Concimazione vigneto

Perchè conoscerla:

Il giardinaggio è un hobby molto diffuso, che permette di ottenere moltissimi vantaggi a chi lo pratica. Grazie ad esso, infatti, è possibile imparare a prendersi cura delle proprie piante, e più in generale, della natura stessa, apprendendo non solo le tecniche che ci consentono di aiutarle a migliorare le proprie condizioni, a produrre di più e ad essere più sane e più belle, ma anche imparando come rispettarle e proteggerle da enti esterni che potrebbero danneggiarle e dalle quali, purtroppo, esse non hanno nessun potere. Da tutte queste operazioni, ovviamente, non solo le piante risultano migliorate: la loro salute rappresenta qualcosa di positivo per tutti. In primo luogo, delle piante sane sono sicuramente molto rigogliose per quanto riguarda produzione di foglie e di fiori, per questo sono molto belle dal punto di vista estetico: questo consente loro di conservare quell' immenso valore ornamentale che da sempre possiedono, e che spesso ha fatto di questi veri e propri esseri viventi, degli "elementi" scelti anche e sopratutto per migliorare l' estetica dell' ambiente. In secondo luogo, aumenta la loro produzione anche dal punto di vista di frutta, verdura o spezie, e pertanto l' uomo può assaporare i frutti delle proprie piante, ottenendo quindi dei prodotti che sono sicuramente sani e sicuri, in quanto coltivati con le proprie mani.

Per portare una pianta al massimo della sua forma, ovviamente è necessario destinarle tutte le cure di cui ha bisogno, in modo tale da fornirle il giusto apporto di sostanze nutritive e di acqua di cui necessita, e di privarla invece di quegli elementi inutili o dannosi che potrebbero ostacolare la sua crescita sana o la sua produzione.

E' quindi importante, quando ci si accinge a comprare una pianta, informarsi su quali sono le pratiche colturali da destinarle e, in particolare, su come le devono essere date.

Una pianta che è possibile scegliere per la coltivazione "casalinga" è la vite, che può essere sia coltivata in un vigneto vero e proprio, che in un frutteto di discrete dimensioni, che su un pergolato, dove è possibile sottolineare anche il suo valore ornamentale.

vigneto

Dermazoto, agriazoto (cuoio torrefatto) (25 kg)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22€


Cos'è:

vigneto file La vite è una pianta arborea rampicante che, quindi, durante la sua crescita, per mantenersi eretta, si attacca a dei sostegni o in modo naturale o in modo artificiale. Nel primo caso, ella può sia attaccarsi al terreno che agli alberi o a pareti rocciose. Nel secondo caso, invece, è l'agricoltore ad assicurarla a dei tutor adeguati, come ad esempio reti di ferro o plastica o anche di legno.

Questa pianta possiede un fusto, individuabile fra i moltissimi rami che gli crescono intorno, detti tralci, grazie al suo spessore, che si presenta più spesso di questi ultimi. Le foglie sono dette pampini, hanno una forma a cuore, ma presentano cirque lobi principali. Sono semplici e alterne.

I frutti che è possibile ricavare dalla vite sono composti da gruppi di bacche chiamate acini, che, appunto, vengono raggruppati in grappoli. Essi possono essere di vario colore: giallo- verdastro, viola o bluastro e sono composti da un esocarpo (buccia) pruinoso, un mesocarpo (polpa) ricco di succo ed un endocarpo (vinaccioli), che è costituito da un gruppo di cellule che proteggono i semi. Dalla polpa di questi frutti, noti con il nome di "uva", viene ottenuto il mosto, dal quale poi viene prodotto il vino.

  • ciliegio La scelta di occuparsi di giardinaggio deve essere ponderata e conseguente ad una vera e propria passione per il mondo delle piante e della natura in generale. Generalmente, le piante sono viste dai p...
  • aglio Molto spesso si sceglie di coltivare delle spezie o delle verdure con il metodo del fai da te, quindi all' interno della propria casa o nel proprio cortile, creandosi un piccolo orto o un piccolo frut...
  • coltivare agrumi Ogni volta che ci si dedica a dei lavori di fai da te3 si sceglie di unire l' utile al dilettevole, e questo è possibile anche scegliendo di optare per la scelta del giardinaggio. Tramite quest' ultim...
  • basilico Ogni qualvolta ci si dedica al giardinaggio, si sceglie di compiere una scelta con cui è possibile unire l' utile al dilettevole. Infatti, attraverso la pratica del giardinaggio è possibile prendersi ...

5Pcs Tasche Di Impianto Giardinaggio Planter All'aperto Grow Borse, Pianta Che Cresce Borse Fiore Di Verdure Aerazione Piantatura Pot Contenitore Interni Esterni Giardinaggio Piante Pouch Con Le Maniglie ( 1/2/3/5/7/10 Gallon ) ( dimensione : 10 Gallon )

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Pratiche colturali:

Il periodo migliore per piantare la vite, innanzitutto, è tra gennaio e febbraio. Le piantine possono essere acquistate nei consorzi agricoli o presso un vivaio, oppure è possibile ottenere dei tralci da agricoltori e iniziare la coltivazione della vite con un trapianto a telea.

Prima di mettere a colture le piantine di vite, bisogna dapprima fertilizzare il terreno. Per questo, esso va smosso con la zappa o la motozappa, a seconda della grandezza del terreno, e va fertilizzato con l' aggiunta di stallatico maturo. Successivamente, il terreno va lisciato completamente e compattato.

A questo punto, bisogna determinare le buche all' interno delle quali verranno inserite le piantine: in genere esse vanno distanziate 80 cm l' una dall' altra, mentre i filari vanno distanziati di 2-2,50 metri.

