Innesto a spacco

Innesto a spacco

Tra i vari tipi di innesti per arbusti fruttiferi di grosse dimensioni è molto diffuso il tipo definito “a spacco”; questo è un tipo di innesto a marza (ramo a punta) molto diffuso in frutticoltura per piante a dimora. L’innesto a spacco può essere effettuato inserendo nel soggetto una marza ed operando in maniera leggermente differente. il soggetto viene preparato dopo essere stato capitozzato con un taglio inclinato che interessi poco più della metà del diametro. Sulla sezione orizzontale si praticherà una spaccatura verticale con una sola incisione. Questa dovrà arrivare ad interessare anche il midollo ed avere una profondità di 4-5 centimetri. La marza prelevata avrà due o tre gemme e sarà ben lignificata (ramo di un anno). La sua parte basale quella che si inserirà nel soggetto, verrà foggiata a becco con due tagli lunghi 4-5 centimetri che devono essere convergenti. Se si sta preparando la marza di vite un taglio arriverà fino al midollo, l’altro no. Comunque le parti laterali ai tagli obliqui e quelle ricoperte dalla corteccia, non dovranno avere lo stesso spessore. In particolare è necessario che sia più larga la parte che si posizionerà all’esterno, in corrispondenza della quale si troverà anche la prima delle gemme della marza. L’innesto a spacco, ha tuttavia conosciuto nel corso degli anni delle variazioni per cui oggi quando parliamo di questa tipologia di innesto non possiamo esimerci dal citare gli altri tipi che sono i seguenti: innesto a spacco pieno, innesto a spacco laterale e l’innesto a spacco inglese (semplice).

innesto a spacco

PINZA INNESTATRICE MANUALE 3T + Guida all'Innesto Omaggio - Made in Italy

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,9€


INNESTO A SPACCO PIENO

innesto a spacco Si può scegliere di attuare uno di questi tipi di innesti quando soggetto e nesto abbiano all’incirca le stesse dimensioni diametrali. Per eseguire l’innesto a spacco pieno occorre taliare il soggetto con un’unica incisione orizzontale quindi, praticare una fenditura verticale e centrale profonda 2 centimetri circa nella quale sarà alloggiata la marza. Questa si prepara eseguendo due tagli obliqui e convergenti con i quali le si darà una forma a becco, della lunghezza di due centimetri. Infine divaricando il taglio del soggetto si inserisce marza così sagomata, si effettua la legatura dal punto di innesto e si stende sulle superfici libere il mastice. Anche in questo caso si può provvedere alla legatura del portainnesto sotto l’incisione verticale perché questa non si approfondisca durante l’inserzione della marza.


  • Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe...
  • potatura della lavanda Quando si decide di occuparsi di giardinaggio, si deve tener presente che questa scelta non deve essere soltanto dettata dal fatto che, coltivando delle piante, queste producono foglie e fiori molto b...
  • gerani Ogni volta che si sceglie di occuparsi di giardinaggio si conclude una scelta che include sia molti vantaggi che molti svantaggi. Per quanto riguarda i vantaggi, è abbastanza risaputo che il giardin...
  • piante di rose il giardinaggio è un' occupazione molto amata e molto apprezzata, che permette di ottenere molti vantaggi dalla sua pratica, ma che comunque comporta alcuni svantaggi e qualche difficoltà, nonché l' a...

INNESTATRICE 3T + INN. COMPLEMENTARE + Guida all'Innesto = 4 Tipi d'Innesto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,8€


INNESTO A SPACCO LATERALE

INNESTO A SPACCO LATERALE Contrariamente agli innesti precedentemente descritti, quello a spacco laterale non presuppone che il soggetto venga immediatamente tagliato. Questa operazione si eseguirà solo dopo che la marza sarà attecchita e quando i germogli si saranno sviluppati per una ventina di centimetri. Quanto detto comporta un indiscutibile vantaggio; infatti, essendo questo innesto praticato su piante adulte in produzione, il mancato attecchimento della marza non provoca anche la perdita economica del mancato prodotto. Oltre che per reinnestare lo spacco laterale può essere utilizzato allo scopo di inserire sulla pianta parti mancanti dello scheletro. L’innesto si attenua eseguendo sul soggetto in posizione adeguata (al piede o dove si vuol far sviluppare il ramo), una incisione obliqua, profonda due o tre centimetri che entri ad interessare anche il legno. La marza ben lignificata si prepara a becco, con due tagli obliqui e convergenti ma asimmetrici in modo che la superficie messa a contatto con il soggetto sia estesa il più possibile.


INNESTO A SPACCO INGLESE (SEMPLICE)

Questo tipo di innesto a spacco è tipico per la vite, eseguito in primavera inoltrata e precisamente alla fine del mese di maggio su soggetti a dimora ed è stato esteso nella pratica anche al kiwi e all’avocado. Per eseguire questo innesto occorre che il soggetto ed il nesto abbiano lo stesso diametro. Sul portainnesto si praticherà la capitozzatura con un taglio netto, inclinato in modo che la superficie tagliata formi con il dorso più lungo del portainnesto un angolo di 16-18 gradi circa. Sulla marza si praticherà un taglio con identica inclinazione, in modo che le superfici soggetto-nesto sovrapposte, combacino perfettamente. Si passerà, quindi alla legatura del punto di innesto che dovrà essere accurata perché si deve impedire alla marza di scivolare dal portainnesto. Per evitare eventualmente questo problema si può ricorrere allo “spillo midollare”. Si infligge cioè nel midollo del soggetto, un pezzetto di filo di ferro sul quale si infilerà anche la marza. Gli inglesi tuttavia per rimediare in un modo diverso a questo inconveniente hanno studiato una soluzione migliore chiamandola innesto a doppio spacco. Il suo utilizzo si è diffuso non solo per la vite, ma anche per le altre piante da frutto. Si esegue quando i bionti hanno lo stesso diametro e sono lignificati sia durante il riposo vegetativo (generalmente eseguendo l’innesto al tavolo) che con piante a dimora, prima del riposo primaverile. Con il termine di innesto a tavolo si intende l’innesto eseguito in locali coperti. Il portainnesto può essere nel caso della vite una talea che dopo l’innesto verrà sottoposta a forzatura per facilitare il callo nel punto di innesto, e successivamente in un luogo dove le talee vengono poste a radicare. Questo luogo viene chiamato barbatellaio e corrisponde ad un vero e proprio vivaio. La forzatura degli innesti talea si eseguono mettendo il materiale stratificato in cassette e tenendolo ad una temperatura costante di 30 gradi centigradi per circa 15-20 giorni. Trascorso tale periodo avviene la saldatura tra i due bionti.



Guarda il Video
  • innesto a spacco L’innesto a spacco viene praticato sulle piante ornamentali o da frutto per innestare una specie più pregiata su una spe
    visita : innesto a spacco

COMMENTI SULL' ARTICOLO