Forme di inadempimento del conduttore

Legge 392/78: disciplina sulla locazione di immobili

Il D.L. 392/78 è senza dubbio quello più importante, che regola la locazione di immobili urbani ad uso abitativo, definendone durata, modalità e principali cause che determinano la risoluzione del contratto. Fra le varie forme di inadempimento del conduttore la più frequente risulta essere la morosità. La totale o parziale inadempienza nel pagamento del canone di locazione entro la data stabilita è una delle principali cause di risoluzione del contratto. Occorre precisare che il mancato pagamento del canone o la sua riduzione per cause ritenute imputabili al locatore è sempre dichiarata illegittima, anche nel caso in cui il locatario lamenti una riduzione o una diminuzione nel godimento del bene imputabile al proprietario. Le azioni da intraprendere dall'inquilino per tutelare i propri diritti sono quelle previste dalla legge.

inadempimento del conduttore

dealglad® 12 Home mur plafond Glow in the Dark Moon Étoiles fluorescent lumineux mur autocollants 3D pour décoration bébé enfant Chambre

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Inquilino ritardatario o moroso?

regole affitti La risoluzione del contratto di locazione può avvenire, in base all'articolo 1455 del Codice Civile, quando la morosità arrivi ad un importo pari a due mensilità. Al raggiungimento di questa precisa soglia il conduttore non può più per legge essere considerato solo ritardatario, ma assume la posizione di moroso. In questo preciso caso il proprietario potrà procedere con lo sfratto in base all'articolo 658 e seguenti del Codice Civile, oltre a cercare di recuperare le somme non corrisposte con una procedura di ingiunzione. Ovviamente questa disposizione di legge può essere sostituita da un accordo bonario fra le parti quando, ad esempio, il proprietario dell'immobile sia a conoscenza della difficoltà temporanea dell'inquilino ed esprima la sua intenzione di attendere e rimandare ulteriormente l'incasso del canone di locazione.


  • contratti di locazione Nel momento in cui si stipula un contratto di locazione, il locatore si tutela nei confronti del conduttore qualora questi non dovesse pagare i canoni alla scadenza, non usasse un comportamento decoro...
  • Contratto di locazione La locazione è un contratto di natura consensuale tra due o più soggetti con il quale una parte (il cosiddetto "locatore") si impegna a cedere il proprio immobile all'altra parte (il cosiddetto "condu...
  • contratto di locazione La disposizione di cui all'art. 1571 del codice civile individua quelle che sono le caratteristiche del contratto di locazione, definendo quest'ultimo come il contratto con il quale una parte si obbli...
  • contratto locazione uso foresteria Secondo le norme che regolano il contratto per uso foresteria, l'affittuario è una società - che può essere una srl oppure una spa - che prende in locazione l'appartamento per destinarlo ai suoi dipen...

3x Cover Huawei P9 Lite Silicone, Custodia Morbido Trasparente Ultra Sottile Molle di TPU - MAXFE.CO Case TPU Gel Ultra Sottile Cassa Protettiva - fiori Totem, strisce colorate

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€
(Risparmi 6€)


Obblighi del locatore nel contratto di locazione

inadempimento del conduttore L'articolo 1587 e seguenti del Codice Civile definiscono con estrema chiarezza quali sono gli obblighi che derivano, in linea generale, al conduttore da un contratto di locazione. Innanzitutto vi è l'obbligo di prendere in consegna l'immobile locato ed utilizzarlo con la diligenza del buon padre di famiglia, destinandolo all'uso per il quale è stato preso in locazione, di non deteriorarlo e restituirlo, alla scadenza del periodo stabilito, nello stato in cui l'ha ricevuto salvo il normale deterioramento d'uso. Il mancato rispetto di queste disposizioni legislative è da intendersi come forme di inadempimento del conduttore. Sarà poi il Giudice, su esplicita richiesta del proprietario, a stabilire se si tratta di forme così gravi da determinare la risoluzione del contratto di locazione. Anche la forma di intervento del Giudice è disciplinata da normative di legge. Il D.L. 28/2010 stabilisce che si debba procedere preventivamente ad un tentativo di mediazione obbligatoria fra le parti. Proprio la mediazione obbligatoria per legge nel caso di forme di inadempimento del conduttore riesce molto spesso ad ottenere risultati migliori di una sentenza. Mentre infatti un giudizio potrebbe solo aumentare l'attrito fra proprietario e conduttore, una soluzione frutto di mediazione riesce molto spesso a stemperare i risentimenti fra le parti e portare al raggiungimento di un accordo.


Forme di inadempimento del conduttore previste nel contratto

inadempimento del conduttore Il contratto di locazione generalmente richiama le principali forme di inadempimento del conduttore, citando anche i decreti Legge di riferimento. Oltre alla morosità nel pagamento del canone di locazione e degli oneri accessori e all'uso a cui destinare il bene locato, tuttavia può prevedere altre cause che però devono sempre risultare conformi alla normativa. Il proprietario di un immobile non potrà mai, ad esempio, definire forma di inadempimento del conduttore la decisione di tenere, all'interno del proprio appartamento, un animale domestico. Questa precisazione ed imposizione risulterebbe infatti non conforme alle disposizioni di legge che sancisce l'impossibilità di proibire la detenzione di animali domestici anche nei regolamenti condominiali. Ne risulta pertanto che una clausola di questo genere inserita nel contratto di locazione sarebbe da considerarsi inapplicabile e completamente priva di effetti giuridici.




COMMENTI SULL' ARTICOLO