A questo punto, le piantine vanno inserite nelle buche, e ricoperte con il terreno fino alla sommità delle radici.

In inverno, in genere, le annaffiature non sono necessarie, mentre in estate è possibile effettuarle due o tre volte alla settimana, quando però non è ancora alto il sole o quanto è già tramontato.

Per quanto riguarda la potatura, bisogna provvedere a rimuovere tutti i tralci affetti da malformazioni o infezioni, o che possano ostacolare la crescita delle altri pianti della pianta.

Da ricordare è di eliminare eventuali erbacce infestanti che potrebbero causare dei problemi alla vite.


Modalità di concimazione:

uva La concimazione per un vigneto è un' operazione molto importante, in quanto poi è da essa che verrà determinata la buona riuscita, o meno, della produzione della pianta. E' anche in base alla concimazione che viene determinato il livello di salute e quindi anche la potenzialità in materia di produzione delle piante.

Ma a cosa serve la concimazione? Perchè effettuarla? Secondo alcuni, infatti, non c'è cosa più potente della natura stessa, per cui una qualsiasi pianta può essere lasciata al suo destino ed essere comunque capace di produrre frutti sani e saporiti. Questo è vero, ma solo in alcuni casi, ovvero quando le condizioni ambientali del luogo sono favorevoli allo sviluppo di quel determinato tipo di pianta, e sempre e solo fino a quando quest' ultima non viene attaccata da parassiti e batteri vari.

L' obbiettivo della concimazione, invece, è quello di fare in modo che la pianta sia non solo più generosa dal pinto di vista della produzione, ma anche che la produzione stessa sia caratterizzata da una qualità superiore rispetto ai frutti ottenuti da pianta non concimate. Infine, bisogna comunque tener sempre conto che una buona concimazione attribuise alla pianta una maggiore resistenza alle avversità biotiche, ovvero a stress, condizioni atmosferiche avverse, presenza di parassiti ecc.

Ma quali devono essere i requisiti che deve avere un buon concime per il proprio vigneto?

Quest' ultimo deve essere provvisto di Azoto (N), Fosforo (P) e potassio (K). Il primo aiuta la pianta a migliorare e a potenziare la propria attività vegetativa, quidni anche la propria produzione, in modo che quest' ultima avvenga più velocemente e in maniera maggiore, sia dal punto della quantità che della qualità. Non bisogna somministrare alla pianta poco azoto, in quanto questo determinerebbe una produzione scarsa, ma non bisogna nemmeno eccedere, cosa che porterebbe alla produzione di frutti di scarsa qualità. Il forforo serve invece a potenziare le difese della vite, mentre il potassio è necessario per mantenere un equilibrio acido nel vino.

Eistono tre tipi di concimazione: concimazione di impianto, di allevamento, e di produzione.


Concimazione da impianto:

La concimazione di impianto è una coltivazione il cui scopo è quello di preparare il terreno ad ospitare le piante e a fornire loro, in un momento delicato, tutti gli elementi nutritivi e le sostanze di cui necessita, oltre che a possedere tutte le caratteristiche necessarie per mantenere le loro radici in perfetta salute. Pertanto, nella concimazione ad impianto, il terreno viene cosparso di letame maturo. Quest' ultimo, a sua volta, va coperto con uno strato di terreno, attraverso l' utilizzo di una vanga. In alternativa, è anche possibile preparare direttamente le buche per il terreno e inserire al loro interno lo stallatico, per poi ricoprire quest' ultimo con il terreno sottratto per la creazione della buca successiva e così via. In genere, per ricoprire di stallatico un ettaro di terreno, bisogna munirsi di 15 quintali di concime, anche se è possibile utilizzare un concime di sintesi ben bilanciato, e in questo caso bastano 3- 4 quintali. Se l' impianto è previsto per la fine dell' inverno, la concimazione va effettuata durante l' autunno precedente, in modo che il letame possa decomporsi e cedere al terreno i suoi componenti nutritivi.


COncimazione da allevamento:

La concimazione di allevamento viene praticata dalla messa a dimora delle piante fino alla loro maturità. In dipendenza al periodo in cui viene effettuato l' imipanto, si procede con l'utilizzo di un determiantotiop di vigheto. Se avviene, ad esempio, a fine inverno, bisogna proseguire con una concimazione a base di azoto, che va iniziata appena dopo l' impianto, trascorsi due giorni. In autunno, invece, si provvede alla somministrazione di un concime avente tutti e tre i principi (azoto, fosforo e potassio) in maniera equa. Tuttavia, per sapere di cosa necessita il terreno e quindi per comprendere quali sono in realtà le vere esigenze del terreno, è opportuno condurre a termine un' analisi del suolo, in modo da capire quale di questi tre elementi devono essere somministrati in maniera maggiore e quali in maniera minore.


Concimazione vigneto: Concimazione di produzione:

La concimazione di produzione viene divisa in tre interventi, si cui due deve essere eseguito durante la stagione vegetativa, e uno durante la stagione autunnale. I primi due interventi devono avvenire utilizzando un concime a base di azoto, mentre l' ultimo deve essere eseguito con un concime a base di fosforo e di potassio. Dei primi due interventi, inoltre, uno fa eseguito durante la primavera, erso la fine di gennaio e l' inizio di febbraio, in modo che il terreno sia pronto per aiutare la pianta nel nuovo periodo vegetativo. Il secondo va invece eseguito verso la fine della primavera, ovvero verso la fine di maggio e l' inizio di giugno, in modo tale da somministrare alla pianta tutti i principi nutritivi di cui necessita per condurre a termine una buona fruttificazione. In genere, per eseguire questa concimazione, risultano essere necessari circa tre quintali di concime di sintasi per un ettaro di tererno.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO