Tetto ventilato

Tetto ventilato

Una delle soluzioni più apprezzate è quella del tetto ventilato. Questa scelta a dire il vero non è propriamente libera se si decide di realizzare un tetto a falde di qualsiasi tipo, dal momento che è la legge UNI 9460 a decidere in tal senso.

Al fine di un corretto processo d'isolamento del proprio soffitto è necessario realizzare, lungo tutta la falda, un'intercapedine ben areata, il che riuscirà a migliorare notevolmente le prestazioni dello strato termoisolante. Tale scelta comporta un risparmio energetico del 40%.

costruzione tetto ventilato

Xtratherm tetto pannello isolante 100 mm x 1200 mm x 2400 mm – Pannello isolante PIR ad alte prestazioni per tetti. Utilizzando Xtratherm thin-r XT/PR su tetti inclinati, né ibrido con membrana di sfiato (non ventilato) o tradizionalmente ventilato, offre la massima efficienza u-values con poca nello spazio prezioso Living.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 67,23€


Caratteristiche

A dire il vero realizzare un tetto ventilato non è un'operazione complessa, dal momento che non è affatto necessario ricostruire l'intera struttura, bensì ci si dovrà limitare a rifarne soltanto una sezione. Questo particolare tipo di struttura prevede la sovrapposizione di un gran numero di strati, tutti composti da materiali differenti. L'elenco, partendo dal basso, si compone in questa maniera:

1) la struttura di base, ovvero portante

2) una barriera per contrastare il vapore

3) uno strato per isolare il freddo e il caldo

4) una guaina che riesca a contenere sia l'acqua che l'aria

5) un manto che funga da ultima copertura

Lo strato atto alla ventilazione dev'essere posto tra il manto finale e la precedente guaina.

I metodi d'intervento in casi del genere sono svariati, ma quello più adoperato si esplica con l'aggancio dei cosiddetti elementi di tenuta, un comune esempio sono le tegole, a un'orditura che sia adeguatamente forata. In questo modo si otterrà una corretta ventilazione al di sotto dello strato delle tegole.

Lo spazio d'aria lasciato di proposito favorirà di gran lunga le condizioni interne, dal momento che in estate si formano i moti convettivi, i quali riescono a contrastare la formazione di una fastidiosa cappa di calore proprio al di sotto lo strato di copertura. Durante l'inverno invece essi contrastano la formazione di umidità che, col passare del tempo, genera condensa, la quale può danneggiare sia le strutture portanti che lo strato isolante.

  • Copertura tetto ventilato Il tetto ventilato può essere una soluzione da prendere seriamente in considerazione quando si ha intenzione di rendere abitabile un sottotetto. E' una situazione molto frequente in edilizia, dal mome...
  • Quando ci si occupa del fai da te, spesso e volentieri ci si può trovare a doversi occupare del proprio giardino o dell’ allestimento anche esterno della propria casa. La tettoia rientra sicuramente n...
  • Copertura tetto Il tetto è la parte la parte finale di un immobile. In genere, il tetto coincide con l’ultimo piano dell’edificio e si compone di una struttura portante detta “sistema tetto” e di una parte protettiva...
  • isolamento termico tetto La soluzione che spesso viene adottata è quella pratica dell'innalzamento del livello della temperatura interna, che però non porta ad altro se non a un consumo incredibile d'energia. La soluzione più...

Sottocolmo ventilato, 5 metri di Rotolo di alluminio per l'areazione dei colmi dei tetti … (Rosso Mattone)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,6€


Vantaggi estivi

tetto ventilato Nel corso dell'estate è normale che le alte temperature e l'effetto costante dei raggi solari portino a un surriscaldamento dello strato d'aria che s'incanala nello strato intermedio al di sotto delle tegole. Tutto ciò crea uno sbalzo di temperatura notevole rispetto allo spazio circostante, che provoca in breve tempo delle correnti ascensionali, che conducono poi l'aria surriscaldatasi al di fuori, passando dal colmo, facendo invece entrare, attraverso la gronda, l'aria più fredda. Questo spostamento d'aria fa in modo di ridurre il calore che viene generato dalle tegole, a più stretto contatto con gli agenti atmosferici, che grava ovviamente sull'ambiente presente al di sotto, ovvero sul resto dell'abitazione, attraverso la ventilazione, dal momento che esse non rientrano tra gli elementi che confinano con la coibentazione. Tenendo presente che, nei momenti più caldi delle giornate estive, le tegole possono raggiungere temperature fino a 80 gradi.


Vantaggi invernali

tetto ventilatoNel corso della stagione invernale invece la gran differenza di temperatura tra l'interno dell'abitazione e l'esterno porta alla formazione di vapore acqueo, che spinge per fuoriuscire dalla struttura, portando inevitabilmente alla comparsa di condensa a causa della presenza di vari strati di coibentazione. In questo caso lo spazio atto alla ventilazione porta a un rapido smaltimento del vapore creatosi e a una migliore distribuzione del calore generatosi all'interno.


Considerazioni finali

Lo spessore di cui dev'essere dotato lo spazio atto alla ventilazione varia a seconda delle caratteristiche del proprio tetto, dalla pendenza e dalla lunghezza della falda, dal tipo di copertura e, non di certo meno importante, dalle tipiche condizioni meteo del luogo in cui sorge l'abitazione. Una caratteristica necessaria è l'assenza totale di listellature trasversali, dal momento che ostruiscono il flusso ascensionale.

Le prese d'aria non devono essere inoltre in corrispondenza del colmo, interrompendo così la copertura e provocando delle infiltrazioni d'acqua, che possono col tempo annullare del tutto l'effetto dello strato isolante dell'intera struttura.




COMMENTI SULL' ARTICOLO