Difetti del legno

Difetto strutturale del legno: i nodi

La nodosità del legno è considerata un difetto in quanto ne riduce la qualità abbassandone il valore. Inevitabile, però, risulta la presenza di questi nodi in quanto sono i rami che escono dal tronco principale. La presenza di questi nodi è un difetto in quanto la continuità delle fibre e delle caratteristiche meccaniche del legno vengono interrotte. Quando si taglia il legno, i nodi possono essere stati tagliati trasversalmente e quindi la loro forma apparirà ovale oppure rotonda. E' possibile suddividere i nodi in tre categorie: nodi sani o vivi, nodi mobili o morti e nodi a baffo. La causa dei primi sono i rami giovani che si sono inseriti nel tronco in profondità. I secondi sono causati dai residui dei rami morti. I terzi hanno la forma a corno rovesciato ed appaiono così quando il legno è stato tagliato longitudinalmente. È consigliabile, dunque, scegliere un legno bello senza nodi oppure con nodi vivi piccolissimi altrimenti la sua resistenza alla flessione sarà compromessa.

nodo del legno

Soledì Dischetti Legno Grezzo Con Foro Bricolage Legno Creativo con Linea di Luta (Diametro 7-9 cm, 20 Pezzi)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,99€
(Risparmi 2€)


Altri due difetti naturali del legno: spaccature e cipollature

legno con difetti Le spaccature sono abbastanza frequenti nel legno. Solitamente si trovano in corrispondenza delle estremità di tavole e listelli. Non sono considerate un difetto grave del legno se la loro lunghezza è quasi trascurabile. Infatti per risolvere questo difetto è sufficiente tagliare le parti che sono danneggiate. Le cipollature, invece, sono un difetto da non sottovalutare perché sta a significare che la resinosità del legno è troppo bassa. Durante la crescita degli alberi, nel tronco vi sono degli stati tensionali perché gli anelli più recenti perdono acqua e, ritirandosi, comprimono la zona centrale soprattutto alla base del tronco, dove il legno è più vecchio. Quando si taglia il tronco, tutte le tensioni vengono rilasciate e ciò provoca delle fratture rilevanti. Prima di acquistare tavole di legno è importante osservare se alle estremità vi sono delle evidenti spaccature o solo fessurazioni.


  • bricolage Il bricolage, comunemente chiamato anche “fai da te”, consiste nell' occuparsi di tanti vari lavori manuali senza vestire le vesti di un professionista. Il bricolage può, infatti, essere annoverato tr...
  • tronchi di albero Il fai da te permette di occuparsi di operazioni in tutti i settori, cosa che permette a sempre più persone di avvicinarsi al mondo del fai da te, in quanto tutti possono trovarvi un buon modo per tra...
  • esempio di cassapanca in legno La cassapanca in legno è una tipologia di mobile utilizzata sin dai tempi antichissimi, che unisce in se più di una funzione, e che quindi può essere utilizzata in vari modi, per più di uno scopo. La ...
  • parete divisoria in vetro Il fai da te è un' occupazione a cui sempre più persone aderiscono, perchè ritrovano in esso un buon modo per trascorrere il proprio tempo libero, investendolo in operazioni utili per se stessi, per l...

Sedile copri wc in legno con bidet, Sedile copri wc in legno verniciato bianco, con rubinetto monocomando ed aeratore per funzione bidet

Prezzo: in offerta su Amazon a: 92,45€
(Risparmi 33,6€)


I legni teneri ed i difetti che li contraddistinguono

esempio di legno tenero E' possibile suddividere il legno in due tipi di categorie: legni teneri e legni duri. E' molto difficile levigare la superficie di un legno tenero in quanto è decisamente meno compatta di quella di un legno duro. Quindi la sua finitura, essendo inferiore a quella di un legno duro, ne compromette il risultato finale e la bellezza del legno. I legni molto teneri sono quelli appartenenti al pioppo, all'abete, al tiglio, al salice, ecc. Mentre il legno dell'ebano e del guaiaco sono considerati extra duri. E' molto importante non sottovalutare la durezza del legno in quanto è considerata una delle sue qualità più importanti. Per stabilire la durezza di un determinato legno si usa una sfera di acciaio e si calcolano le dimensioni dell’impronta che essa lascia sulla superficie del legno. Ciò permette di capire se quel tipo di legno è adatto per il tipo di costruzione per cui verrà utilizzato.


Difetti del legno: Il più grande difetto del legno: assorbe molta umidità

misurare umidità del legno A differenza di tanti altri materiali, come ad esempio i metalli, il legno possiede uno dei più grandi difetti. Infatti esso si comporta come una vera e propria spugna in quanto assorbe molta umidità. Le essiccazioni avvenute troppo rapidamente, ad esempio, provocano delle curvature nel legno oppure delle svergolature. Ciò avviene perché il legno ha assorbito l'umidità in maniera del tutto irregolare. Se si vuole costruire qualcosa di regolare, un legno che ha una svergolatura è assolutamente inadatto perché l'intero pezzo è coinvolto. Le variazioni di temperatura o di umidità avvenute nel legno provocano anche i cosiddetti imbarcamenti, ovvero esso tende a curvarsi. Questo tipo di difetto è meno frequente nei legni dolci. Inoltre, quando il legno assorbe troppa umidità, molto probabilmente si formeranno delle muffe, le quali provocano danni gravi al legno fino in profondità. Per salvaguardare il legno dall'assorbimento eccessivo di umidità è necessario effettuare accurate e periodiche operazioni di manutenzione.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO