Abusi edilizi

Definizione

L’abuso edilizio è un reato penale, a volte punibile anche con il carcere o la demolizione dell’immobile. E’ considerato un reato quando si costruisce o si ampia di volume una superficie già esistente, senza richiedere le opportune autorizzazioni amministrative. L’intervento edilizio per essere a norma, deve essere eretto su un suolo edificabile e con la dovuta approvazione del Comune. I lavori possono iniziare solo dopo aver ottenuto i permessi. In linea di principio per le opere di maggiore impegno, quali costruzioni, ristrutturazioni e ampliamenti, è necessario richiedere la concessione edilizia; per le opere di manutenzione straordinaria è sufficiente l’autorizzazione e per quelle di manutenzione ordinaria basta la comunicazione della data di inizio dei lavori al Sindaco del Comune.
abusi edilizi

Come sanare gli abusi edilizi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,9€
(Risparmi 5,1€)


Come e quando denunciare un abuso edilizio

abuso edilizioSe si sospetta che il vicino di casa stia commettendo un abuso edilizio, prima di intervenire è il caso di verificare che sia in possesso di tutte le autorizzazioni amministrative. La prima cosa da fare è controllare se il vicino ha esposto un cartello di cantiere e se i lavori che sta eseguendo siano regolari. Se si ritiene che ci siano tutti i presupposti di un abuso, bisogna recarsi al Comune di appartenenza e precisamente alla "Sezione Edilizia", informarsi se quanto si sta costruendo è conforme alle norme edilizie e urbanistiche, se ci sono delle difformità, si procede con la presentazione di un esposto scritto fornendo le proprie generalità presso la Polizia Municipale. Sarà compito dei Vigili informare le autorità competenti daranno il via all'avvio all'iter burocratico con eventuali controlli da parte dei Vigili, quindi redazione del verbale, sanzioni, sospensioni dei lavori e a volte sequestro del cantiere e demolizione dell’abuso.


  • abusi edilizi La norma di riferimento nei casi di abuso edilizio delle parti comuni è indicata nell'articolo 1102 del codice di procedura civile. Sul merito l'articolo in sintesi recita che l'uso della cosa comune ...
  • sanatoria abusi La sanatoria per abusi edilizi è una richiesta fondamentale in quanto, prendendo in considerazione la parte del testo unico riguardo l’edilizia, non permette di trasferire immobili privi di permesso a...
  • materiali edili Ogni qualvolta si sceglie di dedicarsi ad operazioni di fai da te, si sceglie di eseguire operazioni che, contemporaneamente, permettano di fare cose utili e divertenti: che uniscano, quindi, l' utile...
  • sabbia silicea Una passione è per sua natura qualcosa che porta via tempo ed energia, quando la si pratica e anche quando si fa altro. Si può essere appassionati praticamente di tutto, anche se non tutte le passioni...

Gli abusi edilizi. Con CD-ROM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 42,5€
(Risparmi 7,5€)


Abusi edilizi

Abusi edilizi Di norma non si può accatastare un immobile abusivo e pertanto in queste condizioni non è possibile né venderlo, né affittarlo. Per regolarizzare l’abuso occorrerebbe attendere la sanatoria, altrimenti se questa non dovesse arrivare, si potrebbe apportare lo stesso la variazione catastale, ma sostenendo pesanti sanzioni. Da luglio del 2010 è obbligatorio in sede di contratto di locazione, riportare i dati catastali, mentre in fase di compravendita, occorre fare riferimento alla planimetria catastale. Si parla di regolarità catastale, quando i dati catastali coincidono con lo stato attuale dell’immobile. Il catasto svolge una funzione prettamente fiscale. Paradossalmente può succedere che un immobile sia abusivo, ma accatastato, infatti per conoscere lo stato di un fabbricato occorre andare al Comune dove è ubicato per conoscere la sua regolarità urbanistica. Chi all’interno della casa ha spostato un tramezzo o una porta senza modificare un numero dei vani o la loro funzionalità non deve apportare nessuna variazione dal momento che non ci sono variazioni sostanziali. Chi per fare un lavoro ha presentato la DIA, ma non richiesto la variazione catastale, può mettersi in regola modificando la planimetria con la consulenza di un professionista. Se invece i lavori sono stati effettuati senza richiedere al Comune le dovute autorizzazioni, è possibile lo stesso mettersi in regola, purché non si tratti di veri e propri abusi edilizi che necessitavano una licenza edilizia e non di una semplice dichiarazione di inizio attività. Il permesso si può ottenere lo stesso sanando l’abuso se è disciplinato dalle norme edilizie vigenti.