Conto termico

Dove viene applicato il conto termico

Tutti gli interventi oggetto di incentivo in merito agli impianti di climatizzazione, riscaldamento e di produzione di acqua sanitaria possono essere inerenti sia a tutti quelli che hanno come scopo la sostituzione di impianti già esistenti per la climatizzazione durante il periodo invernale con altri tipi di impianti che sono caratterizzati dalle caldaie a condensazione, sia a quelli che invece prevedono la produzione termica da parte di fonti energetiche che siano rinnovabili. In quest'ultimo caso si provvede sempre alla sostituzione di impianti esistenti con altri che risultano essere caratterizzati da pompe di calore, incluse anche quelle geotermiche.

I due interventi che sono stati descritti, sono pienamente fruibili da tutte le pubbliche amministrazioni, mentre per i privati, è possibile usufruire soltanto degli interventi della seconda tipologia.

Il calcolo dell'incentivo si basa su dei criteri ben precisi, a seconda della tipologia dell'intervento richiesto. Nel caso della prima tipologia, sono previsti dei limiti massimi per quanto riguarda la spesa soggetta ad incentivo, mentre per la seconda tipologia, non c'è alcun limite di spesa in merito all'incentivo stesso, a patto che la potenza termica installata non superi i mille kilowatt.

Conto termico

Lifetime-Home - Numero civico con illuminazione a 2 LED ad energia solare in acciaio inox

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,89€
(Risparmi 4,98€)


Categorie dell'incentivo del conto termico

incentivo del conto termicoVi sono due distinte categorie che possono essere ammesse all'incentivo riguardante il conto termico. La prima è costituita da tutte le pubbliche amministrazioni, includendo tutte le scuole di ogni ordine e grado, le aziende che appartengono allo stato, tutti gli enti locali, vale a dire le regioni, le province e i comuni ed infine tutti gli enti pubblici non economici a livello nazionale.

La seconda categoria è invece quella costituita da tutti i soggetti privati, ossia le persone fisiche, i condomini e tutti coloro che risultino titolari di reddito da impresa, ovvero gli imprenditori.

  • Fatture e bonifici Conto Termico Introdotto dal 12 dicembre 2012, il conto termico non è da confondere con una detrazione fiscale, come ad esempio la detrazione che riguarda il risparmio energetico oppure la detrazione per il risparm...
  • montaggio pannelli solari Spesso nelle conversazioni riguardanti gli incentivi per l'efficienza energetica degli edifici esistenti si citano i pannelli solari, il 65% e il conto termico, tuttavia non tutti sanno di che cosa si...
  • del risparmio energetico beneficia anche la natura Il risparmio energetico consiste nel risparmiare una certa quantità dell' energia che viene utilizzata quotidianamente dall' uomo per compiere tutte le sue azioni che ne comportano l' impiego. Ciò può...
  • pala eolica Da molto tempo ormai, sempre più persone scelgono di dedicare il proprio tempo libero al fai da te. Questo perchè riconoscono i molti vantaggi che il fai da te è capace di dare loro, le soddisfazioni ...

Tazza,Hipsteen Fotocamera Lente Musica Calendario Snooze Sveglia Orgoglio Con Proiettore Lampada Cielo Stellato Stelle

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,99€


Come si accede agli incentivi del conto termico

L'accesso al conto termico, in base a quanto stabilito dal decreto, è regolato in tre modalità. La prima è l'accesso diretto che viene consentito a tutti i soggetti beneficiari dell'intervento una volta che quest'ultimo sarà terminato. La richiesta dovrà essere presentata entro il termine di sessanta giorni dalla data in cui l'intervento può ritenersi concluso.

La seconda modalità consiste nell'iscrizione ai registri, la quale è obbligatoria sia per i privati che per le pubbliche amministrazioni nel caso in cui gli interventi in questione siano effettuati tramite generatori a biomassa o, in alternativa, pompe di calore che abbiano la potenza nominale che sia superiore a 500 kilowatt e che comunque non superi i 1000 kilowatt.

La terza modalità si riferisce invece alla prenotazione degli incentivi ed è ammessa prima che si verifichi la realizzazione degli interventi attinenti solamente ad edifici o proprietà immobiliari che appartengano alle pubbliche amministrazioni. Per tali prenotazioni, viene messo a disposizione dal GSE un modulo di domanda per il preventivo. In tal caso, il soggetto provvede a richiedere l'accesso agli incentivi ancor prima che l'intervento in questione abbia luogo, ma comunque dopo l'effettiva conclusione del contratto di rendimento energetico che è stato stipulato con ESCO.


Conto termico: Come si determinano gli incentivi

Per determinare gli incentivi del conto termico, si deve assolutamente tenere conto di alcuni parametri, vale a dire la potenza termica nominale, l'efficienza termica e l'area climatica oggetto dell'intervento che deve essere realizzato. Facendo un'accurata ricerca su internet, sarà possibile visualizzare delle apposite tabelle che riportano gli importi totali dell'incentivo, con esclusione degli incentivi, sempre che ci siano, riguardanti la diagnosi energetica e la certificazione energetica. Le zone climatiche, sempre per quello che riguarda la consultazione delle tabelle, vanno dalla A fino alla F. Maggiore sarà la potenza tecnica nominale, maggiore sarà l'incentivo, in particolar modo per la zona climatica F che di regola prevede l'incentivo più alto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO