piastrellare

Cosa piastrellare

Spesso gli ambienti da piastrellare in casa sono quelli del bagno e quelli della cucina. Si può optare per le classiche piastrelle in materiale ceramico o per altre fatte con materiali innovativi che rispecchiano le ultime tendenze.

La base ideale per applicare le piastrelle consiste in un muro privo di imperfezioni intonacato da poco e rasato a gesso. Se non si ha questa fortuna e la parete da rivestire è già stata trattata in qualche altro modo bisogna ricorrere all’utilizzo di colle apposite. Ovviamente se la parte interessata è stata in precedenza ricoperta con carta da parati è necessario rimuoverla per evitare che l’umidità la scolli portandosi dietro tutte le piastrelle.

Per togliere la carta da parati è sufficiente bagnarla bene semplicemente con acqua e aspettare che la colla si sciolga. Solo a questo punto si potrà staccare senza fatica e successivamente applicare le piastrelle desiderate.

Utilizzando piastrelle a spessore assai ridotto come quelle in resina e possibile incollarle sul rivestimento precedente oramai vecchio e sorpassato senza doverlo rimuovere preventivamente. L’importante è utilizzare un collante a base di silicone che garantisce una forte presa sulla precedente ceramica.

piastrelle

Piatto doccia 120 x 120 x 4 cm, pronto da piastrellare, con sifone + griglia in inox

Prezzo: in offerta su Amazon a: 229€


Quali piastrelle scegliere

piastrelle Le piastrelle che si trovano in commercio hanno qualsiasi foggia, dimensione e colore. Le più comuni sono rettangolari o quadrate e si posizionano in maniera più rapida rispetto alle altre. Prima di comperarle è opportuno calcolare quante ne occorrerà per concludere il lavoro tenendo conto anche di tutte quelle che andranno tagliate per adattarle agli angoli e ai contorni delle eventuali prese di corrente.

Inoltre è buona norma acquistarne sempre un pacchetto in più di quelle strettamente necessarie per lasciarle di scorta nel caso in cui nel corso degli anni qualcuna si rompa o sia necessario eseguire lavori di vario tipo che comportano l’inevitabile eliminazione di qualche mattonella.

  • piastrelle Occuparsi di fai da te può essere un' operazione allo stesso tempo divertente, in quanto richiede creatività e permette di rilassarsi, ma allo stesso tempo particolarmente utile, in quanto permette di...
  • piastrelle a mosaico Sempre più persone scelgono di dedicarsi al fai da te, ovvero ad un hobby che permette di soddisfare le esigenze di tutti, in quanto comprende tantissimi lavori in tutti i campi. Inoltre si tratta di ...
  • piastrelle cucina Quando ci si occupa di fai da te è possibile trarre da questo hobby moltissimi vantaggi , cosa che fa si che il bricolage sia un' occupazione molto amata e praticata , che quindi riscuote molto succes...
  • pavimento in uno spettacolare gres porcellanato Grazie al fai da te è possibile occuparsi di vari hobby, ognuno in un determinato settore e campo. Di conseguenza, tutti possono avvicinarsi al mondo del fai da te, in quanto ognuno può trovare in que...

Lazer 352015 - Piletta sifonata ultrapiatta a pavimento con scarico orizzontale per piatto doccia da piastrellare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 66,68€


Materiali per piastrellare

piastrellePer applicare le piastrelle sia sui solai che sulle pareti occorre avere a portata di mano collante a sufficienza calcolato nelle quantità di un chilo per metro quadrato e dello stucco già pronto per l’uso.

Il silicone non può mancare così come una spatola dentata di buona qualità che serve per spalmare in maniera uniforme il collante. Inoltre è opportuno procurarsi una spatola flessibile per applicare lo stucco e avere un taglia-piastrelle per sagomarle nella maniera gusta attorno a prese della corrente, angoli e bordi. Per realizzare un lavoro a regola d’arte con una buona precisione è necessario servirsi di una classica livella lunga a bolla d’aria.


Applicare le piastrelle

posare piastrelle Prima di iniziare l’operazione misurate dove sia il centro della parete o del pavimento da piastrellare e segnatelo e poi iniziate da lì a mettere le mattonelle e proseguite verso l’esterno.

Stendete con l’aiuto della spatola apposita uno strato di colla e assicuratevi che le rigature lasciate dalla stessa siano a distanze regolari. Iniziate ad applicare mattonella dopo mattonella appoggiando il bordo inferiore sul collante e facendola aderire lentamente alla superficie premendo a fondo per evitare la formazione di bolle d’aria.

Inserite fra una mattonella e l’altra gli appositi distanziatori di plastica per ottenere delle linee di fuga perfette ed equidistanti. Terminate prima di incollare tutte le piastrelle intere e solo in un secondo momento procedete con i vari tagli per completare la pavimentazione o il rivestimento in questione.

Alla fine del lavoro controllate che la superficie abbia un aspetto omogeneo e con la livella constatate non ci siano irregolarità altrimenti alzate el mattonelle troppo in basso e riposizionatele aumentandone al di sotto lo strato di colla e premete su quelle che invece sporgono troppo.

A questo punto bisogna lasciare tirare bene il collante per due o tre ore e poi si può procedere con il togliere i distanziatori. Nel caso in cui non vengano via semplicemente tirandoli utilizzate la punta di un cacciavite come leva.

Dopo dodici ore si può passare a stuccare le fughe fra una piastrella e l’altra per mezzo della spatola flessibile. Il materiale eccedente dovrete toglierlo accuratamente con un panno umido.




COMMENTI SULL' ARTICOLO