Cartapesta, le tecniche più conosciute

Cartapesta: di cosa si tratta

La cartapesta è un meteriale di antichissima origine, utilizzato per produrre oggetti, statue, maschere e persino vassoi e mobili. L'origine della cartapesta pare che si debba ai Cinesi nel 100 secolo d.c. per produrre scodelle o oggetti per la casa. La cartapesta è realizzata con materiali poveri: acqua, carta e colla; è facile da realizzare e non ha costi eccessivi. In Italia fu utilizzata, in epoca barocca, per realizzare bozzetti e modelli di statue, e oggi è divenuta celebre per la costruzione delle maschere di Carnevale e dei carri allegorici. Questo materiale trova ancora oggi largo impiego in Messico, Giappone, India, Pakistan e Kashmir per la realizzazione di piccole scatole, cofanetti o maschere. La cartapesta è un materiale ecologico ed è un modo originale per riciclare i giornali già letti. Se siete dei creativi green-friendly, la cartapesta è il materiale che fa per voi.

cartapesta tecnica

DoubleBlack Dell'orecchino Detentrice Esposizione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,98€


Cartapesta: la tecnica della macerazione

cartapesta oggetti La tecnica più nota per la realizzazione della cartapesta è quella che prevede la macerazione. La carta di giornale tagliata a pezzettini va messa in un recipiente ed immersa nell'acqua e nella colla vinilica. Dopo la macerazione di circa uno o due giorni, il composto va frullato in modo da ottenere un impasto grossolano. Dopo questa prima fase di macerazione, il composto frullato va scolato per eliminare l'acqua residua e lasciato riposare su un canovaccio finchè non sarà del tutto asciutto. Se l'impasto vi sembra troppo acquoso, potete aggiungere del gesso o della cementite per assorbire l'umidità in eccesso. Non appena il composto si sarà asciugato avrete pronta la vostra cartapesta. Questo procedimento richiede molto tempo a disposizione, ma quando sarà ultimato potrete usare la cartapesta per creare piccoli oggetti d'arredo unici ed originali e ne resterete sicuramente entusiasti.


  • cartapesta bambini La cartapesta è una tecnica di decorazione molto semplice da realizzare e usare in quanto impiega soltanto materiali poveri ed essenziali. Infatti si impregna la carta di giornale con colla vinilica o...

Art Plast 332 Pannello portautensili in plastica, Nero/Giallo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Cartapesta: la tecnica della macerazione, una variante

cartapesta uova Esiste anche un'altra variante del processo di macerazione per creare la cartapesta. La prima fase risulta essere identica: presi i fogli di giornale e riposti in un recipiente pieno d'acqua, vanno lasciati a macerare per uno o due giorni, facendo attenzione a non usare troppa acqua, altrimenti l'impasto risulterà troppo liquido. La novità rispetto alla lavorazione precedente, è l'ebollizione del composto. In pratica, la carta, dopo la macerazione, va fatta bollire in una pentola per circa venti minuti in modo da ammorbidire al massimo le fibre della carta. Fatto ciò, si procederà a scolare l'acqua in eccesso e a triturare il composto in un mixer. Successivamente, in una ciotola ponete tre cucchiai di gesso in polvere, due cucchiai di colla e tre cucchiai di olio di semi di lino e mescolare il tutto e dopo aver ottenuto un composto omogeneo, aggiungere tre cucchiai di colla da tappezziere. A questo punto la cartapesta è pronta per essere utilizzata. Ricoprite l'oggetto che volete rivestire e lasciatelo asciugare per due o tre giorni, o anche per una settimana, a seconda dello spessore della copertura.


Cartapesta, le tecniche più conosciute: tecnica senza macerazione

contenitore cartapesta Questa tecnica si adatta maggiormente per il rivestimento di oggetti d'arredo. L'oggetto da rivestire va coperto con della pellicola e successivamente con la cartapesta. Per realizzare la cartapesta si userà una tecnica più veloce, priva del processo di macerazione. Il giornale va tagliato a strisce, cercando di evitare le pagine con troppo inchiostro o titoli troppo in rilievo. In una ciotola, mescolare la colla vinilica e l'acqua e rivestire con questo composto, l'oggetto avvolto dalla pellicola. Successivamente, incollare le strisce di giornale sull'oggetto, e ripetere questo procedimento per ben cinque volte, in modo da rivestire l'oggetto con cinque strati di carta. Lasciare asciugare il prodotto, evitando l'esposizione al sole e prediligendo luoghi piuttosto ventilati. Per ultimare i vostri manufatti potete renderli impermeabili grazie ad alcune vernici o smalti, lucidi o opachi a seconda dei gusti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO