Legno rovere

Legno rovere

La sua particolare solidità e capacità di resistere agli urti è tale da essere presa come riferimento per determinare la durezza degli altri legni. Alcune qualità di rovere sono state importate in Europa dall’America nel XVII secolo, proprio per l’altissimo rendimento nella produzione di legname. Il legno del rovere si caratterizza per il colore giallastro interno e per il bruno del durame. Quest’ultimo è particolarmente resistente alle intemperie, alle variazioni climatiche ed all’usura, caratteristiche che hanno determinato il suo impiego nella cantieristica navale. La stabilità e la durabilità del legno rovere migliorano con la stagionatura, è abbastanza flessibile e capace di mantenere nel tempo le deformazioni provocate artificialmente. E’ resistente agli attacchi dei funghi e delle muffe, ma può essere oggetto di attacco da parte di parassiti animali, per tale ragione ha bisogno di specifici trattamenti.

La lavorazione del rovere è abbastanza semplice come anche la verniciatura. L’assemblaggio preferisce la perforazione delle sedi anche se regge bene anche viti e chiodi.

Legno rovere

346-0116 Alkor rovere grigio pellicola di plastica adesiva legno vinile imitazione perla Sheffield 45 cm x 2 m 380-0101

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,61€


La delicata procedura di essiccazione

rovere chiaro Il rovere richiede molta cura nel processo di essicazione artificiale che deve essere eseguita lentamente, a basse temperature e da persone di comprovata esperienza. Un’essicazione mal fatta potrebbe provocare la formazione di crepe e deformazioni, oltre ad alterarne il colore.

Nel caso di essicazione naturale, i tronchi vengo tagliati in tavole da accatastare all’aperto, dove devono restare dai 24 ai 36 mesi. Questo tempo è necessario affinchè il grado di umidità possa scendere almeno al 15-20%. Durante questo periodo le tavole vanno girate più volte per garantire uniformità nell’essicazione. Durante questo processo il legno non deve venire a contatto con metalli che potrebbero provocare la formazione di macchie blu scure o nere, per la presenza di acidi tannici.

  • bricolage Il bricolage, comunemente chiamato anche “fai da te”, consiste nell' occuparsi di tanti vari lavori manuali senza vestire le vesti di un professionista. Il bricolage può, infatti, essere annoverato tr...
  • tronchi di albero Il fai da te permette di occuparsi di operazioni in tutti i settori, cosa che permette a sempre più persone di avvicinarsi al mondo del fai da te, in quanto tutti possono trovarvi un buon modo per tra...
  • esempio di cassapanca in legno La cassapanca in legno è una tipologia di mobile utilizzata sin dai tempi antichissimi, che unisce in se più di una funzione, e che quindi può essere utilizzata in vari modi, per più di uno scopo. La ...
  • parete divisoria in vetro Il fai da te è un' occupazione a cui sempre più persone aderiscono, perchè ritrovano in esso un buon modo per trascorrere il proprio tempo libero, investendolo in operazioni utili per se stessi, per l...

Veleca Coloralegno, Impregnante per Legno, Rovere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,49€
(Risparmi 1,41€)


Tipi di legno rovere

rovere spazzolato In commercio il legno rovere si distingue in base alla provenienza. Troviamo il rovere americano distinto in rovere bianco e rovere rosso, originario delle foreste del Canada e dell’America centro orientale. Il primo si distingue per il colore chiaro, bianco-giallastro interno e bruno-rossiccio del durame. Il secondo si distingue per il durame particolarmente rossiccio. Anche il rovere europeo è distinto in rovere rosso, importato dall’America, ed il rovere bianco presente in tutta l’Italia del Nord, oltre al rovere della Quercus Sessiflora presente in quasi tutta Italia. Esiste poi una qualità di rovere giapponese. Queste diverse qualità hanno comunque caratteristiche in comune.


Utilizzo del legno di rovere

Il legno rovere è sempre stato considerato un materiale pregiato utilizzato fin dall’antichità. Già nel 1200 veniva usato per costruire mobili pregiati e destinati a durare nel tempo. Usatissimo in Europa fino al Quattrocento sopratutto in Inghilterra. Oggi, oltre che nella produzione di mobili pregiati, viene utilizzato, per la sua resistenza alle intemperie ed all’umidità, nei cantieri navali e nella costruzione di finestre, persiane, e porte. Le botti in rovere sono particolarmente rinomate per l’invecchiamento del vino e dei distillati alcolici. Il legno rovere trova anche un ampio utilizzo nella carpenteria pesante, per le strutture portanti, per le capriate e per le coperture in legno. Per il parquet viene soprattutto usato il rovere naturale, dal tono classico adatto per qualunque epoca. Il rovere sbiancato è derivato dal rovere chiaro sottoposto a procedimenti di sbiancatura artificiale che, senza alterarne le proprietà, consentano di realizzare pavimenti completamente bianchi o leggermente schiariti, che danno luminosità all’ambiente.

Al contrario, per pavimenti particolarmente eleganti, si può utilizzare il rovere trattato con coloranti, con tonalità dal rosa al nero. Molto caratteristico il legno rovere spazzolato, con venature in rilievo e percettibili al tatto, il rovere sabbiato, una via di mezzo tra il classico e il moderno, ed il rovere anticato dal gusto antico e vissuto. Il rovere è anche un ottimo combustibile sia sotto forma di legna che di carbone vegetale.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO