Restauro legno

Importanza:

Attraverso il fai da te è da sempre possibile occuparsi di varie operazioni in svariati campi, dal giardinaggio alla manutenzione della propria auto, dalla costruzione di cucce per i propri cani a quella di mobili per la casa, dalla costruzione di veri e propri gioielli di bigiotteria alla cura della propria casa, in ogni aspetto.

Tutti, con il fai da te, possono eseguire operazioni in questo campo, anche non disponendo necessariamente di capacità manuali o di competenze nel settore. Occuparsi di fai da te, infatti, è un’ occupazione propria non dei professionisti, ma dei “dilettanti”, che attraverso queste operazioni riescono a fare qualcosa di utile, a divertirsi e anche ad imparare molto. L’importante, per ottenere un buon risultato, è che ci si informi prima su come deve essere eseguita l’ operazione e si comprino tutti i materiali e gli attrezzi necessari, imparando , prima di eseguire tutte le operazioni, ad utilizzarle.

Attraverso il fai da te è anche possibile mettere a nuovo dei mobili antichi che magari sono stati lasciati da parte perché troppo vecchi o fuori moda, soprattutto quelli in legno, e anche perché il restauro per mano di professionisti sarebbe troppo costoso.

Attraverso il fai da te è invece possibile curare questi mobili facendoli nuovamente risplendere, attraverso semplici operazioni e prodotti giusti.

restauro mobili in legno

Edding 9032000 - Strumento per fusione cera Edding 8903, per restauro pavimenti in legno, alimentazione a batteria

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,43€


Cos'è:

restauro tavolino in legnoRestaurare un mobile antico, vuol dire fare in modo che questo, anche conservando il suo valore e il suo aspetto, ritorni come nuovo, e che quindi spariscano da essi tutti i segni che il tempo ha inevitabilmente lasciato su di loro, soprattutto se non sono stati oggetto di cure specifiche per la loro buona conservazione nel tempo. Il restauro è un’ operazione molto delicata, per questo se si posseggono mobili di grande valore la cosa più consigliabile è che il restauro si affidi a dei professionisti, in quanto l’ intervento di persone non esperte di legno e di queste tecniche potrebbe provocare grossi danni al mobile stesso. Tuttavia, i fai da te possono riportare alla luce dei mobili in maniera autonoma, economica e anche efficace, con le operazioni di pulitura, finitura e lucidatura. Si tratta di operazioni che non possono compromettere il mobile, ma che possono bastare per renderli ancora splendenti.

  • bricolage Il bricolage, comunemente chiamato anche “fai da te”, consiste nell' occuparsi di tanti vari lavori manuali senza vestire le vesti di un professionista. Il bricolage può, infatti, essere annoverato tr...
  • tronchi di albero Il fai da te permette di occuparsi di operazioni in tutti i settori, cosa che permette a sempre più persone di avvicinarsi al mondo del fai da te, in quanto tutti possono trovarvi un buon modo per tra...
  • esempio di cassapanca in legno La cassapanca in legno è una tipologia di mobile utilizzata sin dai tempi antichissimi, che unisce in se più di una funzione, e che quindi può essere utilizzata in vari modi, per più di uno scopo. La ...
  • tavolino in legno d' ebano Sempre più persone scelgono di dedicarsi al fai da te, perchè comprendono che in quest' occupazione vi sono moltissimi vantaggi da ottenere. In primis, il fai da te comprende occupazioni in ogni setto...

KIT COMPLETO PER LA RIPARAZIONE DI LEGNO COLORE WENGÈ

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,85€


Pulitura:

Per effettuare la pulitura di un mobile può anche bastare l’ intervento di un fai da te, che però deve dapprima informarsi su come fare. E’ consigliabile effettuare la pulitura con della trementina, dell’ oleoresina che viene ottenuto da più piante conifere, oppure della benzina avio, utilizzata come carburante per gli aerei da turismo. Ma come procedere? Non si tratta di operazioni molto difficili, anzi: basta bagnare un batuffolo di cotone con della benzina avio o con della trementina, e bisogna poi pulire, con questo batuffolo, tutto il mobile. Quanto detto è per un mobile dalla finitura a cera, ma se si dispone di un mobile dalla finitura in ceralacca, bisogna bagnare il batuffolo di cotono anche con alcool e con olio paglierino secondo le seguenti proporzioni: 2 parti di trementina , due di olio paglierino, una di olio paglierino, una di alcool.


Restauro legno: Sverniciatura, stuccatura e lucidatura:

Se l’ operazione descritta non devesse bastare, è poi necessario ricorrere alle operazioni di sverniciatura e di stuccatura. Si tratta di operazioni che di solito vengono eseguite dai maestri, ma di cui anche i fai da te possono occuparsi. Ecco come procedere.

Per prima cosa, bisogna munirsi del materiale necessario, e cioè: dello sverniciatore liquido (basta una confezione), due pennelli piatti, una spatola, della carta vetrata, dello stucco per legno, della gommalacca o della vernice.

Come procedere:

1.Bisogna sistemare il mobile o su un tavolo da lavoro o sul pavimento, entrambi ricoperti di un telo di plastica.

2. Si esegue la sverniciatura: con uno dei due pennelli si stende dello sverniciatore su una parte limitata di mobile. Trascorso il tempo necessario allo sverniciatore per avere il suo effetto (tempo riportato sulla confezione), si procede con una spatola a rimuovere tutti gli strati di vernice, senza scalfire il mobile. Se l’ operazione è andata a buon fine, si fa lo stesso con tutto il mobile.

3.Ora è necessaria la stuccatura. Questa deve essere eseguita con l’ ausilio di una spatola e di uno stucco, il cui colore deve essere lo stesso di quello del mobile da trattare. Lo stucco è necessario a riparare eventuali scheggiature, poi o graffi, quindi va utilizzato sul mobile facendo attenzione a tutte le imperfezioni. Quando si è asciugato, bisogna utilizzare uno straccio bagnato per rimuovere lo stucco in eccesso, o, se è proprio necessario, si può utilizzare anche della carta vetrata.

4. Ora, il mobile può essere lucidato. L’ operazione della lucidatura è , probabilmente, la più semplice. Bisogna munirsi di gommalacca o di vernice per mobili, del colore che si vuole per il proprio mobile. Questi prodotti vengono poi applicati al mobile attraverso l’ ausilio del secondo pennello, facendo tante passate fino a quando il mobile non avrà assunto una colorazione omogenea.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO