Lucidare il legno

Lucidare il legno

Il legno per essere lucidato richiede delle tecniche particolari che possono essere applicate in diversi modi. Si può procedere con la finitura di prodotti industriali a base acrilica che tuttavia hanno un inconveniente di base, ovvero con il tempo si opacizzano creando una pellicola resistente ma del tutto antiestetica soprattutto se si tratta di mobili di gran pregio. Ecco quindi che tornano prepotentemente alla ribalta i vecchi e cari metodi tradizionali, migliori, duraturi e soprattutto non inquinanti. Tra questi troviamo la lucidatura a cera e quella a tampone. Tuttavia un’alternativa potrebbe essere quella di acquistare delle aniline contenenti prodotti lucidanti e di buona qualità. Ma se miriamo ad ottenere il meglio dal punto di vista della lucidatura del legno, allora i metodi tradizionali sono senza alcuna esitazione quelli migliori da utilizzare. Ogni lucidatura, per ottenere l’effetto desiderato richiede delle superfici lisce, perfettamente levigate e soprattutto pulite quindi prima di applicare le sostanze lucidanti, è opportuno utilizzare un panno di tela con all’interno un batuffolo di ovatta leggermente imbevuto di acqua da strofinare sulla superficie da lucidare, avvalendosi di pomice in polvere che è l’ideale per smerigliare leggermente il legno.

come lucidare legno

3 pollici Dischi Abrasivi Bianchi Ruvidi in di 75mm in Ossido di Alluminio Grana 120 con Sostegno in di 6mm + Soffice Cuscinetto di Schiuma per il legno per i lavori Fai-Da-Te, 30 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,25€


Lucidare il legno a cera

Lucidare il legno a cera La lucidatura a cera è senz’altro la più antica, la più diffusa ed ha il pregio di essere eseguita in modo facile, dona lucentezza, nutre il legno ed è duratura e bella da vedersi. E’ l’ideale per "rinfrescare" il legno di un mobile già precedentemente trattato a cera che si applica dopo averla accuratamente preparata. Conviene infatti acquistare un barattolo di cera per finitura, e aggiungendo l’essenza di trementina, viene messa in un contenitore e scaldata a bagnomaria mescolando di tanto in tanto per evitare grumi. Quando è completamente sciolta allora è pronta per l’uso; tuttavia c’è da aggiungere che così preparata può essere mescolata con piccole quantità di colorante simile a quello preesistente o alla tonalità che vogliamo creare. L’applicazione della cera per lucidare il legno si può effettuare con il pennello, con la spazzola a setole morbide ma anche con un tampone. Quest’ultimo sistema però, è da riservarsi a mobili che presentano ampi piani lisci e continui, senza modanature, incisioni o rilievi.

  • Lucidare il legno Per lucidare il legno procuratevi innanzitutto: una mascherina, un panno, un pennello, impregnante e vernice, oltre alla pistola spruzzatrice e alla spugna abrasiva. Prima di procedere alla lucidatur...
  • restauro mobili in legno Attraverso il fai da te è da sempre possibile occuparsi di varie operazioni in svariati campi, dal giardinaggio alla manutenzione della propria auto, dalla costruzione di cucce per i propri cani a q...
  • restauro Il restauro è l’arte che consiste nel riportare agli antichi splendori un oggetto o un bene usurato dal tempo. Anche quest’arte ha delle origini antichissime e riguarda tutto quello che ha costituito ...
  • restauro porta antica Molte persone nell’intento di restaurarla si affidano a prodotti chimici che rovinano la struttura e nascondono quelli che sono i colori naturali, le venature e i fregi. Una porta antica può essere di...

2 pollici Dischi Abrasivi Bianchi Ruvidi in di 50mm in Ossido di Alluminio Grana 400 con Sostegno in di 3,17mm + Soffice Cuscinetto di Schiuma per il legno per i lavori Fai-Da-Te, 30 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,1€


Lucidare il legno con gommalacca

Lucidare il legno con gommalacca E’ il trattamento di finitura e lucidatura più classico e di maggiore bellezza. I mobili classici di maggior valore (inglesi, epoca vittoriana) sono appunto trattati con gommalacca. La sostanza si può applicare a pennello o a tampone. Con il primo conviene quando il legno è tenero o è molto sagomato, il secondo invece è migliore su ampi piani perfettamente levigati. Per applicare la gommalacca a pennello bisogna preparare una soluzione concentrata di circa 250 grammi di gommalacca da sciogliere in un litro di alcool. Quando si scioglie del tutto, va distribuita sulla superficie seguendo la venatura naturale del legno facendo attenzione alle colature. E’ ben lavorare in un ambiente piuttosto caldo e asciutto poiché in un luogo freddo potrebbero formarsi delle zone chiare sul legno. Come tutte le "verniciature" anche l’applicazione della gommalacca richiede più di una mano. Infine è da tenere presente che ad ogni applicazione il legno tende a diventare più scuro quindi, è consigliabile regolarsi con la quantità di gommalacca che ridotta genera una tonalità più chiara.


Lucidare il legno a tampone

Lucidare il legno a tampone L’applicazione del lucido a tampone permette di stendere sul legno strati estremamente sottili di gommalacca particolarmente uniformi che consentono una finitura e lucidatura di alta qualità. Non si tratta di un lavoro semplice: va fatta quindi un poco di esperienza prima di lavorare su di un mobile di una certa qualità. La preparazione del liquido avviene utilizzando circa 100 grammi di gommalacca da sciogliere in un litro di alcool. A questo punto bisogna preparare il tampone ritagliando dei rettangoli di stoffa di circa 15X15 centimetri, e inserendo all’interno dell’ovatta imbevuta nella soluzione con gommalacca, dopo di chè viene ripiegata ai quattro angoli facendo assumere la forma di un tampone. L’applicazione avviene con una prima passata lenta seguendo il verso delle venature ed esercitando una pressione leggera all’inizio, aumentandola poi man mano che il tampone si asciuga. Se lo scorrimento del tampone diventa difficoltoso va lubrificato con un po’ di olio paglierino o di lino. Noterete che ad ogni passata il legno diventa sempre più lucido. Tuttavia questa lucentezza tende a diminuire man mano che il liquido si asciuga. Per mantenere quindi lucida la parte è importante caricare nuovamente un tampone con gommalacca molto diluita, in modo da ottenere una pellicola sottilissima che funge da lucidatura finale.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO