Coltivazione rose

Coltivazione rose

Le rose fanno parte del grande gruppo di arbusti da fiore ed appartengono alla famiglia delle rosaceae. La maggior parte di esse hanno vistosi fiori con petali singoli mentre, le foglie sono in genere di un colore verde medio, verde scuro, lucido ed ovali con bordi finemente dentati. Le dimensioni sono variabili da 12 a 120 centimetri ed i fiori sono molto profumati. La maggior parte della varietà di rosa ama crescere in altezza ed a volte si arrampicano. Purtroppo questa pianta molto diffusa ed adorata da tutti è sensibile ad una serie di malattie e soprattutto ai parassiti, molti dei quali possono essere controllati con delle buone pratiche preventive e curative.

Le piante di rose amano ricevere il sole (almeno 6 ore al giorno) e preferiscono l'umidità e sostanze nutrienti. Quando si pianta un rosaio è importante lasciare ogni singolo ceppo ad una distanza ottimale di circa tre o quattro metri l’uno dall’altro per consentire ad ognuno di godere uno spazio adeguato, per favorire una buona circolazione dell'aria ed evitare le malattie fogliari. Prima di piantarle, è necessario lasciare le radici nude in acqua per diverse ore per assicurarsi che siano ben idratate. Anche la scelta di un terreno ben drenato svolge un ruolo importante nella coltivazione delle rose. Se il terreno è argilloso bisogna modificarlo con sostanze organiche. Quando si pianta, bisogna scavare una buca abbastanza profonda per dare sfogo alle radici. La buca va poi, ovviamente riempita con il terreno modificato dopodichè idratato con abbondante acqua fatta riposare il giorno prima.

rosa

Tropica - Rose di Jericho (Selaginella lepydophylla) - 3 tuberi XL in confezione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,95€


COLTIVAZIONE ROSE: LA CONCIMAZIONE

coltivazione rose Le piante di rose per essere coltivate hanno bisogno fondamentalmente di un terriccio misto; è importante prima di piantarle per non veder vanificato il lavoro di coltivazione, effettuare un test in grado di determinare il livello nutrizionale del terreno scelto. Se una o più sostanze nutritive sono scarse o assenti allora si provvede ad integrarle con concimi specifici. Se viene utilizzato un concime ricco di azoto, questo favorisce lo sviluppo delle fronde verdi e come in tutte le cose gli eccessi provocano danni; infatti se l’azoto è troppo elevato c’è il rischio che la pianta subisce un’eccessiva crescita di fogliame a discapito della gemma floreale. Per una buona concimazione del terreno è importante creare un suolo ben drenato, in grado di alimentare la pianta e nel contempo di far defluire l’acqua in eccesso in modo da evitare che le radici diventino fradice. Per questo motivo si consiglia la torba a tavolette o sminuzzata interrata ad una profondità di circa mezzo metro.


  • potatura delle rose Ogni qualvolta ci sceglie una casa, qualsiasi sia lo scopo per cui si commette quest' azione, si deve tenere in considerazione non solo il fatto che la pianta una pianta può essere un elemento decorat...
  • piante di rose il giardinaggio è un' occupazione molto amata e molto apprezzata, che permette di ottenere molti vantaggi dalla sua pratica, ma che comunque comporta alcuni svantaggi e qualche difficoltà, nonché l' a...
  • giardini Quando si ama la natura, e quindi anche le piante, spesso si è spinti a coltivarle, per varie ragioni: in primis per rendere migliore l’ estetica dell’ ambiente usufruendo dell’ immenso valore orname...
  • giardinaggio Il giardinaggio è un hobby molto amato dalle persone, anche perché si tratta di un passatempo che permette di occupare il proprio tempo libero traendone moltissimi vantaggi, non solo per se stessi e p...

10 pezzi. Quadrata quadrato, 11 x 11 x 12 cm di 4 pentole esagonale pentola vaso per fiori rose pentola vaso per

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,67€


COLTIVAZIONE ROSE: L’ACQUA

rosen generale, il suolo adatto per le rose dove essere annaffiato profondamente ma di rado e questo incoraggia la crescita sana delle radici. Anche durante l'inverno, l'irrigazione ci deve essere ma solo occasionalmente in quanto le piogge frequenti danno già abbastanza. Bisogna evitare durante l’innaffiatura di bagnare le foglie; tuttavia una volta alla settimana, una doccia con uno spruzzatore che nebulizza l’acqua è indicato per dare una pulizia a foglie e fiori senza essere troppo aggressiva. Questo trattamento non solo aggiunge acqua e umidità, ma cancella dalle foglie gli acari della polvere, la sporcizia, scaccia i ragni o altri insetti nocivi. Le rose dovrebbero ricevere da 25 a 100 litri di acqua a settimana. E’ tuttavia buona norma quella di somministrarne due o quattro volte a settimana, soprattutto se non ci sono precipitazioni. Se le piante di rose sono coltivate in cassette o vasi devono essere annaffiate frequentemente, perché l'acqua evapora più rapidamente rispetto alle piante interrate. Durante i cicli di crescita consigliamo di toccare il terreno con le mani per verificare la presenza di umidità. Se la mano è letteralmente asciutta è il momento di aggiungere dell’acqua.


COLTIVAZIONE ROSE: MALATTIE E RIMEDI

roseI tripidi sono piccoli insetti alati che attaccano molti tipi di piante e prosperano in luoghi caldi ed asciutti (come le case riscaldate). Essi possono moltiplicarsi rapidamente: una femmina può deporre fino a 300 uova in circa 45 giorni senza accoppiamento. La maggior parte dei danni alle piante è causato dalle larve che si nutrono di foglie tenere e tessuto floreale. Questa situazione porta ad una crescita distorta della pianta ed una prematura caduta dei petali. I tripidi possono trasmettere anche molti virus di origine vegetale dannosi alle piante. Per prevenire il proliferarsi di questi insetti e le conseguenti malattie bisogna innanzitutto tenere il rosaio ben igienizzato a cominciare dall’eliminazione di erbacce poi, periodicamente somministrare dei prodotti chimici consigliati da uno specialista di un centro di giardinaggio per tenere lontano gli acari sempre in agguato. Infine la questione luce: essa è la fonte vitale di tutti gli esseri viventi e l’assenza prolungata o totale può generare pericolose e dannose forme di funghi che in brevissimo tempo sono in grado di distruggere un rosaio di immense proporzioni. Anche in questo caso, la prevenzione (esposizione solare e concimazione) e l’eventuale profilassi (fungicidi azotati) possono salvarla da questi terribili nemici invisibili.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO