Cartongesso curvo

vedi anche: Cartongesso

Cartongesso

Il cartongesso è un materiale molto utilizzato per delle opere edili di differente tipologia, grazie alle sue doti, tra cui la grande economicità e la facilità di lavorazione.

Si tratta di un materiale adatto a moltissimi tipi di superficie ed essendo molto flessibile si presta bene anche per superfici curve, come volte e soffitti a cupola o pareti curve che danno movimento all’ambiente. Col cartongesso curvo sono stati realizzati recentemente spettacolari controsoffitti "ad onda", con lastre sagomate e curvate, applicate su orditure, ondulate a loro volta, con l’aiuto del taglio laser.

soffitto con cartongesso curvo

PARASPIGOLO FLEX CORNER CURVO IN CARTA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,73€


Cartongesso curvo

soffitto con cartongesso curvo Per ottenere dei buoni risultati nei lavori con cartongesso curvo vengono in genere utilizzate lastre di uno spessore dai 6 ai 10 mm. e del peso di circa 5 kg, pressoché la metà di quelli normali. Nonostante il materiale sia così sottile esso presenta una grande resistenza alla flessione.

Gli elementi naturali del cartongesso lo rendono un materiale decisamente ecologico, con proprietà sia idrofughe che ignifughe, con una resistenza al vapore acqueo ed all’umidità molto elevata, può essere insonorizzante, fonoisolante ed anche antimuffa.

La particolarità del cartongesso è che esso risulta particolarmente semplice da modellare e da lavorare e non richiede l'utilizzo di attrezzi poco comuni.


  • Cartongesso curvo Per costruire una struttura curva in cartongesso dovete procurarvi un sostegno metallico curvabile e snodabile detto vertebra con i relativi montanti. Oltre a questo prendete: una veletta, pannelli di...
  • cartongesso Il cartongesso è un materiale molto leggero e facilmente maneggiabile, pertanto molto diffuso nell' edilizia. E' costituito da gesso di cava, un materiale facilmente reperibile, compresso tra due fogl...
  • parete attrezzata in cartongesso Come si può facilmente dedurre dal nome, il cartongesso è ottenuto dal gesso minerale, un materiale molto diffuso nel campo dell’ edilizia fin dai primi tempi dell’ architettura, e infatti molte sono ...
  • libreria in cartongesso Il fai da te include moltissime occupazioni, adatte a qualsiasi persona, che spaziano dal giardinaggio, alla creazione di piccoli bijou, alla modifica di oggetti e strutture. Si tratta di operazioni c...

Klingspor, Disco da taglio A 24 N, 230 x 6 x 22,23 mm, curvo, 10 pz.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 89,43€


La struttura portante per cartongesso curvo

montaggio cartongesso curvo Per poter realizzare delle opere in cartongesso curvo, per prima cosa, è necessario preparare la struttura di sostegno, utilizzando profili pieghevoli.

L’intelaiatura sottostante il cartongesso è il supporto che guida la curvatura della parete o del soffitto. Se vogliamo realizzare un soffitto a volta, dobbiamo posizionare due profilati flessibili e uguali che si intersecano nel mezzo formando due archi incrociati.

La struttura portante dei controsoffitti curvi, è costituita da una struttura primaria di profilati in lamiera zincata, posta lungo la struttura di sostegno, che dà continuità nella curvatura, a cui si aggiunge una struttura secondaria perpendicolare di profilati a vertebra con ganci ad incastro. I profilati a vertebra andranno ancorati ad un plafone grazie a dei tiranti metallici ed a degli appositi tasselli. Ci saranno anche dei profili da installare lungo tutto il perimetro del controsoffitto.

La struttura primaria verrà poi rivestita con le lastre di cartongesso di piccolo spessore, che andrà fissata con delle viti.

Per quanto riguarda la struttura per le pareti curve, esistono delle speciali guide metalliche già sagomate, le quali possono essere modellate secondo molteplici forme. Esse mantengono la forma prescelta nel tempo e non hanno bisogno di altri supporti per mantenere la rigidità.


La curvatura del cartongesso

parete in cartongesso curvo In generale si possono acquistare dei modelli di lastre da circa 5 mm che si piegano normalmente, oppure lastre un po’ più spesse da piegare bagnandole su un lato. La lastra una volta piegata deve essere lasciata in forma almeno una notte. Per prendere bene le misure dobbiamo calcolare il raggio di curvatura, l’altezza e larghezza del semicerchio. Se vogliamo realizzare piccoli angoli possiamo comprare delle lastre già predisposte con intagli sul retro, che permettono curvature a piccolo raggio. Per curvare il cartongesso senza rompere la lastra, si pratica una serie di incisioni ravvicinate sulla lato posteriore.

La curvatura viene riportata, prendendo precisamente le misure, su un cartoncino che fungerà da matrice per riprodurre la stessa curvatura sul cartongesso. Assieme ad essa andranno riportati sul cartoncino anche i lati perpendicolari della muratura. La dimensione della lastra deve essere scelta in base al raggio della curvatura. Il profilo curvo deve essere modellato a mano. Ci sono fondamentalmente due tecniche per curvare le lastre: a secco o a umido.


Curvatura cartongesso

parete curva in cartongesso Nel caso di curvatura a secco, si utilizzano lastre abbastanza sottili che si piegano facilmente. In alternativa si possono far fare su misura tutte le curve in cartongesso e poi applicarle direttamente. La stuccatura e la verniciatura faranno scomparire l’effetto poligono che altrimenti sarebbe visibile.

Nel caso di curvatura ad umido, per evitare che durante la fase di curvatura la lastra possa rompersi, si inumidisce solo la parte della lastra che subisce la pressione mentre l’altro lato viene lasciato asciutto.

Il lavoro prosegue stuccando i giunti e gli angoli, Le stuccature andranno poi carteggiate per poi rifinire il lavoro tinteggiando e decorando la parete. Prima di pitturare si consiglia sempre di dare una mano di pittura isolante, che consentirà di rendere uniforme la pittura definitiva. Il risultato migliore si ottiene con almeno due mani di pittura.



Guarda il Video




COMMENTI SULL' ARTICOLO