Divisori mobili

Cosa sono i divisori mobili

I divisori mobili, di cui alcuni tipi vengono anche chiamati separé, si usano quando occorre separare temporaneamente degli ambienti per creare degli spazi dedicati a funzioni diverse o per suddividere l’ambiente in più zone. Si tratta infatti di quinte leggere e facilmente spostabili tali da essere messe o tolte in modo semplice in funzione dell’esigenza del momento. I divisori mobili possono essere inseriti principalmente in quegli ambienti di tipo "open space" per creare temporaneamente degli spazi separati, dedicati a una diversa funzione rispetto a quella dell’intero ambiente. Infatti è la ricerca di spazi adatti a rispondere a differenti esigenze funzionali che rende necessaria la divisione temporanea di un ambiente preesistente in più parti. Un divisorio mobile è a tutti gli effetti una sorta di pannello che può avere varie dimensioni, forme e materiali, il quale serve, all'occorrenza, a dividere un ambiente in più zone separate.

Un divisorio mobile può essere anche una vera e propria parete mobile e divisoria, realizzata in cartongesso, che attualmente è una soluzione tra le più usate e apprezzate per la suddivisione degli spazi interni, spesso destinati a uffici o posti di lavoro.

Possiamo usare come divisorio anche un vero e proprio mobile il quale può essere mono o bi–facciale, aperto o chiuso, intero o modulare. Inoltre può arrivare perfino al soffitto, avendo la funzione di parete attrezzata, oppure essere molto più basso, come nel caso di librerie o mensole, vetrine o banconi bar e tanti altri. Tipico esempio è quello della scala-libreria che, costituita spesso in legno massello con elementi modulari in genere a forma di cubo, ha una duplice funzione di libreria e di parete divisoria.

Divisori mobili

Katomi - Scatola in plastica per utensili o gioielli, dotata di 36 scomparti con divisori mobili

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Quando inserire i divisori mobili

divisori mobiliGrazie all'uso di divisori mobili, per esempio, se abbiamo un soggiorno di grandi dimensioni possiamo ricavare una zona dedicata allo studio nello stesso ambiente. Oppure possiamo usare i divisori mobili se abbiamo bisogno di creare un posto letto temporaneo da inserire in un soggiorno o in uno studio e separarlo dal resto della stanza per avere un po’ di privacy.

Un divisorio mobile può essere utile anche se vogliamo creare nella nostra camera da letto uno spazio in cui inserire una vasca da bagno e vogliamo che questo sia di solito aperto ma che possa essere schermato quando si desidera rilassarsi in completo isolamento e relax. Un’ altro tipico uso dei divisori mobili è nella stanza dei ragazzi, specie se c’è una differenze di età o di sesso o anche di abitudini, per cui la convivenza può essere faticosa. Un divisorio mobile può essere in questo caso una buona soluzione a un’esigenza pressante specie quando la stanza non ha dimensioni grandi e l’ambiente ha una sola porta.

  • parete divisoria in vetro Il fai da te è un' occupazione a cui sempre più persone aderiscono, perchè ritrovano in esso un buon modo per trascorrere il proprio tempo libero, investendolo in operazioni utili per se stessi, per l...
  • open office Il tempo passa, portando con sé quello che diventa passato e introducendo novità che fanno riferimento praticamente a tutti i campi. Uno di quelli più interessanti e affascinanti ha a che vedere con l...
  • paretidivisorie Le parerti divisorie sono le strutture che separano l’area interna di un edificio. Anche se ormai si parla molto di “open space”, ovvero di spazi aperti che comprendono un susseguirsi di stanze senza...
  • pareti divisorie Il bagno è un ambiente che necessita di una serie di caratteristiche fondamentali per essere apostrofato come confortevole e funzionale. Negli ambienti considerati aperti e pubblici, i bagni necessita...

Kernorv DIY divisorio in PVC ecologico, 12 pezzi semplice e moderno da appendere pannello schermo per decorare Beding, sala da pranzo, studio e sitting-room, hotel, bar e scuola, bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,99€


Tipi di divisori mobili

Tipi di divisori mobiliEsistono svariate tipologie di divisori mobili che possono essere fissi oppure apribili. Alcuni possono disporre di un sistema scorrevole o possono essere appesi oppure spostarsi su apposite ruote, che consentono di poterli muovere e riposizionarli in modo rapido e semplice.

Ad esempio un divisorio mobile può essere un pannello con o senza ruote con l’ossatura fatta di legno e rivestito con della stoffa neutra oppure colorata.

Esistono anche i vecchi paravento, molto simili ai moderni separé, che possiamo facilmente riconoscere nelle foto di un tempo: oggi sono tornati di moda ma con nuovi design e arricchiti di materiali innovativi e di nuove stoffe con allegre fantasie. Spesso gli architetti usano i separé per creare un ambiente originale in cui il divisorio mobile diventa un elegante complemento d’arredo.


Divisori mobili: Vantaggi dei divisori mobili

Sia se si parla di piccoli separé ma soprattutto di pareti mobili o divisorie costituite da cartongesso o anche da altri materiali qualitativamente pregiati, questi elementi consentono di creare degli spazi aperti e che allo stesso tempo sono protetti e riservati, confortevoli e personalizzati.

Gli elementi mobili di separazione rappresentano una alternativa vantaggiosa alle porte che sono sconsigliabili se gli ambienti hanno dimensioni ridotte.

Grazie all'uso di materiali che sono isolanti, durevoli e resistenti, come, per esempio, il cartongesso, queste strutture garantiscono molti vantaggi nel tempo che possiamo riassumere in pochi punti:

• buoni standard di isolamento termico e acustico

• confort ambientale

• elevata versatilità e mobilità delle strutture

La velocità unita alla facilità di installazione dei divisori mobili, che siano semplici separé o anche pareti mobili, permette di ottimizzare sia i tempi che i costi, riducendo il disagio del cambiamento di arredo.

I divisori mobili in genere, visti come complementi di arredo contemporanei, riescono a coniugare la praticità all'estetica. Hanno il vantaggio di garantire una flessibilità nel tempo della disposizione degli arredi nella casa che può mutare in funzione delle esigenze degli abitanti; ma dà anche l’eventualità di spostare facilmente l’elemento altrove, ad esempio da una ad un’altra casa nell'ambito di un trasloco.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO