Coltivare il girasole

Coltivare il girasole

Già i popoli precolombiani come gli Incas conoscevano le grandi proprietà alimentari del girasole: i suoi semi sono infatti molto utilizzati in cucina ma anche come fiore ed elemento per la decorazione di ambienti di casa e di campi coltivati. Il girasole è così chiamato per la sua caratteristica di seguire il percorso del sole,cambiando man mano che esso si sposta. Questa pianta per vivere bene e prosperare ha bisogno di almeno mezza giornata di sole ed una temperatura ideale oscillante tra i 12 ed i 14 gradi. Il girasole è composto da un fusto eretto che raggiunge altezze intorno ai tre metri, i fiori sono nella maggior parte di colore giallo ed anch’essi molto ampi come diametro. La specie più comune è l’helianthus annuus, che ha tutte queste tipiche caratteristiche. Quella del girasole è una coltura che rispetto ad altre, si comporta bene in condizioni di siccità, questa è probabilmente la ragione principale per la sua popolarità nelle aree marginali del Sud Africa. Purtroppo il raccolto è particolarmente sensibile alle alte temperature del suolo durante la nascita e lo è soprattutto nel terreno sabbioso. In gran parte dei girasoli a seconda delle zone di produzione, il terreno è acidificato drasticamente negli ultimi dieci anni. Di conseguenza, la carenza di molibdeno si verificano spesso e sono forse uno dei maggiori fattori di un rendimento limitato. La coltura è molto suscettibile a danni provocati dagli uccelli, e per questo motivo, non può essere coltivato in alcune aree. Sul lato positivo, tuttavia, la tolleranza alla siccità e il basso costo di manutenzione, gestione e raccolto, sono importanti vantaggi. Il girasole si adatta relativamente bene a una grande varietà di tipi di suolo. Tradizionalmente, la coltivazione di semi di girasole è stato limitata ai terreni in cui la percentuale di argilla varia tra il 15 e il 55%, in altre parole terriccio sabbioso e argilla sono ideali. Attualmente le principali aree di impianto sono in suoli con una percentuale di argilla inferiore al 20%. La pianta di girasole ha un sistema di fittone profondo e finemente ramificato che può utilizzare l'acqua dagli strati profondi del suolo, fino ad oltre 2 metri. Di conseguenza, il raccolto spesso si comporta bene anche nel corso di una stagione secca, specialmente in terreni profondi o in quelli con falda acquifera.

Coltivare il girasole

Mongoli Semi di girasole gigante, 20 semi, cimelio commestibile girasoli ornamentali E3564

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Coltivare il girasole: la scelta

girasoli recisi La scelta della varietà da coltivare è un aspetto importante nel processo di produzione e il suo effetto è spesso sottovalutato. Il girasole non è molto soggetto a malattie e da un punto di vista produttivo ha una buona resistenza, garantendo anche la qualità. Tuttavia la stabilità di produzione può essere migliorata con l'applicazione di pratiche colturali che limitano lo stress da umidità, per quanto possibile. Il punto di partenza nella preparazione del terreno dovrebbe essere quello di utilizzare le piogge e l'umidità del terreno.

  • Coltivazione Girasole Una leggenda citata da Ovidio nelle Metamorfosi narra che una ragazza chiamata Crizia si fosse innamorata del Dio del sole Apollo e che fissasse sempre il suo carro in cielo.Dopo nove giorni di cont...

40 pc / sacchetto Semi di girasole, semi di girasole da piantare i semi, bonsai fiore, 10 colori, la crescita naturale per piantare giardino di casa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Coltivare il girasole: la preparazione del suolo

La preparazione del suolo dovrebbe essere concentrata sulla riduzione delle perdite di deflusso, soprattutto nel caso di terreni con un basso tasso di infiltrazione. Queste perdite possono essere limitate in larga misura applicando le corrette pratiche di coltivazione del suolo. Le colture primarie, come l'aratura con un aratro a versoio o a scalpello, sono i più adatti. L'obiettivo della coltivazione è di distruggere le erbacce, fornire un letto di semina adatto alla superficie del terreno,e allo stesso tempo garantire la massima piovosità con un buon drenaggio nonché di prevenire erosione da vento ed acqua in eccesso.

Il girasole è solitamente coltivato in rotazione con il mais e trae benefici dalle pacciamature dense. I pacciami proteggono il suolo contro l'impatto di gocce di pioggia, che sigilla la superficie e riduce al minimo il tasso di infiltrazione, ma possono nel contempo far proliferare i parassiti. La compattazione del suolo può essere un problema serio, soprattutto in terreni sabbiosi. Se la compattazione non è perfetta, il raccolto non può utilizzare la giusta quantità di acqua perché le radici non possono penetrare nello strato compattato.


Coltivare il girasole: semina, cura e manutenzione

coltivazione girasoleNormalmente il girasole può essere piantato a partire dall'inizio di novembre fino alla fine di dicembre nelle zone orientali e fino a metà gennaio nelle zone occidentali. Quando si sceglie la data della semina dell’impianto, una serie di fattori devono essere presi in considerazione. Questi includono l'insorgenza del gelo, la temperatura del suolo, requisiti di umidità della coltura, la densità di pioggia annua e il rischio di danneggiamento degli uccelli. Ecco quindi che bisogna evitare temperature estremamente elevate durante il periodo della semina, così come la possibilità di danni da gelo. In terreni argillosi, i girasoli dovrebbero essere piantati in filari stretti (90-100 cm) per migliorare l'utilizzo di acqua del suolo.

Rispetto alle colture, il girasole utilizza elementi nutrienti del suolo. La pianta, normalmente reagisce bene alla fecondazione con azoto e fosforo è quindi essenziale che qualsiasi programma di fertilizzazione, deve essere basata su un’attenta analisi del suolo preliminare. L’analisi non solo può portare a più adeguati livelli di fertilizzante, ma può anche limitare in modo significativo i costi di concimazione spesso dispendiosi ed inutili.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO