiegate sono la trielina, la soda caustica e l’ acido cloridrico. Si inizia con la trielina, si prosegue con l’ acido cloridrico e infine con la soda caustica, che servirà per proteggere le superfici dagli attacchi ossidativi e quindi dalla ruggine.

Altrimenti è possibile acquistare dei prodotti già pronti in ferramenta, come il solvente ed il convertitore di ruggine. In questo caso, andrà applicato per primo il solvente, poi si farà asciugare, e infine si cospargerà la superficie con il convertitore.




COMMENTI SULL' ARTICOLO