Trattamento cotto

Perchè trattare il cotto:

Attraverso il fai da te è possibile sia costruire delle strutture che ristrutturarle, cosa che permette a tutti di ottenere un lavoro edile con una piccola spesa ma, allo stesso tempo, con un risultato molto soddisfacente. E’ quindi possibile occuparsi di pavimentazioni, di ristrutturazione delle pareti, di creazioni di nuove strutture ecc. Ma, poi, non bisogna dimenticarsi che tali strutture hanno anche bisogno di accorgimenti da dare loro nel corso del tempo per garantirgli una maggiore durata nel tempo e una maggiore resa estetica e funzionale, sempre. Tali trattamenti sono quindi necessari anche al fine di evitare dei problemi che possono causare altre spese e altri lavori, quindi è bene che tutti spendano un po’ di tempo a prendersi cura della propria casa o delle proprie strutture con queste operazioni di manutenzione. Si tratta di operazioni molto semplici, che tutti possono eseguire senza troppi problemi, anche giorno dopo giorno. Attraverso il fai da te è anche possibile occuparsi di tutte queste operazioni di manutenzione di determinate strutture, prendendosi appunto cura della propria casa, del proprio ufficio o di qualsiasi altra struttura attraverso operazioni da eseguire con le proprie mani. Affinchè queste siano davvero efficaci, però, è necessario che siano eseguite con cognizione di causa.

Il cotto è un materiale molto scelto per la pavimentazione. Innanzitutto, bisogna dire che il cotto è un materiale ottenuto dalla cottura e dal raffreddamento di un impasto di argilla e di acqua. Si tratta di un materiale poroso, molto duro e resistente anche ai forti carichi, che può essere sia ruvido che liscio. In genere non assorbe facilmente le macchie, né si rovina facilmente, né si rompe a causa dei forti pesi o di urti notevoli. Anzi, spesso è scelto proprio per la sua robustezza e la sua capacità di resistere anche a forti sollecitazioni. Ma, ovviamente, non bisogna dimenticare che anch’ esso è un materiale che, seppur molto lentamente, è soggetto all’ usura, e che può assorbire macchie. In genere, il problema del cotto è quello di sembrare costantemente opaco, privo di lucentezza. E’ particolarmente indicato per i luoghi rustici, in cui riesce a dare sempre quel sapore di antico e quel calore che solo pochi colori riescono a dare. Tuttavia, con il tempo può perdere molto del suo tono, divenire spento e soggetto a graffi, sporco, macchie ecc. Bisogna proteggerlo da tutto questo, almeno se gli si vuole assicurare sempre un’ ottima funzionalità e un’ ottimo aspetto dal punto di vista estetico.

trattamento cotto

Marbec - TUSCANIA OIL 1LT | Impregnante oleo-ceroso con effetto bagnato per cotto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,52€


Come scegliere il trattamento :

pulizia cotto Prima di procedere al trattamento vero e proprio, bisogna scegliere quale eseguire. Tale scelta dipende dalla tipolgoia di cotto di cui si dispone, ovvero se esso è di origine artigianale o industriale, dal come è stato posato, dal tempo che si ha a disposizione, del calpestio cui esso è soggetto cc ecc. In base al trattamento ovviamente si varierà la scelta del prodotto, del tempo che si destinerà ad esso, della frequenza di interventi ecc ecc.

Innanzitutto, quando si ha un ambiente umido in casa, bisogna trattare il proprio pavimento con prodotti ecologici e atti a proteggerlo da tale umidità. Se invece l’ ambiente è secco, è meglio optare per trattamenti con delle cere. La differenza di trattamento del cotto dipende anche dalla resistenza all’ usura del pavimento: un pavimento in cotto più delicato ha bisogno di un trattamento a base di acqua, che lo rende piùr esistente, mentre un trattamento a base di cere è meno efficace in questo senso.


  • impianto idraulico Per chi si occupa di fai da te nel campo delle costruzioni o ristrutturazioni, sapersi occupare di un impianto idraulico è molto importante, al fine di non avere più la necessità di rivolgersi agli es...
  • lampadario La luce, oggi come oggi, per l' uomo è un elemento indispensabile anche di sera, quando quella naturale offerta dal sole è ormai svanita. Fortunatamente, oggi l'uomo può avvalersi della luce ottenuta ...
  • manutenzione automobile In tempi come questi, il fai da te è una cosa che aggrada sempre di piu, quando si tratta della propria automobile poi, è ancora meglio. In questa sezione infatti troverai tantissimi articoli relativi...
  • levigatrice Spesso si sceglie di occuparsi di determinate attività, attività attraverso le quali è possibile rilassarsi, alleggerire un po' la propria mente, imparare tecniche nuove divertendosi e, da cui è possi...

FILA CLASSIC CERA LIQUIDA LT.1 (033210)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Trattamento cotto: Come procedere:

IL trattamento del cotto prevede due operazioni: il lavaggio e l’ applicazione di prodotti per la sua protezione.

Il lavaggio è finalizzato alla pulizia del pavimento da ogni tipo di sporco, in particolare dalla polvere, e all’ eliminazione di ogni impurità dai pori e dalle fughe. Ciò non è solo volto a garantire un’ igiene sicura alle persone che utilizzano tale pavimento, ma anche a permettere ai successivi trattamenti di agire in profondità. Essa è composta dalla rimozione dello sporco a secco, con l’ ausilio di una scopa manuale o di un’ aspirapolvere, e di un successivo lavaggio con acqua tiepida, anche senza particolari detergenti. Nel caso poi si vogliano utilizzare dei detergenti, è consigliabile utilizzare quelli neutri.

Per quanto riguarda invece la manutenzione, questa deve prevedere l’ applicazione di cere, se si sceglie il trattamento a cere, o di emulsioni in base acquosa. Più o meno queste applicazioni devono avvenire una volta ogni trenta giorni. Invece, quelli esterni, devono prevedere prodotti per proteggere il pavimento dal gelo, da acquistare presso negozi specializzati nella vendita di articoli per la casa o in articoli per il faida te.

Nel caso si abbaino dei pavimenti in cotto dotati di particolari capacità assorbenti, è bene effettuare un trattamento idrorepellente, anche prima del lavaggio, cosa che potrebbe causare assorbimento di umidità da parte del pavimento in cotto. Per i pavimenti esterni, invece, bisogna provvedere alla protezioni da tutti i tipi di agenti atmosferici, anche l’ acqua, che può levigarli.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO