Levigare il legno

Alcune considerazioni

Per ottenere una buona levigatura del legno possono essere necessari numerosi attrezzi, da quelli elettrici a quelli manuali. Si tratta di un'operazione di finitura che può diventare complessa, ma se eseguita con la dovuta attenzione può dare grandi soddisfazioni.

Gli strumenti richiesti vanno dai più semplici quelli più complessi dalla carta vetrata con grana diversa alle raspe o lime alla levigatrice orbitale o a nastro.

Le raspe e le lime sono utilizzate allo scopo di rimuovere le irregolarità più grossolane, la carta vetrata invece, è adoperata per irregolarità di entità inferiore. La carta vetrata può avere grana di tipo diverso, a seconda quindi della sua finezza, la si può utilizzare per ottenere diversi livelli di finitura.

Anche le levigatrici possono avere nastri con grana diversa ed essere utilizzate a loro volta per lavori più o meno fini.

La levigatura eseguita con carta vetrata o con la levigatrice ha lo scopo di preparare il legno a poter ricevere la verniciatura. La qualità della levigatura influenzerà il risultato finale della verniciatura.

levigatura legno

Einhell TC-MG 220 E Elettroutensile Multifunzione con Accessori Inclusi, 220 W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,25€
(Risparmi 5,7€)


Cosa serve

Cosa serve per levigare il legno Per chi volesse cimentarsi nella levigatura del legno, vediamo come poterla effettuare impiegando carta vetrata da utilizzare a mano oppure applicandola alla levigatrice orbitale.

Il materiale e gli attrezzi da utilizzare sono i seguenti:

- fogli di carta vetrata a diversa grana

- un listello di legno di circa venti centimetri con sezione di cinque per cinque.

- una levigatrice orbitale ad alimentazione elettrica.

- alcuni straccetti.

  • levigatrice a nastro La levigatrice a nastro è uno dei principali strumenti adoperati per la lisciatura del legno. Questo elettro utensile agisce tramite la rotazione di due rulli, sopra i quali si trova un anello abrasiv...
  • utilizzo pialla elettrica Le pialle sono degli utensili utilizzati per lavorare il legno. La loro nascita risale a moltissimo tempo fa: in alcune opere figurative egizie sono presenti dei falegnami proprio durante l’ atto del ...
  • Alcune note Costruire una legnaia fai da te rappresenta una buona soluzione per una serie di esigenze che si possono presentare all’interno delle nostre abitazioni, o, per meglio dire, nelle immediate vicinanze d...
  • Alcune note Per saper come lavorare il legno fai da te una buona soluzione è iniziare a occuparsi anche del cosiddetto kit casette in legno che è direttamente legato a quello che oggi può essere facilmente consid...

SILVERLINE Goblet Sanding Mop

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,95€


Come fare:

Levigare il legno Per prima cosa bisogna fissare il pezzo da levigare al piano di lavoro, a questo scopo possiamo adoperare una morsa o alcuni morsetti delle dimensioni adeguate alla grandezza e alla forma del pezzo su cui andremo ad agire.

Prendiamo una striscia di cara vetrata e se vogliamo procedere manualmente avvolgiamola al supporto in legno, se invece preferiamo utilizzare lo strumento elettrico fissiamola alla suoletta della nostra levigatrice orbitale.

Indipendentemente dal metodo con cui si è scelto di proseguire, alla carta vetrata dovrà essere impresso un movimento di tipo circolare esercitando contemporaneamente una leggera pressione.

L'operazione andrà ripetuta più volte su tutta la superficie da levigare utilizzando inizialmente carta vetrata a grana grossa scelta in base alle condizioni della superficie, sostituendola via via con carta vetrata dalla grana sempre più fine.

Durante l'operazione di lisciatura, sia che si operi manualmente che tramite la levigatrice circolare, provvediamo a sostituire il pezzo di carta vetrata quando questo risulti troppo impregnato e tenda a scivolare perdendo di efficacia. Il tempo ed il numero delle passate necessario varia in dipendenza delle condizioni iniziali del pezzo da lavorare. L'ultima passata andrà effettuata con la carta vetrata dalla grana più sottile che abbiamo a disposizione.

A fine levigatura, prima di procedere con la successiva fase di verniciatura, è bene provvedere a pulire accuratamente la superficie al fine di togliere ogni residuo di segatura e polvere. Per questa operazioni ci avvarremo di semplici straccetti da strofinare su tutto il pezzo.


Levigare il legno: Informazioni e consigli finali

levigare legno Se il pezzo da levigare non è nuovo ed è già verniciato, prima di procedere con l'operazione di levigatura, dovremo provvedere a togliere la vernice. Ci sono diversi modi per poter compiere questa operazione, se vogliamo velocizzarla e semplificarla, possiamo utilizzare uno sverniciatore liquido che sarà facilmente reperibile nei negozi specializzati.

Quando la superficie da levigare non è totalmente piana, è consigliato procedere manualmente. In questo caso il supporto di legno andrà sostituito con un supporto morbido che possa adattarsi alle variazioni di forma della superficie da trattare senza andarne a modificare l'andamento, come ad esempio una spugna.

Comunque si scelga di procedere, nell'eseguire la levigatura bisogna sempre andare avanti nel senso delle fibre del legno. Infine è bene notare come la levigatura a mano sia particolarmente adatta per pezzi di dimensioni contenute e per lavori di restauro, mentre la levigatura tramite lo strumento elettrico è da preferire per lavori di dimensioni superiori.


Guarda il Video
  • levigare legno Quando si lavora con il legno, ci sono molte sfide a cui si può andare incontro. Una di queste può comportare il tentati
    visita : levigare legno

COMMENTI SULL' ARTICOLO