Caratteristiche pellet

Caratteristiche pellet

Il pellet è un combustibile completamente ecosostenibile e pratico da adoperare. Attualmente è possibile reperirlo un po’ ovunque e si può acquistare nei supermercati, nei negozi di agraria e nei centri dedicati al fai da te. Si parla di prodotto ecologico in quanto per ottenerlo non è necessario abbattere alcun albero, ma vengono utilizzati esclusivamente gli scarti e le segature ottenute dalla lavorazione industriale del legame.

In commercio esiste un’ampia gamma di pellet e ciascuno differisce dall’altro per composizione, potere calorico e umidità contenuta.

I singoli trucioli che formano il pellet hanno un aspetto cilindrico e il loro diametro varia dai sei agli otto millimetri per una lunghezza compresa fra cinque ed un massimo di trenta millimetri.

Caratteristica fondamentale del pellet è la sua densità. Infatti un pellet di ottima qualità non può avere una densità inferiore ai 600 chili per ogni metro cubo di prodotto, mentre il suo contenuto di acqua deve rimanere sempre compreso fra il 5% e l’8% del peso complessivo.

I trucioli del pellet vengono realizzati attraverso un processo meccanico che necessita pressioni molto elevate. La segatura viene compattata e successivamente passa alla trafila per assumere la caratteristica forma che siamo abituati a vedere. Il legname adoperato per realizzare il pellet non deve contenere vernici né altre sostanze estranee perché durante la loro combustione potrebbero sviluppare elevati quantitativi di diossina.

I trucioli riescono a rimanere ben compatti senza degradarsi malgrado durante il processo di realizzazione non venga adoperato nessun tipo di collante.

Caratteristiche pellet

CANDELETTA ACCENSIONE PER STUFA A PELLET; FILETTATURA 3/8 280W 150MM 140MM; DIAMETRO 9,9MM; PIAZZETTA - CS THERMOS - ADLER

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16€


Compattezza e potere calorico del pellet

Compattezza e potere calorico La compattezza dei singoli trucioli di pellet è dovuta alla lignite. La lignite è una sostanza normalmente contenuta in tutti i legnami e se sottoposta ad elevate pressioni riesce a legare stabilmente fra di loro i singoli elementi della segatura. La lignite, essendo naturale, non ha controindicazioni e può essere bruciata senza che produca sostanze dannose né per l’uomo né per l’ecosistema.

Il pellet se paragonato alla legna presenta numerosi vantaggi. Infatti non solo si recuperano materiali di scarto che altrimenti andrebbero persi ma offre un potere calorifico nettamente superiore a quello della legna. Basti pensare che il potere calorifico medio della legna è di 4,4 kW per chilo con un’umidità pari al 15%. Tale umidità può essere raggiunta unicamente dopo almeno un anno e mezzo di stagionatura, mentre il pellet non ha bisogno di stagionatura e ha un potere calorifico medio del 6% per un’umidità non superiore all’8%.

  • stufa a pellet Il fai da te è un hobby che permette di interessarsi e di occuparsi di tantissimi campi e settori, quindi che può essere scelto e praticato praticamente da tutti, qualsiasi siano le proprie necessità,...
  • stufa senza canna fumaria La stufa è un mezzo di riscaldamento realizzato in vario materiale e in varie forme che viene utilizzato soprattutto per il riscaldamento di ambienti domestici, anche se ne esistono moltissimi modelli...
  • casa inverno Un dibattito acceso, forse eterno, che non smette mai di dividere uomini, donne, bambini, anziani e seppure in maniera diversa e incognita, anche gli animali. E’ l’approssimarsi delle stagioni, con il...
  • Stufa moderna a pellet Applicare la tecnologia e il progresso agli oggetti semplici che ci circondano è esercizio fin troppo semplice; un pochino più difficile è applicarlo direttamente ai settori di riferimento. Tra i tant...

RESISTENZA CANDELETTA ACCENSIONE PER STUFA A PELLET 270W 140MM 130MM; DIAMENTRO 9,9MM; FILETTATURA 3/8. PER AMG RAVELLI PIAZZETTA ALDER

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,4€


Come deve essere conservato il pellet

come conservare pelletIl pellet deve essere conservato in maniera corretta per evitare che le sue prestazioni si abbassino notevolmente. Per prima cosa, deve essere tenuto in un ambiente asciutto al riparo di deleteree infiltrazioni d’acqua.

In genere viene commercializzato in sacchi da 15 chili in materiale plastico che ne facilitano il trasporto e lo stoccaggio, sia a livello industriale che in ambito domestico. Dato che non sporca può essere sistemato nelle cantine purché non siano umide, nei garage, nelle soffitte oppure può essere messo in un angolo libero della casa.

È sempre meglio acquistarlo in estate o in autunno quando il suo prezzo di mercato è decisamente più basso rispetto a quello della stagione invernale. Infatti in inverno aumenta esponenzialmente la richiesta di pellet e il costo di conseguenza viene incrementato in maniera significativa.


Normative per il pellet

Il pellet per le stufe deve essere conforme a precise normative europee ad esempio la UNI CEN/TS 14961. Il pellet di bassa qualità o che comunque non sia conforme alle direttive internazionali può addirittura compromettere l’intero funzionamento delle stufe e fa decadere automaticamente ogni garanzia fornita dalla casa che l’ha costruita.

Il pellet scadente non garantisce una buona combustione e di conseguenza immette nell’ambiente un elevato quantitativo di fumi e sporca eccessivamente le tubature rischiando che si intasino in breve tempo. Inoltre, bruciando male, non ha un buon potere calorifico e scalda molto meno del pellet di alta qualità.




COMMENTI SULL' ARTICOLO