Coltivazione Girasole

Coltivazione Girasole

Una leggenda citata da Ovidio nelle Metamorfosi narra che una ragazza chiamata Crizia si fosse innamorata del Dio del sole Apollo e che fissasse sempre il suo carro in cielo.

Dopo nove giorni di contemplazione la giovane venne trasformata in un bellissimo fiore giallo ed è per questo motivo che il girasole si gira sempre in direzione del sole compiendo un movimento eliotropico.

L' Helianthus si trova in varietà di colori diversi ed è adatto per i luoghi soleggiati e rustici, mentre non si addice ai giardini elaborati, si presta a comporre gruppi nelle aiuole e a creare siepi e con un poco di fantasia si possono ottenere effetti decorativi stupendi.

I fiori di questa pianta che possono avere un diametro di oltre trenta centimetri hanno un ampio centro appiattito di colore bruno con sfumature arancio ed una raggiera semplice o doppia di grandi petali ovali di un bel giallo acceso.

L'Helianthus può raggiungere un'altezza tra i due e tre metri, il suo fusto ruvido e rigido presenta foglie alterne di color verde chiaro opaco, dentellate, larghe e ruvide ed è un fiore robusto e rustico, il suo genere comprende oltre cinquecento diverse specie, i suoi fiori vengono usati nelle composizioni floreali, sia fresche che secche.

Coltivazione Girasole

Mr Tall Kit per coltivazione girasoli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,77€


Semina e coltivazione

L'Helianthus è una pianta molto robusta , facilissima da coltivare e si adatta a qualsiasi tipo di terreno.

Si semina tra marzo ed aprile in semenzaio mettendo due o tre semi in buche profonde dai tre ai cinque centimetri distanziate tra di loro che vanno poi ricoperte di terriccio che deve essere compattato premendo leggermente con il palmo della mano.

In attesa della germinazione il terreno va mantenuto umido in modo uniforme, tra maggio e giugno, quando le piantine raggiungono un'altezza di sette centimetri si possono trapiantare.

E' importante che la zona scelta per piantare i girasoli abbia un'esposizione solare diretta di almeno sei ore al giorno, per evitare che le piante crescano in malo modo.

Il girasole ha un apparato radicale formato da un fittone e da numerose sottili radici secondarie, per questo motivo è necessario che il terreno dove vengono messe a dimora le piante sia lavorato accuratamente per creare un buon letto di semina e per consentire una buona capacità di ritenzione idrica ed inoltre va arricchito con un concime organico e rastrellato accuratamente per evitare che vi siano sassi o altri detriti.

La distanza tra le piantine deve essere di circa cinquanta centimetri ed appena trapiantate vanno annaffiate copiosamente per evitare il loro appassimento, ma stando ben attenti che l'acqua non crei dei ristagni.

Queste piante sono molto resistenti e possono sopportare brevi periodi di siccità o di freddo, ma prediligono il caldo ed il sole.

Chi non ha un giardino può piantare i girasoli in vasi di grandi dimensioni, mettendo una sola pianta in ogni contenitore, durante la crescita sarà necessario sostenerla con un tutore e dovrà essere collocata all'esterno al diretto contatto con i raggi solari.

  • Coltivare il girasole Già i popoli precolombiani come gli Incas conoscevano le grandi proprietà alimentari del girasole: i suoi semi sono infatti molto utilizzati in cucina ma anche come fiore ed elemento per la decorazion...
  • Caratteristiche del girasole Appartenente alla famiglia delle Asteraceae, il girasole è una delle cosiddette piante annuali, ovvero una tipologia di pianta che compie il suo ciclo vitale nell'arco di un anno solare o anche nel co...

SAFLAX - Set per la coltivazione - Girasole Titan F1 - 20 semi - Helianthus annuus

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Cure durante la crescita

girasoli Per il suo rapido sviluppo il girasole ha un'effetto soffocante nei confronti delle erbe infestanti, ma sino a quando le piante raggiungono un'altezza di circa quaranta centimetri sarà necessario effettuare delle sarchiature, in seguito solo se necessario si potrà ricorrere all'uso di un diserbante selettivo.

Il girasole è una pianta non particolarmente delicata e solo sporadicamente, durante le fasi iniziali del ciclo vegetativo può essere colpita da parassiti fitofagi come la scotia, l'angroties o il sminthurus.

Mentre durante la fioritura e la maturazione si può raramente avere un'infestazione da gymnoscelis pumilata.

Inoltre si possono presentare delle muffe grigie o della ruggine che vanno trattati con dei prodotti funghicidi specifici.


Le diverse specie

Al medesimo genere appartengono il girasole multifloro ed il rigido, anche loro di colore giallo, originari del nord America, sono piante che possono raggiungere i tre metri di altezza ed hanno dei grossi rizomi sotterranei, le loro foglie sono meno ampie di quelle del girasole vero e proprio ed i capolini più piccoli.

La specie più rustica è l' Helianthus tuberorus noto come topinambur che presenta dei grossi tuberi commestibili dal sapore simile a quello del carciofo, che si consumano crudi conditi con sale e pepe, lessati o arrostiti sotto la brace.

Nell' America settentrionale dalle radici dell' Heliantus strumosus si estraeva una fecola usata per la pappa dei bambini e per fare il pane mischiata con la farina di granoturco.

Somiglianti ai fiori di questi girasoli minori sono le rudbechie molto adatte per abbellire i giardini, fioriscono da luglio ad ottobre e formano delle siepi con molti fiori,meno rustiche dei girasoli amano un terreno leggero e ben drenato.


Utilizzo del girasole

Il girasole è un ottimo produttore d'olio, i suoi semi dopo essere stati sgusciati producono un'ottimo olio alimentare molto limpido, dolce, inodore che nella torchiatura a freddo raggiunge il quaranta per cento del peso del seme stesso.

Talvolta, non essendo essiccativo, viene usato per la preparazione di vernici e colori.

Con la torchiatura a caldo la produzione d'olio è maggiore, ma è torbido ed ha un colore scuro, quest'olio è ottimo per la combustione.

Presso certe popolazioni i semi del girasole vengono anche usati come alimento ed abbrustoliti servono come surrogato del caffè e nell'industria dolciaria.

Le piante giovani costituiscono un buon foraggio, mentre le foglie per il loro contenuto di quercimeritrina svolgono un'azione antitermica, antimalarica ed una blanda azione diuretica.

Si prepara anche un vino bianco medicinale mettendo a macerare nel vino per otto giorni quaranta grammi di fiori e foglie essiccati ed agitando spesso, quindi si cola e si filtra.

Per uso esterno un decotto al cinque per cento di ligule fiorali serve per curare piaghe ed ulcerazioni.

I semi di Heliantho sono anche un'ottimo mangime per uccelli da gabbia o da voliera.

Le piante giovani costituiscono un buon foraggio, mentre le foglie per il loro contenuto di quercimeritrina svolgono un'azione antitermica, antimalarica ed una blanda azione diuretica.

I petali del girasole vengono usati come tinture naturali per i tessuti e dal loro impiego si ottiene una tinta di un luminoso giallo.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO