Giardini giapponesi

vedi anche: Giardinaggio

Perchè conoscerli :

Attraverso il fai da te è possibile svolgere moltissime tipologie di operazioni, in modo che tutte le operazioni possano essere svolte da chiunque, e che chiunque possa ritrovare, nel fai da te, un hobby soddisfacente ed interessante, qualsiasi siano le proprie capacità ed i propri interessi. Il fai da te, quindi, include operazioni che spaziano da un campo all' altro, quindi dal giardinaggio alla manutenzione della propria automobile, dalla ristrutturazione della propria casa alla creazione di piccoli oggetti di bigiotteria e molto altro ancora. Tutte queste operazioni sono in grado di apportare notevoli vantaggi a chi le pratica: esse sono divertenti e permettono di esprimere la propria creatività e la propria personalità, e attraverso di esse è possibile modificare l' ambiente da cui si è circondati, come strutture quali la propria abitazione, il proprio ufficio o il proprio garage, o come piccoli oggetti. Ma è anche possibile imparare a prendersi cura di oggetti o, come nel caso del giardinaggio, di veri e propri esseri viventi, apprendendo tecniche nuove. Inoltre, attraverso il fai da te, è possibile risparmiare molto denaro, ottenendo dei risultati soddisfacenti: con questo tipo di “hobby” è possibile eseguire con le proprie mani dei lavori che, diversamente, sarebbero affidati a specialisti nel settore, come muratori, giardinieri, meccanici e così via, ai quali, successivamente alle rispettive prestazioni, sarebbe dovuta essere remunerata la loro manodopera. Grazie al fai da te, invece, tutte queste operazioni vengono svolge direttamente da chi le commissiona, in modo che l' unica spesa da affrontare è quella dei materiali.

giardini giapponesi

GRÜNTEK Cesoie TUKANE a incudine forbici da giardino 195 mm, lama in acciaio giapponese SK5, in alluminio con interno di gomma manici Ergo, Soft Touch

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€
(Risparmi 6,2€)


Cosa sono:

giardini giapponesi Al mondo esistono tantissime tipologie di giardino, come quello all' inglese o alla francese, che si può scegliere di coltivare. Spesso, si pensa che queste tipologie di giardino richiedano delle cure particolari, tanto che solo un esperto, come un giardiniere, possa occuparsene. Questo, tuttavia, non è vero: basta scegliere la tipologia di giardino che si preferisce e munirsi di tempo, buona volontà, informazioni e materiali necessari. Una delle tipologie di giardino che spesso non viene presa in considerazione, e che sicuramente è la meno conosciuta delle altre, è costituita dal giardino giapponese. Questa tipologia di giardino da un lato dona all' abitazione che circonda un aspetto nobile e curato, dall' altro conferisce un luogo pacifico e armonioso, in cui poter trascorrere delle ore di riflessione, mentre si pensa o si passeggia. Ma il giardino giapponese è anche particolare, pieno di accorgimenti da aggiungere man mano che sono in grado di renderlo in luogo molto evocativo, ma allo stesso tempo decorativo, in cui è possibile perfino tenere delle feste, se lo spazio è grande, anche se questo contraddice un po' lo spirito di questo giardino, simbolo della ricerca dell' uomo dell' armonia. Il giardino giapponese tende a mostrarsi come un insieme di piante che tra loro vivono in una naturale armonia, che l' uomo deve apprezzare e a cui deve aspirare: ogni fattore deve essere quindi equilibrato all' altro, dando l' impressione, però, non di qualcosa di studiato, bensì di qualcosa di naturale. Inoltre, il giardino giapponese deve progettato, se può essere sviluppato soltanto in piccoli spazi, in modo che all' occhio appaia come grande e spazioso.


  • termosifoni Il riscaldamento dell'abitazione è sicuramente un argomento molto vasto, infatti in questa sezione andremo a parlare del riscaldamento della casa a 360 gradi.Vi starete chiedendo però, precisamente ...
  • piastrelle Occuparsi di fai da te può essere un' operazione allo stesso tempo divertente, in quanto richiede creatività e permette di rilassarsi, ma allo stesso tempo particolarmente utile, in quanto permette di...
  • muratura Occuparsi di fai da te vuol dire, da sempre, fare due cose utili: divertirsi e rilassarsi dedicandosi ad un hobby e, allo stesso tempo, fare qualcosa per migliorare se stessi o l' ambiente in cui si v...
  • chiodi e viti Quando ci si occupa di fai da te, qualsiasi sia il campo in cui si sceglie di operare, non basta svegliarsi la mattina e scegliere di mettersi all' opera: affinchè tale lavoro vada a buon fine, bisogn...

Prodmaison - Piantatoio/coltello/sega da giardino, 3 in 1, giapponese, con custodia in pelle e lama in acciaio INOX

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Giardini giapponesi: Principi:

Per progettare un giardino giapponese, così come per progettare qualsiasi altro tipo di giardino, c'è bisogno di seguire dei principi, in modo che tale giardino possa essere quanto più simile a quelli che sono i parametri standard del giardino giapponese, e quindi che il risultato sia quanto più ottimale.

I principi da tenere in considerazione per la progettazione di un giardino giapponese sono :

1. L' asimmetria: ogni giardino giapponese è caratterizzato da curve sinuose e mai dritte, in modo da sembrare quanto più naturale. Infatti, un giardino livellato, in cui tutto è della stessa misura, da all' occhio una sensazione di artificiale, cosa incoerente con i principi del giardino giapponese.

2. Disparità: Per evitare un effetto visivo del giardino che risulti artificiale, si tende a renderlo quanto meno simmetrico, quindi si cerca di evitare anche la parità degli elementi, cercando di prendere, come “figura” tipo cui ispirarsi, il triangolo, che presenta tre lati, spesso disuguali, piuttosto che quattro uguali come il triangolo.

3. Naturalezza: è il principio in cui confluiscono tutti gli altri principi del giardino giapponese. Ogni cosa, al suo interno, deve essere naturale, e dare l' impressione di un qualcosa di spontaneo, proprio come una radura, e non come un giardino domestico e progettato e sviluppato artificialmente.

4. Contrasto: Per risaltare la naturalezza e per fare in modo che il giardino sia realmente asimmetrico, è bene non disporre da una parte elementi alti e dall' altra bassi, o da una parte elementi colorati e dall' altra elementi più cupi: è bene che i contrari siano alternati.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO