Collettore solare fai da te

Quali sono le funzioni di un collettore solare fai da te

Realizzare un collettore solare fai da te consente di ottenere un buon risparmio energetico in quanto questo dispositivo serve per la produzione di acqua calda sanitaria senza dover alimentare la caldaia oppure un'altra fonte di calore. In questo modo è possibile ridurre le spese per l'energia elettrica oppure per il gas. In alcuni casi, ad esempio se si impiegano materiali certificati, è possibile detrarre le spese sostenute nella dichiarazione Irpef. Ci sono tanti modi diversi per costruire un collettore solare fai da te: la scelta dipende dalle proprie capacità manuali e dai bisogni che il dispositivo deve soddisfare. Per soluzioni sufficientemente grandi e performanti occorrono una serpentina, pannelli di lamiera, un telaio per supportare l'intera struttura, una matassa di fil di ferro, un saldatore a stagno, un piegatubi, un boiler e la cassa coibentata che deve costituire il fondo del pannello.
Esempio di collettore solare fai da te

Luci Solari Esterno OxyLED Luce Solare da Muro Dual Motion,Identificazione di Movimento a 210 Gradi,Lampada Wireless ad Energia Solare,Esterno Impermeabile con Sensore di Movimento,Illuminazione di Sicurezza per Esterni a 12 LED,5 Modalità Funzione per Parete,Muro,Giardino,Terrazzino,Cortile,Casa,Corridoio,Patio ecc 1 Pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€
(Risparmi 4€)


Come realizzare un collettore solare termico fai da te

Impianto con collettori solari Quando si realizza un collettore solare fai da te spesso si usano come riferimento le dimensioni dei normali pannelli fotovoltaici in commercio: in genere ha quindi una lunghezza di 2 metri e una larghezza di 1 metro. La lamiera tinteggiata di nero è la soluzione più economica per ottenere una superficie captante, anche se è possibile optare per una lastra di rame. Si può acquistare una serpentina in un negozio di bricolage oppure realizzare da soli questo strumento piegando una tubazione di rame con dn 14 o 16 usando un piegatubi. Inoltre la serpentina deve essere srotolata e fissata sulla lamiera forando la superficie captante in diversi punti. Successivamente si impiegano delle fascette oppure la matassa di fil di ferro per ancorare la serpentina: è fondamentale che l'elemento sia ben stretto e stabile. Il numero di punti di saldatura è variabile e cambia a seconda del peso e delle dimensioni della serpentina.

  • collettori solari I collettori solari termici sono costituiti da un pannello che cattura l'energia solare e uno scambiatore dove scorre un fluido termovettore collegato a sua volta ad un serbatoio di accumulo; da qui l...
  • Serie di pannelli solari I pannelli per solare termico utilizzano il calore del sole, fonte di energia rinnovabile, per riscaldare l'acqua per uso domestico, industriale o agricolo. Non richiedono né corrente elettrica né gas...

Intex 28685 Pannello Solare I.3

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,8€
(Risparmi 1,1€)


Come collegare il boiler al collettore solare

Collettore solare sul tetto Le prestazioni del collettore solare fai da te sono migliori se la serpentina aderisce il più possibile alla lamiera. Inoltre per aumentare la resa estetica del pannello si consiglia di applicare su tutta la superficie captante e sulla serpentina una mano di vernice nera, così da nascondere alla vista i punti di saldatura. A questo punto si inserisce all'interno di una scatola in legno (che deve costituire il fondo del pannello) uno strato isolante per la coibentazione del dispositivo. In genere si utilizza la lana di vetro oppure il compensato perché garantiscono buone prestazioni. Si devono praticare due fori nella struttura laterale della scatola, così da far fuoriuscire i capi della serpentina; inoltre occorre usare un contenitore con alte sponde laterali per alloggiare adeguatamente la lastra con il pannello. Infine si collega il boiler sia alla serpentina di rame che al sistema per la distribuzione dell'acqua calda sanitaria.


Collettore solare fai da te: con le bottiglie

Costruire collettore solare fai da te Tra le soluzioni a disposizione si ricorda quella che consente di fabbricare un collettore solare fai da te riciclando gli imballaggi, ad esempio cartoni di latte vuoti e bottiglie in PET. In questo modo si riescono a ridurre i consumi energetici e a realizzare un dispositivo attraverso il recupero creativo e il riciclaggio di materiali destinati alla discarica. Questo collettore solare fai da te funziona in base al principio della circolazione naturale, cioè al fatto che l'acqua viene messa in circolo sfruttando le sue diverse densità. In questo modo si realizza un movimento ciclico del liquido dal pannello collettore all'impianto domestico e viceversa. I materiali occorrenti sono 50 cartoni di latte vuoti, 60 bottiglie di plastica da 2 litri, connettori a T da 20 mm in PVC, un tubo di PVC 20 mm, un tubo in PVC largo 100 mm, tappi in PVC da 20 mm e 4 gomiti a 90° in PVC da 20 mm. Bisogna tagliare il fondo delle bottiglie e rivestirle con fogli di cartone nero; quindi si creano delle pile e si fa passare all'interno il tubo di PVC. A questo punto si uniscono le varie serie per creare il pannello da collegare al boiler per l'acqua corrente.



COMMENTI SULL' ARTICOLO