Canna fumaria: distanza dalle finestre

Canna fumaria in condominio: come procedere

Tanti sono i condomini che progettano una canna fumaria da poter installare su una facciata comune dell'edificio. Per poterlo fare nella massima legalità, è necessario tener conto di alcuni parametri riguardanti le distanze dalle finestre. Bisogna innanzitutto determinare il concetto di uso comune, riferendoci ad una canna fumaria condominiale. Come stabilito dalla Cassazione, questo è il diritto che permette a tutti i condomini di poter utilizzare un bene comune senza però escludere nessun altro dall'uso dello stesso. In particolare, a fare giurisprudenza ha provveduto il Tribunale di Bari con una sentenza inerente un caso di installazione di canna fumaria sul muro perimetrale del condominio. Infatti, secondo il denunciante, vi era una violazione del diritto d'uso: i giudici, però, come riportato nella sentenza, non hanno rinvenuto alcuna violazione del diritto di uso e non lasciava intravedere pregiudizi circa altri usi.
canna fumaria

Appendini porta asciugamani, per termoarredo, confezione da 6

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,43€


Distanza dalle finestre: cosa sapere

canna fumaria La sentenza emessa dal Tribunale di Bari ha fatto scuola nell'ambito delle canne fumarie condominiali non solo per quanto riguarda le eventuali violazioni del diritto d'uso, ma anche per le distanze da finestre e vedute delle abitazioni. Perciò, per poter installare una canna fumaria condominiale presso il confine va considerato anche lo spazio comune vicino all'immobile, oltre che quanto previsto dai regolamenti locali. In caso di mancanza di tali regolamenti, è buona norma tener conto delle regole utili a preservare le proprietà dei vicini da qualsiasi danno alla salubrità e alla sicurezza. Dunque, come stabilito anche dalla sentenza della corte pugliese, le canne fumarie possono essere installate senza alcun problema, purché non vi siano pericoli di danni o per la salute dei condomini che abitano nelle vicinanze.

  • stufa senza canna fumaria La stufa è un mezzo di riscaldamento realizzato in vario materiale e in varie forme che viene utilizzato soprattutto per il riscaldamento di ambienti domestici, anche se ne esistono moltissimi modelli...
  • Stufe senza canna fumaria Le stufe senza canna fumaria rappresentano un sistema di riscaldamento innovativo e totalmente ecologico. Senza canna fumaria non significa che il dispositivo non presenti alcun tubo di scarico, ma pi...
  • Stufe pellet senza canna fumaria Le stufe a pellet senza canna fumaria possono essere installate senza dover bucare la parete in previsione della messa in posa di una via di scarico per i fumi combusti. Infatti possono essere adopera...
  • installare un camino senza canna fumaria Una corretta installazione è molto importante quando si installa un camino.Se non si desidera installare una canna fumaria, la soluzione perfetta è un camino a gas. Cominciate a mettere in opera il ...

Sunway Pannello Riscaldante da Parete a Infrarossi con Cronotermostato Digitale Integrato - Riscaldamento Elettrico per Case e Piccoli Uffici - Controllo di Calore Variabile a Risparmio Energetico 400W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 160€


Regolamento condominiale e canne fumarie

canna fumaria e finestre Per poter installare una canna fumaria bisogna quindi tenere conto di quanto previsto dall'eventuale regolamento condominiale. Questo può essere di grande aiuto come regola d'uso per le parti comuni. Proprio per quanto concerne l'utilizzo delle parti comuni, vi è comunque un obbligo di rispettare le distanze legali quando qualsiasi condomino voglia installare un qualsivoglia dispositivo volto a creare un beneficio alla singola proprietà e che sia però in contatto con le proprietà di altri condomini dell'immobile. Per cui, per poter capire se hanno prevalenza le norme sulle distanze legali oppure quelle del regolamento condominiale andrà fatta una analisi della distinzione tra funzioni primarie svolte dalle parti comuni e usi secondari alle quali le stesse parti comuni possono dare origine. Dunque, qualora il condominio voglia utilizzare le parti comuni per soddisfare bisogni essenziali i quali possono essere soddisfatti solo con uso delle parti comuni, non verranno considerate prioritarie le norme sulle distanze legali.


Canna fumaria: distanza dalle finestre: Canne fumarie e decoro del fabbricato

canna fumaria1 Installare una canna fumaria all'interno di un condominio non è cosa impossibile se ci si attiene a quanto stabilito dalle norme vigenti. Una prima regola da seguire, come previsto dalla Cassazione, è quella riguardante il decoro del fabbricato in cui andrà installata la canna fumaria. Non bisogna in alcun modo intaccare l'aspetto e il decoro della facciata dell'edificio, rendendola dunque utilizzabile da parte di tutti i condomini. Inoltre, è fondamentale sapere anche le distanze dalle finestre della abitazioni così da non creare problemi di salute ai condomini del fabbricato. Seguendo quanto previsto dai regolamenti condominiali, bisogna comunque tener conto delle emissioni di fumi che possono essere tossici se inspirati. Come stabilito dall'articolo 844 del Codice Civile, nessun soggetto potrà limitare le propagazioni di fumo e calore provenienti da un fondo vicino, purché queste non siano eccessivamente fastidiose per gli abitanti limitrovi. In questo dunque l'autorità giudiziaria dovrà controllare le esigenze della proprietà, tenendo conto della priorità di un determinato utilizzo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO