Centrali biomasse

Cosa sono le biomasse

Col nome di biomasse vengono identificate tutte le materie di origine organica quindi derivate dai processi della fotosintesi ad eccezion fatta per i combustibili o per tutti quei materiali derivati dal petrolio. Le biomasse comprendono un’infinità di prodotti come ad esempio gli scarti della lavorazione industriale o quelli prodotti dalle industrie che adoperano legname. Sono considerate biomasse anche i materiali reflui degli allevamenti dei bovini, gli oli vegetali, gli scarti delle lavorazioni forestali o i rifiuti organici urbani, talvolta le biomasse recuperate possono non bastare e in tal caso si provvede a creare piantagioni dalle quali attingere in caso di bisogno e spesso sono formate da miscanto e pioppo.

Il pregio più grande delle centrali biomasse è proprio quello di avere grandi quantità di materia prima a disposizione da trasformare in energia. Le risorse provenienti dagli scarti sono equamente distribuite su tutto il territorio e il ricorso alle apposite coltivazioni fino ad adesso è stato fatto solo in rari casi.

Nel 1997 da uno studio si settore è emerso come nel nostro paese si abbia una produzione di biomasse annua equivalente a 65 milioni di tonnellate provenienti soprattutto dagli scarti della lavorazione del legname e degli scarti agricoli. Se a questa cifra si somma quella delle biomasse prodotte dalle deiezioni raccolte nei vari allevamenti di equini, ovini, pollame e mucche si arriva ad una cifra che supera i 200 milioni di tonnellate annue.

Ovviamente se le centrali biomasse vengono istallate vicino alle fonti di approvvigionamento del combustibile il risparmio sarà ancora maggiore in quanto nei costi di gestione dell’azienda non graveranno le cifre relative al trasporto della materia prima.

biomasse

AngLink Mini Ventilatore USB con Clip e Batteria Ventilatore da Tavolo Rotazione di 360 ° | 4 velocità potente e silenzioso per scrivania ,auto,casa ufficio,viaggiare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


Diffusione delle centrali biomasse

centrali biomasse La diffusione delle centrali biomasse negli ultimi anni è in aumento grazie ad una maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale. Attualmente in Italia l’energia che viene ricavata da queste centrali è pari a 2500 megawatt e le biomasse più comunemente adoperate sono quelle costituite dagli scarti di lavorazione del legname e dei rifiuti organici urbani. La Danimarca e la Germania sfruttano questa tipologia di centrali in maniera più intensiva grazie anche a una legislazione che ne favorisce la loro istallazione. Il paese che più ricava energia dalle biomasse è proprio la Danimarca nonostante abbia un territorio assai limitato.

  • L'impianto eolico nel giardino di casa Negli ultimi anni l’attenzione mediatica in tema di energie pulite si sta incrementando con sempre maggiore convinzione. Senza dubbio occorre tener presente che si tratta di un argomento di enorme imp...
  • energia eolica fai da te Negli ultimi tempi la diffusione dell’impianto eolico verticale fai da te rappresenta un fenomeno di certo non più trascurabile. Ad onor del vero la diffusione del concetto di impianto eolico vertical...
  • Alcune note L’energia dal sole rappresenta oggigiorno una delle migliori e più interessanti fonti di energia per una lunga serie di ragioni. In primo luogo, come precisazione di base, dobbiamo comprendere che qua...
  • Alcune note I tetti fotovoltaici integrati rappresentano un elemento di paesaggio, se poi è giusto definire i tetti fotovoltaici integrati come un elemento paesaggistico o comunque come un elemento che nonn può n...

Luci Solari OxyLED Luce Solare da Muro Dual Motion Identificazione di Movimento a 210 Gradi Lampada Wireless ad Energia Solare da Esterno Impermeabile con Sensore di Movimento Illuminazione di Sicurezza per Esterni a 12 LED 5 Modalità Funzione per Parete, Muro, Giardino, Terrazzino, Cortile, Casa, Corridoio, Patio ecc 1 Pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€
(Risparmi 4€)


Vantaggi delle centrali biomasse

Vantaggi centrali biomasse Le centrali biomasse presentano una serie di vantaggi non trascurabili rispetto alle classiche centrali che adoperano il petrolio e i suoi derivati per produrre energia elettrica. Infatti adoperare biomasse permette di non produrre inquinamento poiché il carbonio che si sprigiona dalla loro combustione appartiene al naturale ciclo del carbonio e a lungo andare non influisce sulle variazioni di carbonio nell’atmosfera, cosa che non accade se viene combusto il petrolio o il gas naturale. Proprio per questa motivazione le centrali biomasse hanno effetti benefici relativi al contenimento del riscaldamento globale. Rispetto ad altre fonti di energia rinnovabile come quella solare o eolica, quella prodotta dalle biomasse risolve il problema della discontinuità e dello stoccaggio. Per quanto riguarda lo stoccaggio dell’energia il problema viene risolto producendo solamente corrente in grado di soddisfare le richieste e la materia prima viene stoccata come il comune combustibile fossile. La continuità di erogazione è permessa da un costante rifornimento di biomasse da lavorare. Le centrali biomasse hanno efficienze molto elevate in base alle tecnologie che vengono adoperate. Ad esempio quelle chiamate a fluido lento possono avere un’efficienza addirittura pari al 90% e può essere migliorata ancora grazie alla continuità di erogazione dell’energia.


Centrali biomasse: Svantaggi delle centrali biomasse

Le biomasse hanno un potere calorifico molto inferiore rispetto ai combustibili fossili quindi per avere lo stesso quantitativo di energia prodotto dai derivati del petrolio è necessario adoperare un quantitativo tre volte maggiore di combustibile.

Altro svantaggio delle biomasse è che contengono elevate percentuali di umidità residua che devono essere eliminate attraverso processi laboriosi e costosi prima di essere combuste.



COMMENTI SULL' ARTICOLO