Risparmio energetico: detrazioni fiscali e contributi locali

Interventi di risparmio energetico: una definizione

Cosa si intende per interventi di risparmio energetico? Si tratta di una serie di lavori che possono essere intrapresi all'interno o all'esterno di un'abitazione o di un edificio per portare un miglioramento dei livelli di efficenza energetica dell'edificio stesso. Nello specifico, ci si riferisce ad interventi di climatizzazione, quindi lavori sulle caldaie; lavori sugli impianti di acqua calda; l' installazione di pannelli solari o di impianti fotovoltaici; la sostituzione di porte e finestre. Qualsiasi edificio che sia iscritto al Catasto e che sia soggetto alle imposte sugli immobili, come l'Imu, può avvalersi delle detrazioni fiscali o dei contributi locali. L'edificio sottoposto a lavori di risparmio energetico risulterà riqualificato e garantirà una riduzione delle emissioni inquinanti e una riduzione dei consumi. Fare lavori di risparmio energetico significa migliorare i nostri standard di vita e allo stesso tempo tutelare l'ambiente attraverso un atteggiamento "green friendly". E' un modo intelligente di investire perchè promuove la sostenibilità.

risparmio energetico

Anself 16A 110-230V programmabile settimanale Display LCD Touch Screen riscaldamento elettrico termostato regolatore di temperatura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,99€
(Risparmi 14€)


Le detrazioni fiscali per il risparmio energetico

detrazioni fiscali risparmio energetico Lo Stato ha indicato delle detrazioni fiscali che ciascun cittadino può richiedere per lavori di risparmio energetico. Tutti gli edifici sono ammissibili di detrazione, eccetto i fabbricati di nuova costruzione. La detrazione, applicata sull'Irperf, è il 65% sul totale della spesa sostenuta. Questo tipo di detrazione sarà valida sino al 31 dicembre 2015, poichè a partire dal 2016 sarà ridotta al solo 36%. La detrazione del 65% è applicabile per lavori sulle parti comuni dei condomini, per lavori sul sistema di climatizzazione e per l'acquisto di pannelli solari. Le spese ammesse per la detrazione non riguardano soltanto i lavori di edilizia, ma anche le prestazioni professionali di coloro che hanno eseguito i lavori. Tutte le spese vanno dimostrate e le detrazioni saranno suddivise in 10 rate a partire dalla data in cui sono stati svolti i lavori. Per ottenere il contributo, il richiedente deve ottenere tutti i permessi previsti per l'esecuzione dei lavori e alla loro conclusione deve inviare una copia della certificazione energetica all'Enea, Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile.


  • del risparmio energetico beneficia anche la natura Il risparmio energetico consiste nel risparmiare una certa quantità dell' energia che viene utilizzata quotidianamente dall' uomo per compiere tutte le sue azioni che ne comportano l' impiego. Ciò può...
  • pannelli solari Attraverso il fai da te è possibile prendersi cura della propria abitazione e di qualsiasi altra struttura, o anche di oggetti e di piante. Occuparsi di fai da te permette di trascorrere del tempo div...
  • risparmiareenergia In tempo di crisi il risparmio è d’obbligo e riguarda tutti gli aspetti della vita quotidiana. Uno dei principali ambiti del risparmio è quello energetico. I costi delle forniture di energia elettric...
  • Esistono lampadine di tutti i tipi: ognuna ha una propria caratteristica Tutti noi all’interno delle nostre case, e non solo all’interno a dire il vero, siamo da sempre circondati da lampadine. Si può trattare della più classiche delle lampadine da interni, di un neon in g...

Klarstein Maxfresh WH Condizionatore Portatile Ventilatore Ventilatore Rinfrescatore d'Aria (6 Litri, 65 Watt, tre livelli d'intensità, 2 siberini, Telecomando) Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 99,99€


I contributi locali

contributi locali risparmio energetico I contributi locali comprendono tutti quegli aiuti che vengono stanziati dalle Regioni, dai Comuni o dalle Province per lavori di risparmio energetico. Tali contributi vengono esposti su appositi bandi e sono limitati all'esaurimento della liquidità da parte dell'Ente che ha emanato il bando. I contributi locali non vengono distribuiti in 10 rate come le detrazioni fiscali nazionali, ma l'Ente eroga direttamente il denaro a chi ne fa richiesta. Il denaro da erogare viene stabilito in base ad una percentuale che varia a seconda della fascia di reddito del richiedente. Infatti i contributi locali favoriscono i soggetti più svantaggiati e con dichiarazioni Isee molto basse. Ad esempio, i redditi più bassi possono ottenere contributi pari al 100% delle spese, mentre i redditi di fascia intermedia avranno agevolazioni inferiori e così via. Presi i nominativi di tutti coloro che vogliono partecipare al bando, si stila una graduatoria definitiva e viene distribuito il contributo in base alla disponibilità.


Risparmio energetico: detrazioni fiscali e contributi locali: Detrazioni fiscali o contributi locali: quali scegliere?

agevolazioni fiscali risparmio energetico La prima cosa da fare prima di scegliere a quale contributo rivolgersi, è valutare se effettivamente l'intervento che si sta facendo in casa è incluso tra quelli previsti per legge dalle detrazioni fiscali nazionali o dai contributi locali per interventi di risparmio energetico. Le detrazioni fiscali per il risparmio energetico non possono essere applicate contemporaneamente ai contributi locali o altri contributi, come quelli comunitari, perciò si dovrà operare una scelta su quale dei due contributi richiedere. I contributi locali vanno preferiti nel caso in cui il richiedente abbia un reddito poco stabile tale da non poter richiedere le detrazioni dell'Irpef. Per scegliere l'agevolazione più adatta alla proprie esigenze il richiedente deve leggere accuratamente il bando, in modo da valutare se il suo reddito rientra tra i parametri previsti e nel dubbio rivolgersi ad un esperto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO