Serramenti in legno

Il legno:

Prima di parlare di quelle che sono le caratteristiche dei serramenti in legno, e di tutte le accortenzeche è bene avere affinchè questi siano ben curati e quindi funzionali, non si può che fare un breve cenno a quello che è la materia prima che da vita a questi elementi, tanto largamente utilizzati: il legno, un materiale molto usato nel campo edile per le sue molteplici e ottime caratteristiche. Conoscerlo permette di conoscere a fondo anche quelle che sono le caratteristiche di tutto ciò che ne deriva. Quindi, è bene sapere cos’è, da dove si ricava, a quali lavorazioni viene sottoposto, e quali sono le sue caratteristiche.

Innanzitutto, a tal proposito, bisogna dire che il legno è un materiale che si ricava dai fusti delle piante, in particolare arbusti ed alberi. Queste piante, infatti, posseggono un fusto e delle diramazioni che crescono il lunghezza e larghezza durante gli anni, sviluppando degli strati concentrici verso l’ esterno anno dopo anno. Questi tessuti sono principalmente formati da ellulosa, emicellulosa e lignina. Le piante che producono legno sono annuali e sono erbacee. Il legno che se ne deriva può essere di vari tipi: legna, se è utile per la combustione e legname, se lo si può lavorare e può essere utilizzato per costruzioni di vario genere (anche in campo edile).

Il legno è un elemento strutturale della pianta, che possiede caratteristiche come la robustezza e la resistenza. Esso è costituito da fibre di cellulose tenute insieme da una matrice di lignina, e al suo interno c’è anche emicellulosa, il cui compito, tuttavia, non è stato ancora chiarito. Una volta ricavato e stagionato, il legno può essere sottoposto a varie lavorazioni, che ovviamente sono finalizzate a scopi diverse. Per quanto riguarda gli usi del legno, si può dire che se scomposto in fibre si può ottenere la polpa di legno, utile per la produzione di carta, oppure può essere scolpito e lavorato, pu essere utilizzato come materiale da costruzione di vari elementi e in campo edile e come combustibile. Un tempo era sicuramente uno dei mateirali più utilizzati dall’ uomo, mentre oggi in molti casi è stato sostituito dal metallo e dalla plastica.

Ono anche stati inventati dei derivati del classico legno, più economici, come ad esempio l’ MDF (medium-density fibreboad).

Commercialmente, il legno è diviso in “legno tenero” e “legno duro”. Il legno derivato dalle conifere è di tipo tenero,mentre quello delle angiosperme viene definito duro. Questa suddivisione, però, non deve essere presa alla lettera, in quanto spesso dei legni definiti duri sono più teneri dei teneri, e viceversa: in realtà, infatti, questi nomi derivano dall’ inglese, che definisce le conifere “softwood” ele latifoglie “hardwood”. La traduzione alla lettera è un errore di ipercorrettivismo, poiché in inglese in realtà non si intende letteralmente “legno tenero e legno duro”, ma bensì,con queste parole, si vuole fare la distinzione fra conifere e latifoglie, semplicemente.

Ovviamente, però, ogni legno ha una sua particolarità, un proprio colore, una propria consistenza, un proprio livello di robustezza e anche un proprio valore: tutto questo dipende dalla differente provenienza dei vari legni, che provengono ognuno da una specie di albero. Ad esempio, per quanto riguarda il colore, questo è dovuto al deposito di diversi materiali risultanti dal processo di crescita, dall’ ossidazione alle altre reazioni chimiche.

L' importante, quando si sceglie di installare dei serramenti, dei mobili o qualsiasi struttura in legno nella propria casa, comunque, è fare attenzione durante la scelta, in quanto bisogna ricordarsi che il legno pregiato necessita di una spesa maggiore, mentre quello scadente, seppur economico, molto spesso è scadente. Inoltre è sempre importante che il legno sia trattato con cura e che gli siano date tutte le cure più importanti.

TEKNOCARE 425100 set di cura e pulizia per serramenti in legno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 45,36€


Caratteristiche:

Spesso e volentieri gli infissi esterni vengono realizzati utilizzando proprio il legno. Questo perché ovviamente si tratta di una scelta dettata sia dal senso estetico che, in unc erto senso, da quello funzionale: il legno, infatti, evoca sempre un’ atmosfera di grande naturalezza, ma anche di semplice eleganza e, in qualche modo, di familiarità, molto più di quanto facciano le plastiche o i metalli. E’ una scelta spesso di buon gusto, utile ed adatta un po’ in tutti gli ambienti, un classico che non tramonta mai, che non è mai brutto o scontato, anche quanto è particolarmente semplice. Bello, sobrio, ed elegante. Ovviamente, però, si tratta anche di un materiale che ha i suoi svantaggi: i serramenti in legno, così come tutto ciò che viene fabbricato questo materiale, necessitano di grande cura e grande accortenza per essere ben curati, funzionali e sempre perfettamente in forma, anche esteticamente.

Ovviamente gli infissi atuali in legno sono realizzati con la tecnologia lamellare, una tecnologia molto sofisticata che permette di assemblare con lamelle sottili di legno di circa 27 mm di spessore con un sistema di incollaggio ad alta frequenza, ovviamente dopo che siano state deumidificate ed essiccate. In questo modo, il legno assume caratteristiche di indeformabilità, e le sue caratteristiche estetiche rimangono ovviamente inalterate, in modo che si possa destinare questo particolare tipo di legno a tutti gli usi in cantiere precedentemente.


  • Tutti i tipi di serramenti isolanti I serramenti isolanti sono sempre più diffusi all’interno del nostro Paese. A conti fatti, a ben guardare, quando parliamo di grossa diffusione di serramenti isolanti all’interno del nostro Paese stia...

Vernice Ritonificante per Legno Sayerlack art. KK1112 Trasparente 750 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,68€


Manutenzione:

Il legno è un materiale vivo, che “respira”, e proprio per questo è soggetto a deterioramento: questo vuol dire che, nel corso del tempo, esso può perdere le caratteristiche che possedeva un tempo. Per risolvere questo problema, e per fare in modo che questo processo sia rallentato, se non fermato, il più possibile, ovviamente bisogna proteggere il legno da tutto ciò che lo danneggia, e fornirgli tutto il materiale affinchè possa continuare ad essere ammirato ed utilizzato in tutta la sua bellezza e funzionalità. In tutto questo, è importante considerare che il deterioramento degli oggetti in legno è dovuto soprattutto a un fattore, ovvero gli agenti atmosferici, come umidità, raggi ultravioletti, agenti inquinanti ecc ecc. Un’ altro tipo di usura, ugualmente temibile però, è quella meccanica, detta anche “per attrito”, ovvero quel tipo di usura derivante dall’ utilizzo e dal contatto di più parti di un elementi fra loro, cosa che crea attrito e che, in qualche modo, danneggia il materiale, scheggiandolo, levigandolo ecc ecc.

Per tenere i propri serramenti in legno in un buono stato, è importante detergerli: spesso infatti, si procede al lavaggio dei soli vetri, mentre è importante lavare anche tutta la superficie verniciata, in modo tale da poter rimuovere le tracce di smog, di piogge acide e di polvere, che corrodono lo strato di film verniciante e diminuiscono, quindi, la protezione. Per quanto riguarda ciò che si deve utilizzare, si consiglia soprattutto di utilizzare l’ acqua con un detergente neutro, mentre sono assolutamente da evitare detergenti a base acida, come alcool o ammoniaca, che sono aggressivi. E’ importante intervenire immediatamente appena si veda la comparsa di piccole crepe all’ interno del legno, causata da agenti atmosferici violenti (come la grandine) o da altre scalfiture in generale, in quanto l’ acqua piovana potrebbe penetrare all’ interno di tali crepe e provocare la comparsa di funghi, l’ alterazione del colore o il distacco di parti del film di vernice dal supporto. La zona colpita, dopo essere stata pulita, va quindi carteggiata con carta abrasiva con grana 320 . Poi va applicata la finitura per la manutenzione. Con il passare del tempo, è importante verificare sempre che il film di vernice sia sempre dello stesso spessore: qualora questo non si verifichi, è necessario intervenire nuovamente con una vernice protettiva, per evitare il degrado.


Rinnovo:

Per rinnovare un serramento, invece, si deve procedere pulendo tutta la superficie verniciata utilizzando acqua e detergente neutro, poi bisogna carteggiare tutto l’ infisso utilizzando carta abrasiva 280-320, sena fare troppa pressione sugli angoli per non togliere il colre. A questo punto bisogna pulire la polvere e coprire il vetro con nastro adesivo. Si deve quindi applicare una mano di vernice ad acqua con l’ uso di un pennello a setole acriliche, prima procedendo trasversalmente, poi agendo per tutta la lunghezza del pezzo.

A questo punto, si attende che la vernice sia asciugata (circa 4 ore), e si applica una seconda mano di prodotto. Si aspettano quindi almeno 24 ore, dopodiché è possibile chiudere i serramenti. Bisogna fare attenzione a stendere il prodotto in tutte le parti del legno, sopratutto nei luoghi in cui una grande porosità potrebbe causare l’ assorbimento di umidità. E’ bene fare attenzione a non verniciare sul silicone, in quanto se ne intaccherebbe l’ elasticità,provocando spaccature utili all’ infiltrazione di acqua piovana. E’ anche importante evitare di verniciare le guarnizioni.


Serramenti in legno: Tinteggiare:

Per dare loro un nuovo aspetto, è anche possibile tinteggiare gli infissi in legno, ma in questo caso è importante avere una certa esperienza e una mano salda e sicura. SI tratta di un’ operazione non molto difficile soprattutto per i veterani del settore, che aiuta ad avere i propri infissi protetti dagli agenti atmosferici e anche molto belli da vedere. Innanzitutto, è necessario rimuovere o coprire con un lenzuolo qualsiasi oggetto vicino al serramento, in modo che non si vada a sporcare con gli schizzi di pittura. Stessa cosa vale anche per i pavimenti ed i marmi delle finestre, da coprire con teloni e fogli di giornali.

La prima cosa da fare è levigare la superficie con della carta vetro, in modo da avere una superficie liscia e preparata. Nel caso si dovesse sverniciare, bisognerà invece usare la carta vetro solo nelle zone piccole e difficili, mentre per quelle più grandi bisognerà utilizzare la levigatrice elettrica. La sverniciatura si può anch effettuare utilizzando delle pistole ad aria calda. Eventuali fessure o buchi si devono coprire con sigillanti in polvere, da diluire in acqua. Ora, si deve miscelare la pittura, poi si deve applicare sulla superficie con un pennello ( a punta fine nelle zone difficili).


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO