Rocce artificiali in gfrc

Che cosa sono le rocce artificiali in gfrc

Le rocce artificiali in gfrc sono estremamente diffuse per creare ambienti scenografici e per arredare diversi spazi: si va dalle tradizionali aree all'aperto e giardini alle piscine, ai centri benessere e alle saune. Infatti uniscono in maniera perfetta bellezza e funzionalità, così da poter essere inserite in ogni contesto. Sono molto versatili e il loro aspetto è difficilmente distinguibile da quello delle rocce vere. Le rocce artificiali in gfrc appartengono alla tipologia più recente e più diffusa sul mercato: gli elementi sono composti da pannelli prefabbricati in un materiale speciale: l'acronimo sta per Glass Fibre Reinforced Concrete e indica una miscela di cemento, fibre di vetro alcalino resistenti e cristalli di quarzo. In più vengono aggiunte piccole quantità di ossidi e specifici additivi chimici. Quindi si mette in opera un processo a spruzzo per realizzare superfici perfettamente simili a quelle delle rocce naturali.

rocce artificiali in giardino

POMPA D’ACQUA SOLARE DA GIARDINO FOTOVOLTAICO FONTANA PER LAGHETTO IRRIGAZIONE *POMPASOLARE*

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,58€


Usare rocce artificiali

rocce artificali Le rocce artificiali in gfrc sono elementi molto realistici e resistenti, che si adattano senza problemi negli ambienti artificiali poco convenzionali e/o di lusso. In questo modo si riesce a creare scenografie molto varie tra loro, in cui predomina l'aspetto naturalistico, esotico, storico oppure fantastico. Ad esempio si può mettere in opera un piccolo giardino roccioso artificiale oppure realizzare una grotta in cui riposarsi all'ombra. Sempre nei giardini le rocce artificiali in gfrc sono una variante suggestiva degli elementi naturali, in quanto decorative e funzionali. La loro collocazione va studiata in maniera attenta per poter avere un risultato a regola d'arte. Nel caso in cui si vogliano avere pareti rocciose su cui crescano piante e rampicanti, bisogna posizionare le rocce artificiali in luoghi soleggiati e lontano dagli alberi, così che i vegetali abbiano un adeguato apporto di luce. Anche i singoli blocchi vanno assemblati uno sull'altro in maniera tale che il drenaggio dell'acqua sia corretto: in pratica bisogna realizzare dei piccoli terrapieni. Invece se si vuole mettere in opera una parete rocciosa vera e propria è fondamentale assicurare i massi al terreno così da evitare cedimenti. Questo accorgimento è ancora più importante quando si ha a che fare con un ambiente esterno.


  • giardino Con “fai da te” si possono intendere davvero tantissime pratiche. Con questo nome, infatti, possono essere intese le operazioni di ristrutturazione della propria casa, la creazione di prodotti di bigi...
  • giardino all' inglese Chi si occupa di “fai da te” saprà sicuramente che, tra le pratiche rispondenti al nome di “bricolage”, una di quelle “per eccellenza” è sicuramente il giardinaggio. Il giardinaggio è un' attività mol...
  • pianta da giardino Per chi si occupa di giardinaggio è molto importante sapere quali sono le piante da giardino, o almeno conoscere le più diffuse. Le piante cosiddette “da giardino”, sono per lo più piante la cui sce...
  • arredamento giardino Con il termine “giardinaggio”, si intendono quella serie di operazioni attraverso le quali è possibile prendersi cura del proprio giardino, o del proprio orto, quindi anche delle singole piante che lo...

ROUNDUP POWER 2.0 CONFEZIONE DA 5 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,6€


Colori e composizione rocce artificiali

piscina con rocce artificiali Il gfrc è molto versatile e così si ha un'ampia libertà nel definire la soluzione sia dal punto di vista scenografico che da quello architettonico. In più è possibile realizzare stampi particolari, in maniera tale da avere elementi estremamente diversificati tra loro: ad esempio si possono riprodurre pavimenti in legno, colonne in stile romano oppure muri in porfido. Questo risultato si ottiene perché il materiale è leggero e resistente. Il colore finale riproduce quello delle rocce naturali oppure si può realizzare una colorazione superficiale spruzzandovi sopra vernici privi di solventi tossici.


Rocce artificiali in gfrc: Le tecniche di lavorazione delle rocce artificiali in gfrc

rocce artificali Per realizzare le rocce artificiali in gfrc si immettono dentro una pistola a spruzzo le fibre di vetro in maniera tale che abbiano la forma di un fascio continuo; quindi si calibra la pistola per tagliarle così che siano più o meno lunghe. Infatti la loro dimensione va da un minimo di 25 centimetri a un massimo di 50 centimetri. A questo punto si usa l'attrezzo per spruzzare le fibre mischiate alla malta in stampi: questi ultimi hanno la forma di veri e propri massi in quanti sono calchi di rocce naturali. Di conseguenza il risultato finale è uguale a un elemento naturale sia per quanto riguarda la forma che per la superficie. Infine si modella a fresco il materiale così che l'elemento abbia la forma desiderata. Le fibre di vetro sono i materiali che determinano la resistenza delle rocce artificiali in gfrc: di conseguenza è possibile avere elementi di ridotto spessore. In questo modo si può realizzare una struttura originale installando i pannelli di roccia artificiale su un telaio portante metallico.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO